Clara Clara – AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e titolo del disco, i Clara Clara tirano fuori un gran bel disco. La cui unica pecca, va detta immediatamente, è una eccessiva omogeneità e una natura fin troppo chiaramente legata alla dimensione live. Un trasporto emotivo guidato da quella frenesia e quell'urgenza che informa le tirate del miglior agit-pop-rock in salsa no wave dell'ultimo decennio. Dichiaratamente legati a quelle che sono le dinamiche del pop obliquo degli ormai sdoganati Deerhoof, i francesi caricano le strutture sulle spalle del batterista Francois Virot, ennesimo moderno Keith Moon, degli Who, cresciuto nelle orme giganti di due mostri contemporanei quali Zach Hill degli Hella e Greg Saunier dei poco sopra citati capofila della scena di Oakland. Il drumming potente e presente che detta le ripartenze e crea quei movimenti interni alle ripetizioni viene perfettamente integrato dal basso del supposto fratello Charles Virot, in un dialogo reminescente dei passaggi più postpunk degli indimenticabili Unwound. La parte del leone, della rovina famiglie che mette scompiglio nelle linee già irregolari della sezione ritmica, tocca a Amelie Lambert con le sue tastiere. I suoi sintetizzatori citano indifferentemente gli Scream come quelle scatenate fuori di testa delle Subtonix. La melodia catchy e potente al tempo stesso delle rotonde onde della Lambert conduce i pezzi al loro pieno compimento. I pezzi, tranne alcuni climax raggiunti grazie a liberatori tribalismi vocali cantati in coro dai tre, sono infatti strumentali, e la poppiness rimane solo accennata senza mai sfociare nè nella canzoncina bubblegum nè, con l'aggiunta di un insolente sax ad esempio, nel noise più Skin Graft-iano che rimane così alla portata delle loro mani senza mai esplodere. Come da trend degli ultimi anni anche queste ritmiche così intense sono adattissime al dancefloor alternativo: vi sfido a rimanere fermi su un brano come il penultimo epico Bravo Princesse. Il beat è quello giusto e la costanza nell'incedere del basso permette di accennare i passi minimi per lanciarsi nel pit a testa alta. La soluzione più semplice sembra proprio quella di biglietto da visita per un live d'eccezione, garantisce il giro SK mai parco di energia su un palco. Un ricordo che affiora alla mente, quasi un riferimento obbligato, va al live di Duracell, inglese trapiantato proprio a Lione: con solo batteria e sequenze programmate raggiunge vette simili semplicemente citando, o coverizzando, le andanti colonne sonore dei videogiochi che la nostra generazione ha, evidentemente, così ben metabolizzato crescendo. Non un trend, quindi, ma una vera ossessione sotto pelle, inconscia, che sta portandoci ad una simpatia naturale, quasi una affinità elettiva, con queste sonorità insistite di post-video-garage-games-rock. Ascoltare il Rondò Veneziano meets Trans Am meets R-Type che è il conclusivo S'Il Vous Plait! Bravi ai Clara Clara. Bravi alla SK. Bravi tutti. Ci piace questo disco, ci piace!

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Massa Sonora Concentrata – Boe (Setola Di Maiale, 2015)

È terra estrema la Sardegna, in senso geografico e culturale, terra di confine e di confini. Se dall’isola ci sono…

18 Dec 2015 Reviews

Read more

The Maniacs - S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia…

04 Dec 2009 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Riprendiamo e concludiamo il racconto delle vicende di Gentry Densley e delle sue creature, ripartendo dall'ultimo periodo degli Iceburn, quello…

06 Mar 2012 Articles

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Autoprodotto, 2006)

"777 the neighbour of the beast" recitava una vecchia maglietta degli House Of Pain, tempi in cui l’hip hop era…

28 Nov 2006 Reviews

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Heliogabale - Blood (Les Disques Du Hangar, 2010)

Un gruppo particolare gli Heliogabale, di cui avevo del vecchio materiale ma che era un po' che non sentivo nominare:…

09 Oct 2010 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Plakkaggio - Verso La Vetta (Time To Kill/Hellnation, 2022)

L'eterno ritorno. Chris Nunnos e Gabbath si riaffacciano con band rimaneggiata, ma sempre fedele al metallo più puro e classico.…

22 Mar 2022 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - (B)Haunted (Silentes, 2014)

Ogni tanto è utile un ripasso della fitta discografia di Gianluca Becuzzi, specie per quei titoli pubblicati in edizioni strettamente…

29 Sep 2014 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top