Cégiu – Glowing Goodbyes (LP/CD limited editions, autoprodotto, 2022)

A volte la radio rapisce. Come questa sera, nel dopocena, mentre una radio nazionale manda un programma di approfodimento sulla musica svizzera. Vengo letteralmente rapito dalla voce e dai suoni di Céline-Giulia Voser e dal suo racconto di quando, dopo il primo anno di studio per violoncello, capì che la sua palette di suono andava ampliata, non rimanendo legata all’ambito accademico. Per fortuna i suoi insegnanti la spinsero a ricercare sempre anche l’altra via.
Così ci ritroviamo questo gioiellino, composto di sette tracce per meno di mezz’ora di musica. La fruizione di questo lavoro è sostanzialmente digitale: le versioni in CD ed LP (i supporti sono interamente di materiale riciclato) sono disponibili unicamente in un’edizione limitata con un cofanetto di cartone, 7 fotografie a cura di Gian Marco Castelberg ed un libretto di accompagnamento) sfiorano rispettivamente i 50 ed i 75 euro. Ma, oltre al vestito ed all’etica, siamo qui per parlare anche della musica di Cégiu. A tratti cinematografica come poteva intenderla Judy Garland, colma di piccoli rumorini come i migliori amanti di casa Tomlab, piena di personalità e grandeur come Adele.
Ingredienti parecchio pericolosi, che in mani meno esperte avrebbero potuto dar vita al disastro, qui si sposano all aperfezione: I Owe You Nothing cala dall’alto un’atmosfera da spy story, con una luminosità ed uno scintillio da brividi, che lasciano presagire possibili slanci. In Valediction le luci si affievoliscono, i segnali di inquietudine appaiono trasportati dalle corde del violoncello e Cégiu appare schermata come dietro a folate di vento. Sabbia digitale e canti d’antan per un commiato che fa intravedere tutto il gusto nei ritmi del team produttivo (la stessa Cégiu insieme ad Aaron Nevezie). Passiamo poi a Going With The Moon, dove una chitarra incornicia una serenata notturna, con un bordone discreto di archi che si accompagna ai versi animali ed i field recordings ci regalano uno scorcio esotico orientale, di accorate bellezza e candore.
Si passa poi ad On The Road To A Different World, con un andamento pop robotico molto ben studiato, senza mai essere sopra le righe. La voce di Cégiu si sposa a meraviglia con l’intento della canzone e trovare una convinzione così onesta e semplice ci fa ben sperare. Siamo quasi alla fine di questi saluti incandescenti ma in Reflections la nostra sembra quasi rifugiarsi in un freddo bozzolo digitale, con un risultato tragico e fiabesco insieme. I Want You To Know è semplicemente bellissima: la voce ad inseguire il beat, sognante ed avvolgente, lontana ma precisa. Cégiu sembra esprimere un candore languido, doppiata qui dalla voce di Valentin Brügger per una versione high tech dei più classici duetti di hazelwoodiana memoria.
Chiudiamo questo viaggio con la title track, accompagnato da un tappeto di archi e dalla voce che si rompe, rifrangendosi su quelle che sembrano essere lastre di ghiaccio di sacra memoria.
Lavoro molto interessante, che lascia la voglia di riscoprire quanto fatto nelle uscite precedenti, un colpo di fulmine per me!

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Death By Kite - S/T (Quatermain, 2007)

Il noise rock, alla fin fine, vive di stereotipi ben indossati. Quel senso di immane urgenza, la bassista cantante, la…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Katharina Klement - Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all'improvvisazione che alla…

07 Feb 2013 Reviews

Read more

Palumbo/Tommasini - The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z,…

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

H!U – S/T (Corpoc/Esercizi Di Assenza, 2014)

Quanto il crescere fra boschi e sassi in provincia di Lecco possa aver influenzato la genesi di H!U, creatura del…

13 Feb 2015 Reviews

Read more

Fabio Orsi - The New Year Is Over (Silentes, 2012)

Mastodontica uscita per Fabio Orsi, infatti questo The New Year Is Over è addirittura un triplo: genericamente sono molto scettico…

09 Jul 2012 Reviews

Read more

Ongapalooza: Father Murphy + Mamuthones – 18/02/11 Unwound (Padova)

Ongapalooza è il festival intinerante e ad assetto variabile che celebra i cinque anni di attività della Boring Machines e…

28 Mar 2011 Live

Read more

Daniel Lercher - Missa Brevis (Chmafu Nocords, 2015)

Continuano le uscite interessati dell'austriaca Chmafu, questa volta si tratta del disco di Daniel Lercher Missa Brevis, tratto da una…

05 Sep 2016 Reviews

Read more

The Star Pillow - Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines,…

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Karin - I've Tried With Sport But It's Not My…

Un amico un pò di tempo fa sosteneva di non riuscire ad ascoltare la musica di gente che sul piano…

27 Jan 2007 Reviews

Read more

Ada-Nuki - S/T (Whosbrain, 2008)

Ada-Nuki propone una formula che potrebbe ormai dirsi classica e consolidata, il duo basso e batteria, arricchendola di voce, effetti…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Pharmakustik - Metaplasie (Naked Lunch, 2014)

Continuano ad uscire con ritmi indiavolati dischi di Maurizio Bianchi, principalmente collaborazioni: questa con Pharmakustik/Siegmar Fricke ha il sapore della…

13 May 2015 Reviews

Read more

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Schonwald - Amplified Nature (Panoplie, 2009)

A quanto pare la 5 Roses oltre ad ingrandirsi sta diventando un’agenzia di promozione sia per la roba estera che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

DD Owen - S/T (12XU, 2016)

Nella sezione "miglior rumenta del 2016" ecco che mi sento di caldeggiare Il 19enne Drew Owen, trasferitosi a New Orleans…

02 Aug 2017 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Early Works (1979–1982) (Azoth, 2016)

Quello che vedete in copertina può sembrare un registratore a nastro ma non lo è: è una macchina del tempo…

06 Mar 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top