Carla Dal Forno – 25/04/2018 Monk (Roma)

Finalmente recuperate le date di presentazione dell’ep The Garden dopo la cancellazione del tour italiano dello scorso anno. La proposta della cantautrice australiana è essenziale ma ugualmente affascinante. Coadiuvata da un accompagnatore all’elettronica, il live si sviluppa per lo più come un flusso legato da intermezzi drone o da suoni concreti ambientali, dove Carla Dal Forno, oltre a cantare, imbraccia in più di qualche occasione il basso a marcare le linee dritte e scure dei pezzi. E lo fa con un candore velato dalla nebbia che ricopre il palco e che accentua l’atmosfera sognante della performance. Dalla sua esigua ma interessante discografia scorrono pezzi dal sapore particolare, grazie alla semplicità del saper costruire pescando a piene mani dai suoni degli anni ’80, rivitalizzati con una testualità personale e approccio indie rock. Dagli echi dark wave fino al synth pop più industriale, dove ogni tanto si può assaporare qualche reminiscenza dei Tuxedomoon più romantici. Canzoni di statica sensualità, con una pronuncia che a tratti richiama il folk ancestrale, nelle quali sono ben dosate stranezza e malinconia. Brani dalla naturalezza empatica, eppure dalle tonalità non affatto facili, immerse in un’Carla dal forno live 01atmosfera di onde fredde, ma con ritmiche vocali intelligenti ed eseguite con un fascino latentemente solare che coinvolge. Nella scaletta spiccano l’incedere rarefatto di The Garden e piccole gemme di estatica lo-fi come Fast Moving Cars e You Know What’s It Like, che anche dal vivo riescono a fare il giusto effetto. A sorpresa arriva Blue Morning, cover dei, per me fino a quel momento sconosciuti, neozelandesi Kiwi Animal, perfettamente personalizzata e intonata al resto dello show. Altro picco è sicuramente We Shouldn’t Have To Wait, riuscito esempio di post punk moderno, dal suono compatto e con le spesse linee di basso a chiuderne la quadratura. Concerto semplice e molto piacevole, concluso angelicamente da una Better Yet che ammalia e saluta. Ciao Carla, è stato bello vederti cantare al tramonto.

foto di Emiliano Marchionni

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Slagr - Dirr (Hubro, 2018)

Settimo disco nella discografia degli Slagr, Dirr è opera di questo trio norvegese che si muove lungo coordinate di minimalismo…

11 Apr 2018 Reviews

Read more

Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka - Pleasure-Voltage (Karlrecords,…

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con…

28 Mar 2019 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Tristan da Cunha – Praia (DreaminGorilla, 2018)

Il duo Francesco Vara e Luca Scotti torna sul luogo del delitto a un anno dal disco d’esordio, riproponendo la…

14 Jul 2018 Reviews

Read more

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Nimh/Mauthausen Orchestra - From Unalthy Places (Silentes, 2009)

Cari piccoli drughi, se recentemente avete scoperto che Maurizio Bianchi suonava la musica dei vostri eroi del rumore ancora prima…

27 Dec 2009 Reviews

Read more

Concrete - Gvttae Sangvinis (Donna Bavosa/Sanguedischi/Shove, 2009)

Preparatevi perchè più che una recensione si tratterà di un epitaffio, di quelli stile Kina (beh un po' più brutti,…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

Chrome Division - Doomsday Rock 'n Roll (Nuclear Blast, 2006)

Ho deciso di dare una svolta alle recensioni di brutti dischi per non prendermi una patente pirandelliana.Con orgoglio posso dire che questo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Connect_icut - Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo,…

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte…

14 Mar 2014 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top