Bilayer – Bilayer (Va Fongool, 2019)

Dopo  prove soliste molto interessanti, tra cui l’incisivo Lazuli, Hilde Marie Holsen torna assieme a Magnus Bugge a nome Bilayer. Un progetto nato in modo casuale con la volontà di sperimentare mescolando l’approccio della trombettista norvegese, che si muove sinuosamente tra jazz, ambient e manipolazione elettronica, e i sintetizzatori analogici del giovane compositore, per lo più dedito a colonne sonore e installazioni.
Ragione sociale che richiama evidentemente il dualismo, cosa che si può ritrovare anche nell’architettura complessiva di questa primo prova, costruita a partire da lunghe sessioni di improvvisazione poi messe a punto nelle cinque tracce edite dalla Va Fongool.
Se la cifra stilistica del suono si basa su una cosmicità ben ancorata al materismo per distendersi in diverse direzioni, la tensione di fondo resta ugualmente doppia. Da un lato cinque tracce brevi più composte e rifinite: elettroacustiche sommesse che gradatamente diventano droni discorrendo con il tempo attraverso una tenebrosa glacialità (Inertia) o che acquistano una ritmicità dal sapore costantemente siderale (Nystagmus) facendo il verso ad alcuni esperimenti delle Ectoplasm Girls, fino a  tingersi di umori noir nelle profondità cupe dei synth su cui la tromba tratteggia lente flessioni malinconiche (Dura Mater). Dopo una lieve calo di breve estaticità, si arriva alla seconda parte ideale del disco con la lunga traccia omonima. Bilayer in effetti racchiude in se il nocciolo duro di quella che potrebbe essere la vera ragion d’essere del progetto, un modo di intendere l’improvvisazione elettronica che si esprime in tutta la sua distensione. Una lunga suite dove le varie concatenazioni tendono verso la scoperta di risvolti inediti attraverso l’interazione; un’organicità cangiante maggiormente viscerale fatta di obliqua ritmicità musicata dai fiati, passaggi ambientali lungimiranti, psichedelia e fredde ritorsioni di trambusti meccanici. Tutto scorre con estrema naturalezza e una capacità di sintesi che fanno ben sperare.
Un gran bel biglietto da visita.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - The Toysound Of Earsugar (Earsugar Jukebox, 2005)

Come si evince da alcuni miei scritti, che sicuramente non passeranno alla storia, sono un drogato di 7". Ma, nella…

10 Jan 2007 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Songs About Music (Wallace/North Pole, 2010)

Mr. De Leon qualcuno di voi se lo ricorderà per i Rollerball, come molti di voi sapranno questo è il…

16 Mar 2010 Reviews

Read more

Compest - Zeugen (Der Leere) (Luce Sia, 2018)

Sublime progetto solista di Martin Steinebach, nuovamente su Luce Sia, che riassume in una minuscola cassetta tutto ciò che il…

06 Nov 2018 Reviews

Read more

Kelvin/Speedy Peones - Split 10" (MacinaDischi, 2010)

Metallo dal Nordest, almeno per quel che riguarda la confezione delle prime 300 copie di questo 10" (45 rpm e…

07 Jul 2010 Reviews

Read more

Terreni K - Depths (Luce Sia, 2018)

il secondo lavoro del pugliese Massimo Gravina esce per la illustre Luce Sia che si distingue quindi non soltanto per…

30 Oct 2018 Reviews

Read more

Skullflower - The Black Iron That Fell From The Sky,…

Una trilogia in vinile sull’oscurità dell’antico Egitto e sull’ombra da cui provengono i sogni più cupi poteva trovare pochi interpreti…

12 Feb 2018 Reviews

Read more

Tiziano Milani, Luca Rota - The City Of Simulation (Setola…

Un progetto molto interessante quello che mi trovo fra le mani, infatti a dispetto delle molte baggianate che cercano di…

30 Apr 2010 Reviews

Read more

Joe Lally: Fugazi, Roma, more human than human

Strana congiunzione astrale quella che fa sì che nell'ultimo periodo siano tornati alla ribalta musicisti o gruppi che ruotano attorno…

01 Oct 2011 Interviews

Read more

Martyrdöd - Paranoia (Southern Lord, 2012)

Ultimamente pecco spesso di mancato tempismo: ascoltarmi questo "Paranoia", ultima fatica degli svedesi Martyrdöd, nel pieno di una estate infernale…

02 Oct 2012 Reviews

Read more

Il Babau e I Maledetti Cretini – Il Cuore Rivelatore…

Secondo fonodramma della trilogia dedicata dichiaratamente ad Edgar Allan Poe che la band meneghina sviluppa anche stavolta attraverso un booklet…

10 Feb 2017 Reviews

Read more

Vonneumann – The Procrastination Loops (Ammiratore Omonimo, 2018)

I Vonneumann sono prossimi a festeggiare i vent’anni di attività e come antipasto dell’evento rendono disponibile sul loro bandcamp una…

11 Sep 2018 Reviews

Read more

The Moo-Rays - S/T (Autoprodotto, 2015)

Garage rock 'n' roll completamente sardo. Se cercavate il fil rouge tra i mammuthones (le maschere tradizionali, non la band)…

12 Feb 2016 Reviews

Read more

Nudist - See The Light Beyond The Spiral (Santavalvola/Taxi Driver/Shove/Deathcrush/Oniric/DioDrone,…

Nella più contemporanea tradizione sludge, il viatico dei nostrani Nudist fuoriesce istantaneamente dall'atmosfera come attacca l'apripista Horror Vacui. Immediatamente veniamo…

01 Apr 2015 Reviews

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top