Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona, data intermedia di un mini-tour italiano che ha già toccato Torino e si concluderà a Milano. L’occasione di assistere al concerto di un nome leggendario di quella che è stata una delle ultime avanguardie è allettante, sebbene il rischio sia che tutto si risolva in un puro e semplice revival.
Per quanto il gruppo di Sheffield abbia per lungo tempo saputo seguire e finanche anticipare alcune tendenze, l’accelerazione che il mondo ha subito negli ultimi anni ha portato la realtà ben oltre le loro più azzardate previsioni e le ultime uscite discografiche, nonostante i supporti insoliti, se non proprio rivoluzionari (una chiavetta USB…), sono musicalmente piuttosto conformi a quanto prodotto fra la fine degli ’80 e i primi ‘90. Di contro, l’Adi Newton saggista che avevamo incontrato nel libro che celebrava i 25 anni di attività della Minus Habens ci era apparso ancora attento e critico nei confronti del presente e questo può far ben clock_dva_interzona_2sperare. Staremo a vedere. Quel che è certo è che, almeno nella percezione del pubblico, le tendenze passatiste sembrano prevalere: nel locale che va piano piano riempiendosi al suono del primo album dei Sucide, la fanno da padrone gli abiti scuri e i visi attempati; con poca originalità aderisco perfettamente ad entrambe le tendenze. A discostarsene, almeno in parte, è la band: in questa nuova incarnazione i Clock DVA schierano, oltre allo storico leader, Maurizio TeZ Martinucci e Panagiotis Tomaras che sovrintende ai visual; i due, in tuta completamente bianca, si dispongono ai lati di Newton, occhiali fumé e tenuta candida anch’egli, ma a onor del vero più simile a un pigiama che a una divisa. Per lui il confronto con le immagini del passato è impietoso: più che un esponente della controcultura assomiglia a un redivivo Lucio Dalla. Discorso diverso vale per la musica: la scaletta è monopolizzata dai recenti Post Sign e Clock 2 con solo un paio di ripescaggi da Buried Dreams a solleticare gli istinti dei più nostalgici, ma davvero non si nota la differenza. L’iniziale The Konstruktor è di quest’anno, ma con le sue trame clock_dva_interzona_3sintetiche e la voce recitata potrebbe tranquillamente essere una B side di qualche singolo di Man-Amplified. Lo stile è quello, inconfondibile e fin dalle prime note appare chiaro che resistere è inutile: ci si trova immersi nella purezza del suono elettronico, con le immagini geometriche e lucenti proiettate sullo sfondo che accentuano ancora di più l’idea di trovarsi un mondo completamente digitale, con solo i tre uomini sul palco a testimoniare, o forse solo a farci credere, che non tutto sia in mano alle macchine. È quello che volevamo, inutile negarlo. Come ipnotizzati ondeggiamo scossi dalle ritmiche kraftwerkiane e qualcuno accenna addirittura a un passo di danza, sebbene la minimal techno venata di toni dark poco si presta al ballo e i momenti prossimi all’EBM siano rari. Nella successione di brani nuovi eppure con un che di familiare, riconosciamo, verso la metà, Sound Mirror (da Buried Dreams) seguita da una Kabaret 13 scura e straniante, forse il pezzo migliore della serata, tutto ritmiche irregolari e suoni che si sovrappongono senza mai trovare una stabilità: sembra poterci clock_dva_interzona_4risvegliarci dalla trance robotica che ci ha pervasi finora. È comunque solo un attimo e mentre alle geometri proiettate cominciano ad alternarsi immagini tratte da filmati d’epoca, con la figura del guru William Burroughs particolarmente presente, c’è ancora tempo per un paio di pezzi prima del consueto siparietto di discesa e risalita sul palco per i bis, che sono De-Konstructor, versione destrutturata ed estesa del pezzo d’apertura e The Hacker (Hacked), brano manifesto che davvero non poteva mancare. Poi le macchine tacciono e rientriamo nella realtà: siamo stati via un’oretta, ci è sembrato anche meno. Riportiamo con noi la consapevolezza che i  Clock DVA sono vivi: non più profeti di un mondo futuro, ma testimoni di un presente alternativo.

foto in homepage da Sull’Amaca Blog

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fuzz Orchestra – Morire Per La Patria (Wallace/Boring Machines/Brigadisco e…

Tornano col loro noise '70 diversamente strumentale, cinematografico e politicizzato, i Fuzz Orchestra e, per la prima volta su disco,…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia,…

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi…

25 Oct 2017 Reviews

Read more

IQ+1 ‎– Conversaphone Plus (Mappa Editions, 2019)

Un ensemble piuttosto interessante quello degli IQ+1 che con il nuovo album costruisce un linguaggio che si fa ben apprezzare,…

09 Feb 2019 Reviews

Read more

Aucan – Dna EP (Africantape/Ruminace, 2010)

È un laboratorio, questo EP, dove gli Aucan manipolano il proprio codice genetico partendo dal presupposto che "il domani è…

08 Feb 2010 Reviews

Read more

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen…

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli…

13 Oct 2009 Live

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

Il Guaio - S/T (Lingua, 2014)

Dalla Lingua Records, satellite dell' universo Minus Habes, arriva questa interessante deriva electro pop. Il Guaio è un piacevole incrocio…

17 Jul 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top