Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la pietra miliare, del math-rock italiano. Pneuma dei Cardosanto uscì nel 2000 per la Freeland (Al tempo casa di Colossamite, White Tornado e Gorge Trio) ma fu consegnato all’oblio dal prematuro scioglimento del gruppo, appena due anni dopo. Il chitarrista Roberto Sassi (che al tempo intervistammo), continuò il suo percorso collaborando con, fra gli altri, MGZ E Le Signore, Anatrofobia e Xabier Iriondo, ma ora che ha ritrovato i suoi due compagni e il progetto torna in pista, è l’occasione di rimettere in circolazione anche la loro unica opera.
Se non se ne ha memoria al tempo, oggi, trascorsi quasi tre lustri dalla pubblicazione, non è facile comprendere l’effetto dirompente che ebbe un simile disco, sebbene un’idea ce la si possa fare considerando la schiera di imitatori che ne seguirono l’esempio, spesso più attenti alla forma che non allo spirito, ad essere sinceri. Nell’anno in cui i Don Caballero davano alle stampe l’ultimo album in formazione classica, i Cardosanto se ne uscivano con dodici strumentali che mischiavano, in dosi diverse di volta in volta e con una tecnica sopraffina, noise, free, jazz e funk, tutti debitamente “core”, senza trascurare un particolare gusto melodico, giusto per dire che il math-rock era solo uno dei tanti risultati possibili. Con una chitarra che sfoggia un campionario di soluzioni apparentemente infinito, capace di innestare frasi di qualsiasi genere su una sezione ritmica composta da un basso schiacciasassi e ricco di groove e una batteria che fa del cambio di tempo una regola, i Cardosanto diedero vita a un album composito e complesso, talvolta addirittura ottundente, dove l’eccesso strumentale era sempre dietro l’angolo, ma veniva regolarmente stemperato da sapienti tocchi d’ironia. Molti degli epigoni fraintenderanno gli intenti del gruppo, fissandosi eccessivamente sulla tecnica o dando vita a composizioni senza capo né coda, ma non è cosa di cui si possa imputare al terzetto. Un pezzo di storia che torna disponibile e che, se non l’avete mai ascoltato, vi farà guardare in modo diverso a tanta musica del presente o del recente passato. Vediamo poi se il gruppo deciderà di dargli un seguito.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sergio Messina & the Four Twenties – Sensual Musicology (Hell…

Conobbi Sergio Messina grazie a due dischi, La vendetta del Mulino Bianco e Inaudito, acquistati ad un live dei 99 Posse al Villaggio Globale…

28 Mar 2022 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 38 (16/07/15)

Puntata numero trentotto della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta estiva ma non del…

19 Jul 2015 Podcasts

Read more

Non Voglio Che Clara - s/t (Aiuola, 2006)

Ad un certo punto della nostra vita, fin qui breve, ci si trova, nei propri vent'anni, a fare i conti…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Paolo Bellipanni - Radiance (Eklero, 2020)

Paolo Bellipanni abbandona la vecchia ragione sociale K’an, con la quale lo avevamo conosciuto ormai sette anni fa, e (ri)esordisce…

14 Jan 2021 Reviews

Read more

Aspec(t) - Waspnest (Fratto9 Under The Sky/Viande/Toxo, 2010)

Menzionavo Weltraum e A Spirale proprio di recente a proposito delle glorie minori che meritano di essere ricordate, tenute d'occhio,…

29 Jan 2011 Reviews

Read more

The Cepi Nomads + Hic - Cepi meets Hic (Torto,…

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione tra due nutriti ensemble di professionisti. I Cep Nomads sono francesi e nascono dalla volontà di…

13 Jul 2020 Reviews

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli & Emanuele Becheri – Metamorfismo (Taâlem, 2017)

Sembrano orientate a una maggior musicalità le recenti uscite di Pietro Riparbelli, sia come Zone Demérsale sia a suo nome…

01 Mar 2017 Reviews

Read more

Incoming Cerebral Overdrive - Controverso (SupernaturalCat, 2009)

La Supernatural Cat riesce a sorprenderci ancora una volta, rivelandosi come forse la più attenta ed intelligente etichetta di musica…

06 Dec 2009 Reviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

Okkervil River - I Am Very Far (Jagjaguwar, 2011)

A costante scadenza, come un film di Woody Allen, tornano i talentuosi Okkervil River, sempre con la fedelissima Jagjaguwar. Il…

06 May 2011 Reviews

Read more

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more

Il Guaio - S/T (Lingua, 2014)

Dalla Lingua Records, satellite dell' universo Minus Habes, arriva questa interessante deriva electro pop. Il Guaio è un piacevole incrocio…

17 Jul 2014 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top