Cobra Experience – 04/11/10 Locanda Di Campagna (Lonato – BS)

Ultimo concerto dell'anno alla Locanda (si riprenderà a primavera) con il nome da me più atteso, quei Cobra Experience che avevo visto un annetto fa all'Ekidna. Al tempo il gruppo, un quartetto che comprendeva il batterista dei G.I. Joe e il chitarrista dei Nervous Kid in veste di bassista coadiuvati da una sezione di percussioni e da un flauto traverso, diede vita a un gran concerto di musica free fortemente psichedelica. È quindi con un po' di disappunto che noto come stasera la formazione sia un semplice terzetto con "banali" batteria, chitarra e basso, essendosi aggiunto ai due membri base il chitarrista dei Buzz Aldrin. In realtà in prima battuta questi strumenti rimangono a riposo in favore di due steel guitar, così come poco usate sono le pelli, concentrandosi il batterista sui piatti, battuti delicatamente. Chiedo venia per aver dubitato: lo spirito è sempre lo stesso, semplicemente il Cobra cambia pelle, per scelta o necessità, cercando e creando nuove situazioni. Ad una delle steel che stende un leggero drone di fondo risponde l'altra ricamando melodie aleatorie, mentre la batteria si fa via via più percussiva: se a Pompei al posto dei Pink Floyd ci fossero stati i Popol Vuh di Affenstunde, il risultato sarebbe stato qualcosa di simile. Intanto il suono va sempre più incanalandosi verso sonorità rock, sebbene in strutture piuttosto libere: una steel è sostituita dal basso, la tensione sale e quando anche la seconda lascia il posto alla chitarra siamo in cobra_experiencelocandapieno vortice elettrico. Nel giro di un quarto d'ora il pezzo da etereo si è fatto solido, in un crescendo che il cambio d'assetto in corsa ha contribuito a rendere ancor più marcato. Già che siamo ormai stati condotti in territori elettrici, su questi si gioca il secondo brano, meno esaltante: un lungo hard free form potente ma non memorabile, soprattutto incapace di ricreare il trasporto del precedente. Quel che è peggio è che tutto sembra concludersi qui, coi musicisti che salutano e ripongono gli strumenti: urli di disappunto e qualche applauso li convincono a continuare. Si fa dunque un mezzo passo indietro, il basso rimane ma la chitarra fa nuovamente spazio alla sorella orizzontale e subito si ripresentano le atmosfere sognati, coi profili sfumati dal suono della steel e la sezione ritmica che cerca di dare concretezza al tutto. Il canovaccio è simile a quello iniziale e non è un male: la formazione è inedita e di recente costituzione, le possibilità date da un simile assetto strumentale tutto sommato limitate ed è svariando su questi schemi che la band rende al meglio, quindi giusto perseverare. Si ripropone quindi la staffetta col ritorno della chitarra, i toni si alzano con la batteria che scompiglia figure matematiche, il basso che lotta per far quadrare i conti e i presenti che si fanno di buon grado trascinare verso la conclusione, finalmente soddisfatti. Un bel finale, decisamente. Restano solo due domande; la prima: cosa ci riserverà la nuova stagione della Locanda? La seconda: come ci si presenteranno i Cobra Experience la prossima volta? Potrei oziosamente rispondere con una citazione di Lucio Battisti, ma forse è meglio chiudere qua.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bruital Orgasme – Méthodologie Contextuelle (Sincope, 2016)

Leggendo il nome del gruppo e conoscendo l’opera di indagine dei più reconditi anfratti del rumore portata avanti dalla Sincope…

25 Nov 2016 Reviews

Read more

St.Ride - Antologia Del Medio Mongoholi Nasi (Setola Di Maiale,…

"Genova's best kept secret", ma sarà davvero un segreto? Alla fine io li ho scoperti con quel piccolo capolavoro (e…

10 Jan 2008 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Vetro - Rapido Sguardo Dialettico (Sincope, 2013)

Sincope non è solo una etichetta di musica noise industriale e Massimo Onza ce lo ricorda pubblicando qua e là…

10 Dec 2013 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Morse Code – The Night An Artificial Light (Monster, 2010)

I redivivi (ex-)Caboto Alessandro Gallerani (chitarra), Alessio Crotti (basso) e Stefano Passini (batteria) mettono insieme un gustoso tritato misto (da…

27 Sep 2010 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Arashi – Jikan (PNL, 2019)

Dopo la recente collaborazione del guru della scena free giapponese Akira Sakata (sassofono, clarinetto basso e voce) al progetto New…

20 Jun 2019 Reviews

Read more

Verme Robots - Crawling In The Rush Hour (I make…

La produzione è ottima, buoni musicisti, rock articolato, complesso e raffinato che si muove dai R.A.T.M. fino ai bastioni…

10 Dec 2009 Reviews

Read more

Tetrics - S/T (Autoprodotto, 2012)

I Tetrics nascono come dinamica cover band della provincia anconetana, qui all'esordio con pezzi tutti originali. Apparentemente non ci sono…

11 Jun 2013 Reviews

Read more

My Disco - Little Joy (Shock/Temporary Residence, 2010)

I melbournians My Disco con questo Little Joy rispettano in pieno la regola aurea del rock and roll: infatti, come…

10 Jan 2011 Reviews

Read more

Fuck Buttons - Slow Focus (ATP, 2013)

Sono tornati i giganteschi droni dei Fuck Buttons quando proprio non potevamo più farne a meno. Il vero compromesso tra…

03 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top