Controlled Bleeding & Sparkle In Grey – Perversions Of The Aging Savant (Off/Old Bicycle, 2015)

Metti una band storica che ha esplorato con risultati eccellenti davvero tanti generi musicali e una band che sta diventando storica e che riesce a poporre roba davvero interessante ogni volta che fa uscire materiale nuovo. Più di trent’anni da una parte e (già) dieci dall’altra. Free-prog-jazz-noise-ambient e post-rock-electro-neo-classical. Può funzionare? Sì. Oh, se sì. Sì, tantissimo. Una ventina di tracce per un album che viene definito anti-split. Perchè è troppo per esserlo, sia in durata che in qualità offerta; uno split è un pò una marchetta, un biglietto da visita, un assaggio, qui invece si parla di un primo corposo capitolo di biografia. Doppia, se si vuole, ma anche no, visto che la grossa evidenza è che Controlled Bleeding e Sparkle In Grey non solo sono bravi a suonare, ma, soprattutto, sono bravi a comunicare, a trasmettere a terzi quello che mettono in quello che suonano. Quindi possono essere considerati un unico. Per questo, forse, di quello che pare ‘troppa carne al fuoco’ non si brucia nulla. Anzi. Ed è un’alchimia mica da ridere quella che si forma nella coesistenza equilibratissima tra Garage Dub (una storia musicalmente tosta costruita su un basso gonfio e in odore di blaxploitation), Springtime in Brooklyn (aerea e delicata come un carillon), Perks (uno schiaffo quasi industrial) e Birdcanned Pt.1 & 2 (più di sette minuti di quello che pare ‘controlled improvisation’ e free jazz) – e tutto ciò solo per quel che riguarda i Controlled Bleeding, e già così se ne definisce la grandezza – per approdare alle tracce dei Nostri che, non da meno, producono una suite eccelsa di quattro pezzi, divisi solo per motivi pratici direi, visto che li trovo un unico flusso denominato Idiot Savant, che filano e intrecciano varie melodie e suoni, che attraversano vari territori: da un delicato pianoforte a un pezzo elettronico, passando per rock e noise. Come sempre, segnalo una bella cover, con grafiche curate da Uggeri e illustrazioni di Jeffrey Postma, interessante giovane ed eclettico olandese. Certi nomi sono sempre garanzia di qualità. Gran bel lavoro.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mongoholi Nasi - Contusioni (Niente, 2011)

Non poteva mancare un nuovo episodio della saga sonora di Mongoholi Nasi sulla genovese Niente, infatti nel passato il signor…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Deerhoof - The Magic (Clapping, 2016)

Tanto li avevamo amati all'inizio millennio (Milk Man, Friend Opportunity) quanto  detestati in seguito proprio per quel presunto inaridimento creativo…

11 Nov 2016 Reviews

Read more

VV.AA. - B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally…

09 Sep 2020 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 2 (16/10/14)

Seconda puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con lo speciale sull'etichetta Ebullition Records.…

22 Oct 2014 Podcasts

Read more

Julia Kent - Character (Leaf, 2013)

Terzo disco solista per Julia Kent, che si accasa questa volta su Leaf, in un continuo crescendo di notorietà: Character…

21 Mar 2013 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Non Voglio Che Clara - s/t (Aiuola, 2006)

Ad un certo punto della nostra vita, fin qui breve, ci si trova, nei propri vent'anni, a fare i conti…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Belf/Grubbs/Pilia - Onrushing Cloud (Blue Chopstick, 2010)

Esame di laurea per i nostri due connazionali, Andrea Belfi (ex Rosolina Mar e coinvolto in innumerabili progetti) e Stefano…

23 Sep 2010 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Humcrush - Enter Humcrush (Shhpuma, 2017)

A sei anni di distanza da HA!, collaborazione con la singer e improvvisatrice Sidsel Endresen, il duo Humcrush pubbica il…

23 Apr 2018 Reviews

Read more

Vasco Brondi - Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni…

Fra la fine del secolo appena passato e l'inizio del nuovo abbiamo assistito al ritorno di una multidisciplinarietà a…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo…

17 Jun 2015 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

Paramount Styles - Heaven's Alright (Cycle/Konkurrent, 2011)

Torna Scott McCloud (per chi non lo conoscesse consiglio anche un ascolto delle sue vecchie band: Girls Against Boys, New…

19 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top