since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Neunau – Il Ciclo Del Vuoto (Boring Machines, 2019)

In un mondo sempre più indistinto e superficiale un progetto come Neunau, che già avevamo conosciuto con l’EP di un paio di anni fa, svolge un compito essenziale: ridare vita e voce al genius loci, cogliere e trasmettere, attraverso il suono, la storia e lo spirito dei luoghi. Teatro dell’indagine de Il CIclo Del Vuoto…

Read more

MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor d’ironia macabra, preferisco avere a che fare con formati un po’ più ingombranti e tattilmente godibili. Stavolta però mi sono dovuto ricredere, a malincuore ma è giusto ammetterlo. MINIM, al secolo Diana Dulgheru, è una…

Read more

Black Lava – Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d’ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso da illustri nomi dell’ underground nostrano e coprodotto dal sempriterno Eraldo Bernocchi. Uno shaker di metallo 2.0: l’heavy metal  che ha scollinato tutto e non si riconosce pù in nulla. Particelle di Immortal come di…

Read more

Sean Noonan Pavees Dance – Tan Man’s Hat (RareNoise, 2019)

Seconda uscita per l’ensemble Pavees Dance capitanato dal batterista di lungo corso Sean Noonan, un cantastorie moderno che, come evoca il nome del progetto, si richiama qui alla minoranza etnica nomade irlandese di artigiani itineranti, abili nel realizzare oggetti a partire dai materiali disponibili. Ma qui sono già in partenza qualcosa di prezioso, come la…

Read more
Back to top