since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Chemical Resistance – My Low Heart (Taxi Driver, 2019)

Scaglie metalliche alla deriva nello spazio. Una sorta di ambient torbido quanto una sigaretta abbandonata dalle volute di fumo gradevoli, ma tossiche. Curioso il secondo pezzo di oltre undici minuti (Quiet Landscape) dove echi chitarristici accompagnano un eterno ed incomprensibile salmodiare che, voglio sperare, nella totale ermeticità, andrà ad incidere direttamente sulla mia corteccia con…

Read more

Atr_x – Phase One (Gipsy House, 2019)

Marcello Groppi è metà del duo rock-strumentale Great Saunites e Atr_x è il suo progetto solitario: è musica dalla forma mutevole che fluttua fra l’elettroacustia e l’ambient più scura, ma che, a un ascolto attento, rivela di non aver completamente reciso il cordone ombelicale col gruppo madre. In Phase One troviamo due brani di un…

Read more

Camilla Pisani – Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei pezzi della cassetta Frozen Archimia utilizzano l’elettronica per disegnare spazi decisi, che hanno più di qualche analogia con schemi architettonici, ma arricchiti al loro interno dalle giuste sfumature che le emancipa da innocue derive razionalistiche.…

Read more

Papiro – Rise (Solar Ipse, 2019)

Marco Papiro lo ricordo bene alla chitarra degli svizzeri Mir, autori di uno splendido album omonimo – uscito per Wallace – che rileggeva l’eredità dei Godflesh secondo le linee del post-rock più intraprendente e sperimentale. Conclusa quell’esperienza ritrovo il nostro dietro una distesa di synth modulari alle prese col settimo disco a suo nome (in…

Read more
Back to top