since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

VV.AA – DGT/DIJ (An Asbestos Digit Rant To Death In June) (Asbestos, 2018)

Esce giusto in concomitanza con la pubblicazione del nuovo lavoro dei Death In June, Essence!, questa compilation/tributo edita dalla Asbestos Digit ed è una buona occasione per ragionare sulla storia del progetto di Douglas P, oltre che per scoprire qualche nuovo nome alle prese con autentici classici che sarebbe ingiusto circoscrivere all’ormai ristretto ambito neo-folk.…

Read more

Svart1 – Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo stesso vettore che si sposti attraverso distanze enormi (o minuscole) per esplorare orizzonti insiti dentro noi stessi. La piacevole sensazione è che Svart1 non abbia mai avuto inizio e mai avrà un traguardo: flusso e…

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti anche da zone più periferiche: è il caso dei serbi All My Sins, che con particolare forza si affermano come punta di lancia del metal pagano dei territori slavi del sud. Il duo di Pančevo,…

Read more

Bad Pritt – S/T (Shyrec, 2018)

Quando avevamo perso le tracce di The White Mega Giant, il trio veneto stava evolvendo il proprio suono, partito da coordinate post-rock, verso orizzonti interessanti al confine con l’elettronica più scura e certo rock rallentato, pur lontano dalle pesantezze doom. Oggi, dallo spazio profondo, ci arrivano segnali di vita da Luca Marchetto, in arte Bad…

Read more
Back to top