Boslide – Nazisti Da Operetta (Death First!, 2019)

Spiace dover registrare il primo passo falso nella carriera del diabolico ed ambiguo gruppo romano: dopo due uscite in due anni, nel 2016 e ’17, i Boslide mancano l’appuntamento col fatidico duemila e 18 e si accontentano di uscire in un anonimo 2019; ma d’altra parte pure noi li recensiamo in ritardo, quindi, da questo punto di vista, è pari e patta. Giunti al traguardo del terzo disco anche Portofino, Re Degli Spaventi e Barone Sangue  si pongono la domanda che ogni gruppo maturo deve porsi: come evolvere? La risposta che i tre danno è doppia ed inevitabilmente sbagliata: sul piano musicale si affina la scrittura, arrivando a registrare alcuni pezzi che superano i due minuti e uno che, addirittura, arriva quasi ai quattro, per i loro standard praticamente prog; sul piano contenutistico, quando ormai nemmeno il nazismo rappresenta più un investimento sicuro, si punta alla negazione di ogni (dis)valore attraverso un revisionismo duro e puro che li pone come avanguardia della reietta schiera degli impresentabili. Ecco dunque Nazisti Da Operetta, un lavoro che, nonostante la scorza grezza e spavalda, trasuda piena coscienza del presente e dell’ineluttabilità della situazione, traducendo il tutto in un’opera che, più che il beau geste, cerca – e quasi sempre trova – il bel gestaccio. AIDS Pride Polizei apre il disco così: “Guarda, se cominci a dir porcate io alzo e vado”; non la smetteranno fino alla fine, ma tenete duro, in 20 minuti è tutto concluso. Lercio Basilisco non è, nonostante il testo pubblicato, una cover di Prowler degli Iron Maiden, ma un grindaccio con vocione che ben si accompagna ad altre nefandezze quali  il black di Barafonda, il death-quasi-melodico di I Veri Maghi Sono Io, il crossover grind/rap di Mortacci e l’HC newyorkese di Trotta Cavallino, che ci riporta alla mente i M.O.D. migliori (che, a scanso di equivoci, sono quelli di U.S.A. For M.O.D.). Categoria a parte fa Ala Rautiana Et Ordiño Nuevo che, al di là del valore musicale (una scheggia di punk/HC ignorante da 55”), va direttamente a giocarsi la coppa di miglior titolo della storia insieme a I Went Back In Time And Voted For Hitler degli Anal Cunt e Get Your Dick Out Of My Food dei Men’s Recovery Project. Dal lato della maggior ricerca musicale si segnalano invece i brani finali, una cosa un po’ in stile dischi industrial/metal anni ’90, dove alla fine ti mettevano il pezzo pseudo-sperimentale spaccacazzo di 20 minuti. Il negazionismo propositivo di Esiste La Razza Negra, accelerazionismo grindcore con inserti sghembi e dissonanti, accredita i tre come cugini infami dei Mr. Bungle, il western-metal cianotico di A Stronzi li scredita agli occhi di ogni amante della musica e Nazisti Da Operetta, il brano prog a cui alludevo prima, accostando post-black metal e voci operistiche rubate chissà dove, garantisce un finale in tragedia. C’era davvero bisogno di un nuovo album dei Boslide? Ovviamente no. Ma come diceva Eric Stratton in Animal House “io penso che questa situazione richieda che qualcuno faccia un’azione assolutamente futile e stupida”. E oggi sono loro i più adatti per farla.

P.S.: fatte salve 10 coppie in floppy disc già esaurite e acquistabili a prezzi improponibili su Ebay,  Nazisti Da Operetta è uscito solo in digitale, su Bandcamp, al prezzo di 7 euro, ma se aggiungere 44 centesimi e raddoppiate il tutto non sbagliate.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

Gli Putridissimi/Luther Blissett – Split (FromScratch/Hysm/Ashame/Eclectic Polpo/Charity Press, 2012)

Cassetta in limitatissima edizione, novanta copie appena, per cui conviene sbrigarsi, inventarsi un modo per contattare i gruppi coinvolti e…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Ada-Nuki - S/T (Whosbrain, 2008)

Ada-Nuki propone una formula che potrebbe ormai dirsi classica e consolidata, il duo basso e batteria, arricchendola di voce, effetti…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow - Fattore Ambientale (Autoprodotto, 2012)

The Star Pillow è il duo formato da Paolo Monti e Federico Gerini a base di suggestioni cinematiche e sognanti…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni…

22 Jan 2015 Reviews

Read more

Battles - Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno,…

21 May 2007 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Susi Brescia - Tu Mi Dai Il Male (Nutrimenti, 2007)

Ho letto di questo libro su D di Repubblica un sabato mattina durante la colazione, e l'argomento mi ha subito…

29 Mar 2007 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top