since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Icydawn – Rituals Of Obsession (Luce Sia, 2020)

Ancora una ristampa, ancora un recupero per Luce Sia: questa volta l’artefice è il mentore stesso dell’etichetta (Sacha Rovelli) che, rispolverando un vecchio progetto del 2012, riporta in luce questi loops evocativi e odorosi di incenso. Tre tracce, di cui due di mezz’ora, che sviluppano un coro per espanderlo in un processo creativo autenticamente meditativo…

Read more

Tatsuya Nakatani & Shane Parish – Interactivity (Cuneiform, 2020)

Secondo disco collaborativo tra il percussionista avant Tatsuya Nakatani e il chitarrista Shane Parish degli Ahleuchatistas. Un lavoro che si basa sulla pura istintualità e un genuino approccio face to face che riesce a esprimere una carica poetica piuttosto interessante. Interactivity si compone di tre lunghe tracce improvvisate che sovrappongono efficacemente piani apparentemente incongruenti, via…

Read more

Airportman / Fabio Angeli – Il Paese Non Dorme Mai (Lizard, 2019)

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la loro musica non cambia ma si affina: un post rock molto “indie” e melodico, volutamente semplice e delicato, fatto di vuoti e debitore rispetto a tanta musica americana anni ’90/2000. Spesso suonano in collaborazione con…

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile. Ma quanti di voi avrebbero scommesso sul fatto che Klasse Kriminale, dopo così tanto tempo, sarebbero riusciti a pubblicare un album straordinario come Vico Dei Ragazzi?A botta calda mi sembra il loro disco migliore di…

Read more
Back to top