since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

COG – Course Over Ground (Moonlee, 2007)

Urticante e spigoloso "blues‘n'crawl" croato di ispirazione palesemente Shellac/Jesus Lizard. Forse un filo troppo simile alle fonti ispirative per non pensarci, ma le contrazioni, i ripensamenti e i morsi della chitarra, evidente sintomo di tecnica tutt'altro che mediocre, distendono il fiato ad un disco che, per definizione stilistica, si muoverebbe su coordinate principalmente nevrotiche e paranoidi. Viene naturalmente da chiedersi se ha un senso oggi produrre ancora sonorità di questo tipo, cioè tanto simili a modelli originali già consolidati nella hall of fame del rock indipendente. Assolutamente sì. Non so cosa pensiate della ex band di David Yow, tra l'altro fuori oggi con un nuovo progetto:per quanto mi riguarda sono sicuro che allo scoccare del nuovo decennio i Jesus Lizard saranno tra i grandi misconosciuti prime movers dei novanta da rivalutare e portare in cattedra. Finchè non si riuniranno. Ma di questo preferirei non parlare. I COG quindi dove li mettiamo? Li mettiamo sul palmo della mano, tra i conoscitori di buona musica tutta "treble guitar", basso Music Man e "batteria burattina". Consigliato a chi adora la vita nelle metropoli, a chi divora le recensioni di Andrea Prevignano e a chi ha preso in libreria il nuovo libro sulle tecniche di "air guitar". Gli eredi di Transmisia quindi, e chi non li conosce vada pure in edicola.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

Back to top