The Child Of A Creek – The Earth Cries Blood (Seahorse, 2013)

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal lavoro precedente, ecco The Earth Cries Blood, disco che ha avuto una gestazione lunga e sofferta che, oltre ad aver influito sui tempi d’uscita, sembra aver marchiato a fuoco le atmosfere dell’album. Stilisticamente non siamo distanti dal solco tracciato dai predecessori, moderno psych-folk di matrice inglese, con qualche strizzatina d’occhio al drone in sottofondo; nemmeno la maggior varietà di strumenti (pianoforti, arrangiamenti d’archi, flauti) sembra influire sul risultato finale: la scrittura sapiente mette ogni strumento al servizio della misurata poetica dell’autore. Quello che semmai lo distingue è l’umore, nettamente più meditativo e cupo, a tratti verrebbe da dire quasi rassegnato. Se le vecchie composizioni parevano avvolte in una nebbia luminosa, qua i toni sono più opachi che fanno percepire la pesantezza del mondo. La chitarra elettrica lamentosa che ci accoglie nell’iniziale Morning Comes ci fa subito intuire tutto: la incontreremo ancora nel corso di un disco che trasuda quella sofferenza cosmica ben esplicata dal titolo. Ci è di conforto trovare gli elementi che già apprezzavamo: la bella voce quasi sussurrata (con Pantaleimon ospite in Dont Cry To The Moon), le melodie suadenti, i suoni cristallini, ma quello che manca è il trasporto: The Earth Cries Blood nega ogni possibilità di trascendenza, sostituita da una discesa nella materia che può essere interpretata come un’annullarsi nella terra. Anche se le belle canzoni non mancano (Leaving This Place, Terrestre, Birds On The Way Home), più dei predecessori è questo un album da ascoltare nel suo fluire, contemplando la sua poetica sofferenza possibilmente da una certa distanza: anche se la materia sonora non è ostica, la sofferenza che The Earth Cries Blood porta con sé non è delle più facili da accettare.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai - Sweetness & Light EP…

"Tu sei completamente stanco", questo il significato del nome che gli Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai hanno scelto: trio che…

17 Mar 2010 Reviews

Read more

Nihil Is Me - Nihilisme (8mm, 2008)

Partiamo subito dicendo che questo è un gran bel disco, ma è una sorpresa? Assolutamente no, Nihil Is Me al…

18 Feb 2008 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

Jeanines - Don't Wait For A Sign (CD Slumberland, 2022)

Facile titolare un disco così. Molto più difficile non leggere un disegno più ampio in alcune casualità. Andiamo con ordine:…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

Oneida + Lucertulas - 10/08/09 Malafly (Verona)

Era molto atteso il ritorno degli Oneida, dopo la pazzesca esibizione al No Silenz festival di due anni fa.…

22 Sep 2009 Live

Read more

Ramachandran - Marshmallow (Taxi Driver, 2016)

Inarrestabile punk 'n'roll tantrico venato di noise anni novanta per questo dinamico trio, vagamente (anzi palesemente) ispirato al celebre ed…

14 Mar 2016 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

The Lay Llamas - GOUD (Black Sweat, 2022)

Non credo che le droghe siano sorprendenti. Raggiunto il livello di stabile assuefazione od abitudine, intendo. Dopo anni di abitudine…

07 Apr 2022 Reviews

Read more

Dilatazione - The Importance Of Maracas In The Modern Age…

Dopo un demotape in piena era "postrock" e un ottimo esordio di qualche anno fa, ritornano i toscani Dilatazione e…

29 Jun 2010 Reviews

Read more

Niton - Tiresias (Pulver Und Asche, 2015)

Mi ha fatto spolverare un po' di mitologia greca il titolo del secondo album dei Niton: Tiresias. Un disco in…

23 Mar 2016 Reviews

Read more

Waines - Stu (800’A, 2010)

Proprio vero che la crisi non fermerà il rock‘n'roll. Mentre il terrore di restare al verde, senza casa, senza lavoro,…

26 May 2010 Reviews

Read more

Exit Verse - S/T (Damnably/Ernest Jenning, 2014)

L'inglese Damnably continua a seguire le ormai vecchie glorie degli anni novanta e stavolta, dopo avere fatto uscire il suo…

27 Feb 2015 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.2

Non c’è due senza tre. Ma, essendo questo terzo il podcast numero due, e non riuscendo a capirne il perché,…

13 Jul 2009 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top