Carla Dal Forno – 25/04/2018 Monk (Roma)

Finalmente recuperate le date di presentazione dell’ep The Garden dopo la cancellazione del tour italiano dello scorso anno. La proposta della cantautrice australiana è essenziale ma ugualmente affascinante. Coadiuvata da un accompagnatore all’elettronica, il live si sviluppa per lo più come un flusso legato da intermezzi drone o da suoni concreti ambientali, dove Carla Dal Forno, oltre a cantare, imbraccia in più di qualche occasione il basso a marcare le linee dritte e scure dei pezzi. E lo fa con un candore velato dalla nebbia che ricopre il palco e che accentua l’atmosfera sognante della performance. Dalla sua esigua ma interessante discografia scorrono pezzi dal sapore particolare, grazie alla semplicità del saper costruire pescando a piene mani dai suoni degli anni ’80, rivitalizzati con una testualità personale e approccio indie rock. Dagli echi dark wave fino al synth pop più industriale, dove ogni tanto si può assaporare qualche reminiscenza dei Tuxedomoon più romantici. Canzoni di statica sensualità, con una pronuncia che a tratti richiama il folk ancestrale, nelle quali sono ben dosate stranezza e malinconia. Brani dalla naturalezza empatica, eppure dalle tonalità non affatto facili, immerse in un’Carla dal forno live 01atmosfera di onde fredde, ma con ritmiche vocali intelligenti ed eseguite con un fascino latentemente solare che coinvolge. Nella scaletta spiccano l’incedere rarefatto di The Garden e piccole gemme di estatica lo-fi come Fast Moving Cars e You Know What’s It Like, che anche dal vivo riescono a fare il giusto effetto. A sorpresa arriva Blue Morning, cover dei, per me fino a quel momento sconosciuti, neozelandesi Kiwi Animal, perfettamente personalizzata e intonata al resto dello show. Altro picco è sicuramente We Shouldn’t Have To Wait, riuscito esempio di post punk moderno, dal suono compatto e con le spesse linee di basso a chiuderne la quadratura. Concerto semplice e molto piacevole, concluso angelicamente da una Better Yet che ammalia e saluta. Ciao Carla, è stato bello vederti cantare al tramonto.

foto di Emiliano Marchionni

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cezary Gapik - The Sum Of Disappearing Sounds (Karlrecords, 2012)

Immagino che molti di voi si lamentino della ripetitività dei dischi, del modo manicheo con cui gruppi o musicisti minori…

11 Oct 2012 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

The Great Saunites – Nero (HYSM?/Neon Paralleli/Il Verso Del Cinghiale/Hypershape,…

L’opera al nero di The Great Saunites è un disco in tre atti che prosegue la cavalcata del duo lodigiano…

29 Aug 2016 Reviews

Read more

Kill Your Boyfriend - S/T (Shyrec, 2013)

Un side project. L'unione di un Wora Wora Washington e Kitsune, una drum machine e via verso spazi siderali e…

16 Jul 2013 Reviews

Read more

The Show Must Go Home

Uno dei problemi maggiori per un certo tipo di musica, chiamiamola genericamente "di ricerca", è certamente quello degli spazi: in…

12 Nov 2011 Articles

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Improvising Dialogues (Setola Di Maiale,…

Un duo su Setola Di Maiale mi predispone sempre bene all'ascolto: di tutti i lavori pubblicati, le formazione a due…

26 Feb 2013 Reviews

Read more

Appliance - Re-Conditioned (RROOPP, 2010)

Etichetta interessante la RROOPP, si concentra su pochissime uscite, una all'anno e poi stampa un triplo cd di una formazione…

03 Nov 2010 Reviews

Read more

Black Engine - Ku Klux Klowns (Wallace, 2007)

Un basso limaccioso come il design di un Humvee, i loop di una risonanza magnetica, la chitarra di un Jeff…

29 May 2007 Reviews

Read more

VV. AA. - Eternallyt. The Corrugated Complication (Asbestos Digit, 2018)

Arrivano a cinquanta le uscite della Asbestos Digit e il risultato viene marcato con questa compilation a tiratura limitata e…

04 Aug 2018 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Le Scimmie - Colostrum (Red Sound/Metaversus, 2016)

Trio che arriva da Vasto e senza indugio alcuno si lancia nella scrittura dell'inenarrabile. Doom dallo spazio profondo denso di…

16 Nov 2016 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top