Boslide – Satansbraten (Death First!, 2016)

Era da un po’ che auspicavo il ritorno del metal sulle pagine di Sodapop e finalmente eccoci qua: manco a dirlo l’esordio dei Boslide è il modo più sbagliato di celebrare l’evento. Emanazione sonora della pagina Svart Jugend (e già questo è un marchio d’infamia niente male) il duo romano composto da Portofino e Re Degli Spaventi sarebbe a rigor di logica catalogabile come false metal: “No suoni analogici. No strumenti. Tutto campionato” recita il foglietto interno. Tuttavia, poiché immagino che chi si indigna per le uscite di Phil Anselmo, si fa prender male dalle reichsadler di Lemmy e si esalta per le tirate liberal degli ultimi Brujeria li troverebbe quantomeno ripugnanti, almeno l’inserimento ad honorem nella categoria lo meritano, per quanto loro preferiscano definirsi più modestamente svartcore. Se disegnate un pentacolo che ha come vertici l’attitudine del weird black metal, il suono del death/grind più invasato, la commedia scoreggiona di estrazione romanesca, il revisionismo più becero e il culto della morte, al centro troverete proprio i Boslide col loro Satansbraten, 14 pezzi che vanno appunto dal black di Helvete Hooligans al grind/death di Cimitero Attitudine, Neue Weimar e H.I.T.L.E.R., con una fugace incursione nell’hip-hop d’annata (Sei Sei Sei) e la cover definitiva de Il Veliero del camerata Battisti. Le vocals non sono propriamente intellegibili per cui non so dire se quelli riportati siano effettivamente i testi, ma sono comunque spaccati di vita reale e potenziali parole d’ordine per le nuove generazioni: “Non leggo Mishima perché era frocio” (My Gender Studies, brano impreziosito da uno splendido intervento di Massimo Boldi), “Siamo venuti dall’inferno per bruciare le volanti” (Helvete Hooligans) , “Cresciuti in queste strade con la Peroni in mano e Jesus’ Tod nel cuore” (Palazzoni), “siamo case stregate, non dormiamo mai” (Svartcore I). Ai pochi che li ricorderanno possono richiamare, un po’ per la musica (?) un po’ per l’attitudine, gli altrettanto misteriosi XGasmaskX che uscirono anni fa per S.O.A., anche se mi sa che il segno politico sia un tantino opposto. Satansbraten è un disco che nel suo cinico nichilismo trash e pangermanesimo d’annata è onestamente difficile prendere sul serio. E proprio questo è l’errore fatale.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

NOFest! 2010 - 18-20/06/10 Spazio 211 (Torino)

Se c'era un festival italiano che quest'anno, anche solo sulla carta, meritava di essere visto, era sicuramente la seconda edizione…

27 May 2010 Live

Read more

Skullflower - The Black Iron That Fell From The Sky,…

Una trilogia in vinile sull’oscurità dell’antico Egitto e sull’ombra da cui provengono i sogni più cupi poteva trovare pochi interpreti…

12 Feb 2018 Reviews

Read more

The Martha’s Vineyard Ferries - Mass. Grave (Africantape, 2013)

Da una battuta tra amici nasce il nome di questo trio formatosi quasi per caso e composto per i due…

09 Jan 2014 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Enomisossab - O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati…

19 May 2022 Reviews

Read more

Iron Molar – Poi Piove (Solitude Beast, 2010)

Ancora gli Iron Molar, a pochi mesi dal loro precedente album e dalle prove soliste dei due membri, licenziate a…

11 Feb 2011 Reviews

Read more

Aidan Baker - The Sea Swells A Bit... (A Silent…

Potremmo dire che il signor Aidan Baker è il canadese preferito dagli italiani insieme al circuito Constellation e, anche se…

16 Feb 2007 Reviews

Read more

Vasco Brondi - Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni…

Fra la fine del secolo appena passato e l'inizio del nuovo abbiamo assistito al ritorno di una multidisciplinarietà a…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Soft Black Star & Zeno Gabaglio/Mike Cooper – The Good…

Incidenti a catena sulla strada della Old Bicycle: con questa cassetta siamo giunti alla settima uscita della serie Tape Crash,…

17 Feb 2014 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

Luther Blissett – S/T (Eclectic Polpo, 2010)

Attivo dal 2006 e arrivato ora al disco d’esordio, il quintetto bolognese dei Luther Blissett (ma perché chiamarsi come il…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Gli Altri - Prati Ombre Monoliti (Taxi Driver/Smartz, 2017)

Ritornano Gli Altri ancora carichi di punk emozionale, nervoso, strutturato e nevrotico. Armonia e graffi che non smettono un attimo…

19 Apr 2017 Reviews

Read more

Meerkat - Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie…

14 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top