since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Chris Forsyth & Shawn Edward Hansen – Dirty Pool (Ultramarine, 2009)

Di recente mi è capitato di guardare di sfuggita un articolo che riguardava esattamente questi due musicisti, ammetto di essere parecchio ignorante quindi non conoscevo esattamente il lavoro fatto da Chris Forsyth e da Shawn Edward Hansen. Questo disco esce per la stessa Ultramarine che ha fatto uscire i Right Moves di e con Kevin Shea e Ninni Morgia. A differenza di questi ultimi, pur lavorando su delle improvvisazioni i Dirty Pool non sono né rock né hanno il classico suono impro radicale o comunque quello che ci si può aspettare da un duo del genere.
Il disco si compone di tre lunghe tracce in cui la chitarra di Forsyth ha un ruolo di prim'ordine, dal lungo solo della lunghissima suite d'apertura alla melodicissima seconda canzone, in cui organo e chitarra elettrica si fanno affiancare da un'acustica per galoppare dritti su un pezzo che più americano di così non si può… o almeno questo è quello che sembra fino a tre quarti del pezzo, infatti quasi all'improvviso finisce per affossarsi in un break proprio giusto prima di ripartire. American rock-folk in un certo senso abbastanza classico, diciamo che sono un po' le stesse coordinate su cui si muovevano anche alcune cose di O'Rourke, giusto per fare un nome che molti di voi conoscono, nonostante questo proprio le sporcature e qualche feedback ne farebbero la parte più interessante: è solo un peccato siano pochi momenti e tutto sommato isolati. La traccia conclusiva di questo lavoro che gli yenkee descriverebbero decisamente come "guitar (ma anche organ) driven" manca solo della voce di Neil Young per avere tutto quello che serve ad un pezzo per rifarsi a quello che potremmo definire "root" o "vintage". Anche in questo caso rientrano quei rumori, ronzii che in fase produttiva particolarizzano il suono dei Dirty Pool, ma la sostanza resta comunque quella. Un disco piacevole, non particolarmente innovativo che farà la gioia di chi ama i lavori che nascono e si sviluppano sulla tradizione made in Usa.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top