Bug Jargal – S/T (Aut, 2014)

­

Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent’anni è sempre un’operazione un po’ pericolosa, perché si rischia di trovarsi in mano del materiale troppo vecchio. Ma ormai cos’è “vecchio” quando si parla di discografia? Nel giro di una sola settimana un lavoro diventa vecchio come quello uscito 10 anni prima. Oppure diventa nuovo e attuale perchè l’hype vuole farlo tornare di moda… cicli su cicli, corsi e ricorsi storici.

 

Non solo, perché tra ristampe, cofanetti e nuove stampe come se piovessero, abbiamo un disastro di materiale da tuffarcisi dentro a piedi uniti. E l’operazione della lungimirante AUT Records, di casa ormai berlinese, recupera e dà vita Bug Jargal, un trio di ottimi musicisti: Luciano Caruso al sax soprano e alle tastiere (già presente nel duo Tripterygion pubblicato sempre da AUT); Giorgio Pacoring, al Fender Rhodes e ai nastri, e Nello Da Point alla batteria. Un trio spumeggiante, vivo, in continuo movimento, che richiama (soprattutto per le trame e pedali costruite sul Fender) un Miles Davis elettrico, ma con un sound inglese, in particolare nella seconda traccia del disco. Pensate ad un Evan Parker al sax soprano che sostituisce Miles Davis alla tromba nel periodo elettrico. Pensate ad una batteria più presente, più ricca di piatti, e meno in loop, e qualcosa dello storico trio dovrebbe materializzarsi nelle vostre orecchie. Ma questo è solo l’inizio perché, dopo i primi due brani, tutto si trasforma e poi ritorna in Hegel In Haiti, in un dirompente crescendo blues-jazz che ha la dinamica e il funky nascosto delle cavalcate di Bitches Brew,fino a passare a intrecci percussivi dal sapore esotico ed etnico con lo spirito del Don Cherry della metà degli anni ’70 che aleggia nella splendida Turtles all the way down. Di certo non si tratta di copiature, ma di ispirazioni, che arricchiscono un lavoro vario e colorato, ma che mantiene ben stretta una sua solidità compositiva e di arrangiamenti. Come sempre un’ottima scelta, quella della Aut Records di andare a ri-pescare questo piccolo gioiello che conferma ancora una volta che anche noi italiani abbiamo un trascorso (e un presente) jazz che non è assolutamente da dimenticare.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Non male, l’esordio di questo quintetto padovano che risponde al nome di Repalce the Battery. Però. Citano Explosion In The…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi / Uncodified - Tape Crash #10 (Old Bycicle/Under…

Cassetta in coproduzione per due etichette che spesso dragano i fondali della musica delle nostre parti scovando e valorizzando musica…

11 Dec 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - Treatment Effects (Chew-Z, 2007)

Treatment Effects, che arriva ad un anno esatto dalla nascita della net label torinese Chew-Z, è la seconda compilation nel…

10 Jun 2008 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Carlo Garof – Wheel (Setola Di Maiale, 2020)

Carlo Garof, percussionista e batterista, ha costruito la sua visione attraverso un metodo multidisciplinare che comprende un intenso approfondimento di…

06 Mar 2020 Reviews

Read more

Martial Canterel - You Today (Weird, 2011)

Sean Mc Bride è attivo da anni nella sua personale e devotissima riedizione del synth pop anni ottanta più minimale…

01 Feb 2011 Reviews

Read more

Action Beat + Nurse! Nurse! Nurse! – 06/11/09 Locanda di…

Un paese di campagna  che si chiama Campagna con una locanda che si chiama Locanda: stasera il suono dei tamburi…

19 Nov 2009 Live

Read more

Ka Mate Ka Ora – Entertainment In Slow Motion (Deambula,…

Dopo l'esordio elogiato da parecchi Thick As The Summer Stars e recensito su queste pagine, tornano i pistoiesi Ka Mate…

17 Jan 2011 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Mona De Bo - Nekavejies, Sis Ir Speles Ar Tevi…

Questo duo lettone è autore di un bizzarro drone-doom mutante iper-melodico ispirato tanto alle colonne sonore immaginarie di Zombi…

25 Mar 2010 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto: ombre spalmate sui bordi dei pensieri

Difficile definire con poche parole la musica di Daniele Brusaschetto: il suo lungo percorso già dagli inizi mostrava un taglio…

15 Mar 2015 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top