Buzz Aldrin – S/T (Unhip/Ghost, 2010)

Un gruppo di cui mi sembra che si sia parlato e che si parli parecchio, un po' perché avevano fatto uscire una cassetta per l'etichetta di mr. Jukka Reverberi dei Giardini Di Mirò e poi per essere usciti su due etichette indie di primo piano come Unhip e Ghost. Almeno per una volta parlerei di clamore meritato, infatti pur non inventandosi nulla i Buzz Aldrin hanno quel Supertouch millantato in un celebre pezzo dei Bad Brains. Post-punk anglofono e anglofilo di quello che gli americani stessi scimmiottano ma che trae la sua origine nel Regno Unito e sfido chiunque a dire il contrario (comunque per chi mi vuol sfidare, mio zio Alfredo "c'ha l'ape car truccato").
Batterie quadrate e dritte, basso felpato ma "pounding", come direbbe qualcuno che ne sa più di me, chitarre con i riverberi, pedali vari e i suoni al posto giusto e soprattutto la voce con quel bel riverbero degno dei primi Clinic (che ad ora sono uno dei gruppi che mi ricordano più da vicino, manco fosse poco). Qualcuno di voi ha detto che anche i Clinic a loro modo suonavano molto "garage"!? Ok ve la passo e la uso anche io, ma resta che non si tratta esattamente di garage a partire dalla produzione del disco che, pur facendo suonare tutto come deve, risulta molto pulita e "morbida". La capacità di questi ragazzi è quella di far suonare le tracce lavorando un riff ed arrangiandolo senza troppa fretta di stare a cambiarlo, il risultato più ovvio è che i pezzi seppur molto semplici sono scritti e sviluppati molto bene. Quest'ultima caratteristica, messa assieme al gusto per i riff tetri, li differenzia dal gruppo medio che si avvicina a queste sonorità senza quelle intuizioni che ad esempio fanno la differenza fra un semplicissimo pezzo dei Fall e quello di mille altri gruppi che cercano di fare la stessa cosa non riuscendoci. I modelli ci sono e sono ancora parecchio evidenti, non sarà neppure il genere preferito di molti nostri lettori, ma ad averne di gruppi del genere… un vinello sincero.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rollerball - 4 Corners (Wallace, 2014)

Caso strano i Rollerball: seppure in giro da molti anni, con una discografia importante a cui è difficile stare…

12 Mar 2014 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more

The Maniacs - S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia…

04 Dec 2009 Reviews

Read more

Kapalika - A Pop Calipso/Lounge Enfer (Vintage Pharmakon, 2011)

Dopo anni passati a tessere in solitudine le fila sonore del culto della Kapalika, Federico Esposito (Ur, Heartside) esce allo…

24 Oct 2011 Reviews

Read more

Gopota – Human Demo Version (Silent Method, 2017)

Preso singolarmente Human Demo Version è un disco death-industrial adatto a fanatici freak noise o a neofiti che vogliano affrontare…

17 Jan 2018 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Lean Left - Medemer (PNL, 2020)

Medemer è il nuovo lavoro dei Lean Left, quartetto di improvvisazione radicale formato dal jazz rebel norvegese Paal Nilssen-Love (batteria),…

17 Jul 2020 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Brighter Death Now + Sala Delle Colonne + TSIDMZ –…

Attendevo da tempo la possibilità di vedermi dal vivo il progetto svedese Brighter Death Now, dopo non aver potuto partecipare…

16 Mar 2012 Live

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Stilema - Utopia (Hellbones, 2020)

La Hellbones è una label eclettica come poche al mondo, che spazia da Le Cose Bianche ai Barons 80 fino…

01 Mar 2021 Reviews

Read more

Marcus Fischer & Simon Scott - Shape Memory (12K, 2018)

Compagni di etichetta, l'americano Marcus Fischer e l'inglese Simon Scott si sono incontrati a Portland per registrare questo disco avendo…

17 Jun 2018 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top