Crevecoeur – #1 (Drella, 2007)

Mi piace pensare che i francesi siano tutti degli stereotipati figli di Jacques Tati, prima ancora che nostri compagni europei. Dirimpettai, a due passi da qui, svicoloni e guasconi, come un po' tutto ciò che fa rima con campioni, a meno di un anno dalla sconfitta, loro, e dalla vittoria, nostra, della Coppa del Mondo di Calcio…
Diciamolo subito, qui la finale si ripropone al volo metaforicamente in un confronto serrato con i nostrani Ronin. Forse esiste davvero un fil rouge che unisce la nostra identita europea, nel corrompere giovani menti male educate alle sonorità del punk riprogrammandole da qualche parte tra lo spaghetti western morriconiano, i balcani e la ruralità contadina delle nostre campagne. Nelle metropoli si cerca un filo rosso che ci riporti ai nostri avi, migrati qui da chissà dove alla ricerca di chissà cosa. Gli assalti sonici sono messi da parte, le ripercussioni kraute pure. In una sorta di sagra di paese tra chitarrini, casse basse e acustiche, trombe ci troviamo di fronte alla nazionale francese di indiefolk, il cui primario referente dalle nostre parti sono proprio i già citati milanesi. A tratti il paragone sfiora l'imbarazzante, un pareggio sportivo che vede prevalere i nostri solo ai supplementari, se non altro per campanilismo.
Ma se ai due fulgidi esempi di re-azione in recupero della tradizione storica, viene sovrapposto come arbitro un prodotto come quello degli americani Brokeback, sorta di Tortoise acustici, eccoci, finalmente, a quadrare il cerchio di centrocampo. Tra una sega e un Sapientino, si fa strada dalla tribuna un pianoforte Tiersen-iano; un violino tzigano quasi A Hawk And A Hacksaw e un momento da campeggio al fuoco, così si dipana la interessante trama del dopopartita. E' un gruppo che mi piacerebbe incontrare di persona per tastare se riescano anche dal vivo ad intessere le loro immaginifiche storie con la stessa maestria con cui dosano i mille strumenti ben rappresentati nello splendido artwork. Se sono spensierati e allegri come l'attore francese citato, credo sia più che lecito aspettarsi grandi cose, che sbocceranno magari in un leale confronto con la truppa capitanata da Dorella. E se i nostri si allontanano a bordo del loro galeone dei dannati, i Crevecoeur mi piace pensarmeli diretti chissà dove in bicicletta, con quell'andatura dinoccolata che solo il Tati di Giorno Di Festa riusciva a mantenere.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Black Eagle Child/Donato Epiro - Split LP (Blackest Rainbow, 2010)

Sarà l'inverno o tutta la roba senza senso o tirata che ho ascoltato ed ascolto, ma ogni tanto provo un…

01 Nov 2010 Reviews

Read more

Claudio Parodi - The Mother Of All Feedback (Extreme, 2009)

Terzo giro di boa per il ligure Claudio Parodi e terzo disco che mette in luce quanto si tratti del…

29 Sep 2009 Reviews

Read more

Frana - Disastersss (Taxi Driver/Santavalvola/Sonatine, 2021)

I milanesi Frana ci sono simpatici. Come se fossimo ancora nel1997 si divertono a coniugare brillantemente i Quicksand, i Bastro…

06 Apr 2021 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days - Field’s End (Final Muzik, 2020)

Il sodalizio fra i Twelve Thousand Days di Martyn Bates (Eyeless In Gaza) e Alan Trench (Temple Music) e la…

27 Dec 2020 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Alberorovesciato/Donato Epiro - S/T (Sturm Und Drugs, 2010)

Nuovo lavoro per l'etichetta pugliese e nuovo episodio per Donato Epiro, questa volta in combutta con Alberorovesciato per uno split…

04 Oct 2010 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Thursday Evening (Grey Sparkle/Old Bycicle/Lizard/Show Me…

Buffo che mi accinga a scrivere del nuovo disco degli Sparkle In Grey proprio un giovedì sera, proprio quando "le…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Die! Die! Die! - Form (Golden Antenna, 2011)

Con un nome che lascia pochi spazi alle interpretazioni e che ha fattto venire il sangue alla testa all'amico Emiliano…

30 May 2011 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

23RedAnts & Pablo Orza – Red Night (Setola Di Maiale,…

Il violoncello gode ultimamente, in campo avant, di grande considerazione, dalle composizioni neoclassiche di Julia Kent a quelle più cinematiche…

04 Apr 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top