Big Sir – Und Die Scheiße Ändert Sich Immer (GSL, 2007)

Che poi io non mi ero mai imbattuto nella sindrome della pagina bianca come questa volta. Mai un disco aveva risieduto nel mio lettore per cotanto tempo senza farmi uscire un giudizio. E mi ci son picchiato. E, forse, alla fin fine ho cavato del sangue da una tal rapa, o noce o quello strano frutto che campeggia nella strana copertina di questo strano disco.
E pensa, pensa, pensa. E poi l'illuminazione?
No. Niente di che.
Ad un certo punto, alla disperata ricerca di un appiglio, ho contestualizzato questo disco. Ho unito qualche filo. Ho letto un po' di righe in giro. Ho visto i top friends del loro myspace.
Ho capito perchè, nel non trovarne il bandolo, mi figuravo divertito a giocare con la matassa. Attualmente di stanza a Los Angeles escono per l'etichetta che più ha sfornato tese ritmiche e assalti sonori negli ultimi anni, la Gold Standard Laboratories di Omar Rodriguez degli At The Drive In / Mars Volta. E di questi ultimi, Juan Alderete De La Pena, mente dei Big Sir, è il bassista. Con quest'intro il disco è bello e massacrato. Ma, in realtà, non c'entra per niente. E allora proviamo a ripercorrere il filo che parte da lei, Lisa Papineau, nativa di Providence, già con Air e M83, qui alla voce. E di nuovo un buco nell'acqua, non ci siamo dentro, niente smielismi.
Qui ci si perde.
I due sono insieme già nei Pet, con due dischi usciti per l'etichetta di Tori Amos, e qui qualcosa sembra quasi sul punto di scattare vista la bella voce della Papineau, e sulla colonna sonora del Corvo II, che è, però, un altro falso indizio.
Non c'è via d'uscita, il disco scorre ma non rimane; non incespica, si inerpica, sale e scende. Risulta gradevole, quasi esalta a tratti. Ma niente; non fa scattare niente nel cervello del recensore.
Poi i controlli incrociati danno frutto e scopri che la chiusura del disco è affidata a quel Mark Ramos Nishita già noto alle cronache sotto lo pseudonimo di Money Mark, precedentemente al servizio delle loro maestà Beastie Boys. E qui, finalmente, si intravede la luce alla fine del tunnel.
Le blande ritmiche si configurano in giochi di downtempo, lievemente funkeggianti, ciondolanti in un hip hop che definirei da cucina, dacchè la camera da letto è occupata dagli Outkast, la cameretta da Why? e il cesso da Eminem.
Come se il mainstream miscelasse il groove di Midnite Vultures di Beck e il pop maturo di Tanya Donnelly. L'underground se ne esce, dunque, con questo prodotto, bello e indecifrabile, di mille fattori.
Buono come mangiare una rapa immersa nella nutella, niente sangue ma soddisfazione garantita.
p.s. pare che il titolo significhi "e la merda continua a cambiare"…

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Blastula - Scarnoduo (Amirani, 2010)

Giusto per mettere le cose subito in chiaro, diciamo che per quel che mi riguarda parlando di questo disco siamo…

30 Mar 2010 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Edible Woman - The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente…

26 Apr 2007 Reviews

Read more

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Live Footage - Doyers (Autoprodotto, 2013)

Topu Lyo e Mike Thies da più di cinque anni servono la scena di New York City con la loro…

18 Jul 2013 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

Lazarus - The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e…

20 Nov 2009 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato -…

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la…

07 May 2010 Live

Read more

Aucan - S/T (Africantape/Ruminance, 2008)

Giù la maschera: ero partito molto prevenuto nei confronti degli Aucan, temevo che sulla scia dei Three Second Kiss fossero…

16 Jun 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow - The Beautiful Questions (Setola Di Maiale/Taverna,…

Torna il duo degli The Star Pillow e si accasa per l'occasione su Setola Di Maiale, che come sempre ha…

16 Apr 2014 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Splintered Man - S/T (Slow Release, 2014)

Gli Splintered Man sono Simon Kobayashi e Alex Carter, il primo dei due è attivo con gli Smallgang, su Damnably:…

29 Apr 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top