Blastula – Scarnoduo (Amirani, 2010)

Giusto per mettere le cose subito in chiaro, diciamo che per quel che mi riguarda parlando di questo disco siamo di fronte ad un vero e proprio capolavoro. I Blastula in realtà sono la cantante, performer e scrittrice Monica Demuru alla voce e quel Cristiano Calcagnile che oltre ad essere un jazzista stimato ha suonato e suona Anthony Braxton, Cristina Donà, Uncode Duello ed una riga infinita di altri musicisti. Batteria e percussioni assortite (e Calcagnile sfodera un arsenale di suoni a dir poco infinito) e voce, al più qualche altro inserto (armonica a bocca ad esempio), registrazione e produzione splendide e null'altro che serva.
Credo che la Demuru oltre a ricordare un mix inedito fra cose fra Meredith Monk e delle cose etniche (le Faraualla ad esempio), sia anche cresciuta in contesti artistici vicini alla contemporanea ed al teatro visto che si tratta di questo tipo di stile. Calcagnile gioca sempre di fino fra il percussivo ed il puro e semplice colore, dall'ambientazione per i lavori vocali a delle parti più strutturate e continue dove dà modo di sentire che nonostante la sua formazione jazz-colta, si tratta di un musicista di ampie vedute e dagli ascolti parecchio eterogenei. Nenie, ninne nanne, marcette, musica popolare, classica contemporanea, brevi sabba e performance che per alcuni ricorderanno la Diamanda Galas più tranquilla. Nel gioco delle parti Calcagnile e la Demuru si scambiano il ruolo principale e quello dell'accompagnamento all'interno delle tracce. Un disco con un alone fra il magico ed il popolare anche se non ci vuol molto a capire che si tratta di una reinterpretazione colta della materia. Mi ero innamorato di questo disco da quando non era ancora uscito, dopo alcuni minuti di ascolto del promo di questo lavoro ne ero rimasto profondamente affascinato, tanto da chiedere ulteriori informazioni sul progetto e riascoltandolo con un amico (un batterista) l'ho trovato ancora più bello di quanto me lo ricordassi. A completare un lavoro già splendido, una grafica favolosa; si tratta di una busta-box che racchiude una serie di carte ad ognuna delle quali sono associati frasi di testo recitate all'interno del disco ed una serie di immagini e di frammenti di memoria, di ispirazione. Pur non trattandosi di un disco particolarmente cupo mi fa pensare ad una frase di un film tutto sommato mediocre come Shutter Island, in cui lo psichiatra tedesco ricorda a Di Caprio come la radice dela parola "trauma" derivi dal greco "ferita", dalla radice "tro" che sta per bucare, forare ed allo stesso modo in tedesco "traum" voglia dire sogno. Non tutti i drammi sono carichi di sofferenza, non tutti frammenti riemergono con facilità, è un processo che avviene con fatica e spesso a monte di molti sforzi, perché a volte ricordare è molto più scomodo di rimuovere. Non tutto il male vien per nuocere ed a pensarci è un po' l'effetto che fa questo disco, che sembra comunque il frutto di un parto sereno, senza "traum-i", o almeno lo sembra, appunto.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

Dalton: malinconia, disincanto e voglia di rivincita

Quattro chiacchiere al bar (immaginario ovviamente) con Fabio Leggieri, chitarrista dei Dalton: la band capitolina al traguardo del terzo album…

25 May 2020 Interviews

Read more

Mattia Coletti – Moon (Wallace/Bloody Sound Fucktory, 2014)

Con Moon Mattia Coletti torna a uno stile vicino a quello delle origini, dopo che gli sviluppi tentati successivamente a…

04 Feb 2015 Reviews

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Daniel Lercher - Missa Brevis (Chmafu Nocords, 2015)

Continuano le uscite interessati dell'austriaca Chmafu, questa volta si tratta del disco di Daniel Lercher Missa Brevis, tratto da una…

05 Sep 2016 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Bastion - S/T (Interregnum, 2009)

Non ce li saremmo mai aspettati così scuri, l'emiliano Yukka Reverberi e il tarantino Valerio Cosi; ma la particolarità dell'incontro,…

10 Jul 2009 Reviews

Read more

Zavoloka Vs. Kotra - To Kill The Tiny Groovy Cat…

Non è bello dirlo, ma spesso leggendo titolo e nome di un gruppo dell’est verrebbe da pensare che sia arretrato…

02 Dec 2006 Reviews

Read more

Uncodified – Behaviour Traits Of Stalkers (Diazepam, 2013)

Con un titolo del genere, con un Black Death Synth che spicca fra la strumentazione, con Marco Deplano (Wertham) che…

24 Feb 2014 Reviews

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Stefano Giaccone - Come Un Fiore (La Locomotiva, 2007)

Mi ritrovo a scrivere che a parte le dovute eccezioni non ho mai sopportato il cantautorato italiano, neppure gli intoccabili…

02 Jan 2008 Reviews

Read more

R.U.G.H.E. - S/T (Niente, 2009)

Non amo molto il radical minimalismo delle edizioni Niente, però non c'è dubbio alcuno che l'etichetta fondata dagli St.ride fornisca…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Lucertulas - Tragol De Rova (Robotradio, 2007)

Tempo fa qualcuno durante il concerto dei Botch mi bofonchiò: "e checcazzo questo è uno dei gruppi che ti riconcilia…

14 Dec 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top