Beasts of Bourbon – the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo a mezzi deserti e piane brulle. Ci siamo capiti: Australia, baby. Le Bestie del Bourbon, nel 1991, firmavano il capitolo finale della loro discografia non postuma.Quattro album, quattro.
The low road è l'ultimo lavoro della band prima di esplodere. E, a onor del vero, nemmeno il più devastante. Per l'impatto ruvido e la forza abrasiva ci si deve rivolgere a cosette come Sour mash, tanto per dirne una. O a The axeman's jazz.
Quello che abbiamo qui è, invece, un ritratto di quelli che vanno annusati, sentiti e vissuti, per essere compresi al 100%. Uno di quei capolavori-non capolavori. Manifesti di vita, istantanee apparentemente sceme che riviste ad anni di distanza fanno più effetto di un quadro di Magritte. Lo sentite il sapore della polvere sulla lingua? E il gusto del sangue in gola? Perchè "The low road" è questo. E' il sapore degli anni Ottanta che se vanno, dei vent'anni che diventano trenta, delle abitudini che non sembrano voler cambiare anche se tutto là fuori ti dice "CHE CAZZO STAI FACENDO!?!?". E' il retrogusto di morte e birra che ti trovi sulla lingua dopo 10 anni di rock'n'roll life, in cui quasi quasi eri una star, anche se non avevi i soldi per comprarti un paio di anfibi nuovi. Ma ogni sera era una festa o quasi.
Quando ti rendi conto che forse tua madre aveva ragione quando ti diceva certe cose, che tuo padre non aveva tutti i torti, iniziano i casini. Ti senti un cretino e la prima tentazione è quella di mollare tutto e maturare. Però chitarre e amplificatori sono appiccicosi. Non ti puoi staccare così facilmente. E allora partorisci un album "maturo". O così ti piace credere.
Ma non prendiamoci in giro. Anche se togli un po' di distorsione e canti un po' più melodico (magari con un paio di fraseggi funky o vagamente country), se avevi il diavolo in corpo, te lo tieni. Non se ne va così facilmente.
Ecco, questo disco è così. Come se la sacra triade Salmon\Jones\Perkins avesse avuto bisogno di una parentesi rassicurante. Più per gli altri che per loro. A tratti sembrano dire "Ok ragazzi, no problem. Siamo onesti musicisti cresciuti ed esperti. Non i selvaggi che conoscevate".
Ma. Ma. Ma… non fate finta con noi. Perchè "Chase the dragon" parla da sola, tossica e tagliente come sapete voi. E poi quelle due cover: Ride on (premiata ditta Young\Scott\Young, cari miei) e Cocksucker blues (Jagger\Richards s.p.a.).
Cercavate di prendervi in giro e di prenderci in giro. Sì. Ma per fortuna non ci siete riusciti, Beast Of Bourbon. Per fortuna: perchè in cuor vostro sapevate anche voi che quello che ci dicono per scoraggiarci non è vero. E quando lo è ci si deve girare dall'altra parte e negare anche l'evidenza. Questo è il rock, non un battesimo a Tropea. Niente dolci e ravvedimenti. Solo tagli, ferite, chitarre, alcool e un po' di sassi ad altezza cuore. Per proteggerci un po'
Quindi, fallita la presa per il culo cosmica, vi siete sciolti. Ottimo. E qui è la grandezza di un disco come questo: è un monito.
Ricordati che devi morire? No. Ricordati che puoi morire, piuttosto. E se non vuoi morire devi prendere la vita a coltellate nelle reni.
E, soprattutto, attaccare il distorsore e non stare a sentire chi ti dice cazzate.
Amen.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Beck - Modern Guilt (XL, 2008)

Inutile negare la grande colpa del Bob Dylan degli anni '90, il grande genietto che ha saputo, se non per…

20 Sep 2008 Reviews

Read more

Alice Kundalini & Luca Sigurtà - Love, Noise and Yoga

21:17 di un qualsiasi sabato sera. Ho appena chiuso un’operazione economica virtuale che in un paio di settimane porterà dal…

22 May 2022 Articles

Read more

Mamuthones - Sator (Boring Machines, 2010)

Con colpevole ritardo mi appresto a recensire quest'ultima uscita Boring Machines, trattasi di uscita stampata con copertina digipack in rilievo,…

22 Mar 2010 Reviews

Read more

Rinunci A Satana? - Blerum Blerum (Wallace/E Io Pago, 2018)

Un quid di Black Sabbath, uno di Fuzz Orchestra e il resto chiamiamolo semplicemente rock anni settanta. I Rinunci A…

30 Apr 2019 Reviews

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

Gerda - Your Sister (Wallace, Sonatine, Fallo Dischi, La Fine,…

Abrasivi, slabbrati e potenti, ma estremamente lucidi. Dopo nove anni dall'esordio, l'ultima fatica dei marchigiani Gerda, si mostra con la…

12 Mar 2015 Reviews

Read more

Katharina Klement - Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all'improvvisazione che alla…

07 Feb 2013 Reviews

Read more

L'Océan - Primio (GP2, 2016)

L' Ocèan non è esattamente una band nel senso convenzionale del termine quanto un gruppo di improvvisazione nato nel 2006…

30 Jan 2017 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Malagrazia_________ Landfall (Luce Sia, 2018)

Dell'omonimo spettacolo Malagrazia di Phoebe Zeitgeist (ideazione e regia di Giuseppe Isgrò) metabolizziamo la colonna sonora o sarebbe più corretto…

05 Mar 2019 Reviews

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

METTICI LA MUSICA! Alessandro Fiori e Topazio Perlini - 20.11.2021…

Di questi tempi i concerti...diciamo che si fa quel che si può. Costanza e fisico non sono più quelli di…

28 Nov 2021 Live

Read more

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more

I Treni all'Alba - Folk Destroyers (I Dischi Dell'Amico Immaginario/Smartz,…

Elegante progetto maturato negli ultimi sei anni tra elementi del circuito alternativo valdostano e torinese: I Treni All'Alba sinuosi e…

30 Mar 2008 Reviews

Read more

Swedish Mobilia/Luca Aquino – Did You Hear Something? (Leo, 2013)

Tornano i tre Swedish Mobilia per la seconda uscita sulla mitica etichetta di Leo Fegin, e il combo nostrano non…

29 Nov 2013 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 17 (12/02/15)

Per la puntata numero diciassette della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Stefano Santabarbara…

16 Feb 2015 Podcasts

Read more

Shelly Johnson Broke My Heart - Brighter (Stop!, 2011)

Caspita. La malinconia tutta all'improvviso. L'estate sta finendo dal punto di vista solare ed è finita per tutto il resto.…

20 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top