Boslide – Questa È Una Moda Di Pazzi (Death First!, 2017)

Ecco, io vi avevo avvertiti ma voi non mi avete dato ascolto; li avete sottovalutati e ora i Boslide sono tornati. E fanno sul serio, come prima, più di prima. Innanzitutto da diarchia sono passati a triumvirato con l’ingresso di Barone Sangue a fianco di Re Degli Spaventi e Portofino; poi hanno scritto un disco che è un vero manifesto programmatico, senza possibilità di fraintendimenti (o no?); infine si fanno l’unica domanda che abbia senso farsi – “come arrivare al potere?” – e marzullianamente si rispondono nelle dieci trace di Questa È Una Moda Di Pazzi. Come prima cosa, poiché le radici sono importanti, in Demo 1993 il terzetto si guarda indietro con un senso di nostalgia degno dei migliori 883 e il suono e l’attitudine dei peggiori Mayhem, ma altrettanto doveroso è erigere – partendo da un inferno di blast-beat e qualche tocco di melodia carcassiana – Nazidas, un pantheon di nomi capaci di guidarci in questi tempi bui: sono tennisti, attori, assassini seriali e calciatori (tutti della Roma; e io che pensavo che questi fossero della Lazio…). Per condurre questa loro battaglia è indispensabile la crescita culturale e i Boslide la sostengono con la colta filologia esoterica e satanico-stregonesca di Boschpit, in quota Napalm Death, e con l’ambient-industrial espressionista di In Preda a Dumezil. Il black metal di La droga dei cadaveri è un bushido nichilista (ma anche un manuale operativo) che un po’ guarda a Fight Club e un po’ a Jean Genet e fa il paio con la preghiera di Vid Aloka (“perdonami madre per aver reso manifesto il caos”). È invece un fulgido esempio di misantropia autocritica in chiave grind (ancora con qualche tocco melodico) Svartcore 7 che allarga gli orizzonti dedicando un pensiero radicale al problema della sovrappopolazione (“noi non saremmo voluti nascere, voi non avreste dovuto”) mentre Bum Bum Bum Bum  butta a mare qualsiasi ipotesi di larghe intese coi metallari tacciandoli senza mezzi termini di subumanità, perché per i Boslide “tanti nemici, tanto onore” significa ancora qualcosa. Prima della conclusiva OPG, doveroso tributo alle cose importanti della vita (pellagra, vampirismo, fregna…)  Re Fragasso segna il punto più alto del disco: all’autore del campionatissimo Teste Rasate si alza un inno che lo acclama ultimo Kshatriya, profeta e condottiero delle schiere in marcia per prendere il potere. Se Satansbraten aveva tracciato il solco, Questa È Una Moda Di Pazzi lo difende con convinzione e un ghigno sinistro perché, come recita Boschpit, “la cosa bella è che malgrado tutto fa ridere”. I Boslide sono come quei gruppi black che negli anni ’90 voi deridevate, ma poi loro ammazzavano davvero la gente. State all’occhio.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Agatha - Getting Dressed For A Death Metal Party (Wallace/Smartz/Basura/Full…

Il nome avrebbe potuto appartenere ad una formazione emo core di metà di anni Novanta, in "illo tempore" un gruppo…

26 Dec 2007 Reviews

Read more

Ovo + Nadja – The Life And Death Of A…

Due gruppi, quattro movimenti, un concept album: non uno split ma una collaborazione fra il duo canadese e quello italiano,…

07 Jun 2010 Reviews

Read more

Mashrooms – S/T (Wild Love, 2011)

In maniera tutt'altro che banale i siciliani Mashrooms riescono nella difficile impresa di fare un disco che, pur muovendosi in…

27 Sep 2011 Reviews

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

the Dining Rooms - Turn to see me (LP Schema,…

Qualche stolto avrà sicuramente provato a dirvi che, considerando che l’abito non fa il monaco, la copertina non fa il…

02 Jun 2022 Reviews

Read more

Penelope Sulla Luna - Enjoy The Little Things (I Dischi…

Ultimi giorni del 2011 e ascolto un lavoro fatto di suoni che si adattano a raccordare il passato col futuro.L'EP…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Ventura - Ultima Necat (Africantape/Vitesse, 2013)

Ennesimo mattoncino Africantape sul già alto e forte muro. A questo giro, trattasi di trio svizzero - di Losanna per…

06 May 2013 Reviews

Read more

Noise Of Trouble – Distopia (Brigadisco, 2012)

La recensione dell'ultimo album dei Mombu sul fondamentale blog Il Teatrino Degli Errori, recitava "Fra le tante, citiamo tre piaghe…

31 Jan 2013 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 19 (26/02/15)

Per la puntata numero diciannove della terza stagione di The Sodapop Fizz in occasione della festa della radio Emiliano e…

02 Mar 2015 Podcasts

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Lilium - Black Dear (Taxi Driver, 2013)

Prosegue con perseveranza il lavoro della Taxi Driver per portare alla giusta ribalta le identità genovesi dedite a sonorità estreme…

07 Jun 2013 Reviews

Read more

Ty Segall + JC Satan – 02/11/2014 Interzona (Verona)

Serata post Halloween all’Interzona, con qualche reduce della sera precedente che ancora si aggira nella sala e del quale renderemo…

07 Nov 2014 Live

Read more

Rosolina Mar/Trumans Water - Split (Robotradio, 2007)

La Robotradio grazie ad un parto gemellare, oltre a Lucertolas, regala un nuovo capitolo della sua personale serie che unisce…

19 Dec 2007 Reviews

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Luca Sigurtà – Grunge (Silken Tofu, 2017)

Se questo disco di Luca Sigurtà sia una svolta verso nuovi orizzonti, l’inizio di un percorso parallelo o un episodio…

28 Feb 2018 Reviews

Read more

Chambers - La Mano Sinistra (To Lose La Track, 2012)

In inglese sarebbe "left hand"..e per i più metallari là fuori potrebbe essere un richiamo al Left Hand Path con…

05 Jun 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top