since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Trigger Cut – Buster (Token Records, 2019)

Trigger Cut è la ragione sociale di un nuovo trio “noise rock in your face” tedesco, classicamente chitarra e voce, basso e batteria, i cui membri provengono da esperienze precedenti di tutto rispetto, come Frana e Buzz Rodeo, persone che ne sanno del suono dei ’90, di quello che, per intenderci, fa riferimento alla scuola…

Read more

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci sembrò un progetto che doveva scegliere se sviluppare il lato già maturo e originale lontano da traiettorie propriamente rock o addentrarsi nelle pastoie di un post-core chitarroso e ormai morente. Di nostro avremmo ovviamente auspicato…

Read more

Paal Nilssen-Love – New Brazilian Funk / New Japanese Noise (PNL, 2019)

Spesso è difficile seguire con attenzione scene tanto produttive come quella improvvisativa, fatta di infinite occasioni di confronto e innumerevoli progetti.  In una mole di uscite tanto frastagliata si rischia di perdersi più di qualche disco per strada, vuoi anche perché, anche per quanto riguarda i talenti più puri, a volte non tutto è all’altezza…

Read more
Back to top