Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici – che da Tarlo Terzo ci avevano accompagnati fino a Quintale – e optano per un altrettanto polisemico Necroide che, associato alla copertina afro-tribale, si espone a tutta una serie di rimandi e sembra riecheggia il Dälek di Negro Necro Nekros. Direi che la cosa è tuttavia casuale, tanto più che i brani con influenze black mi sembrano i meno significativi. Qui si racconta un’altra storia, quella di un disco nato sotto il segno di Marte e Plutone.
Di metamorfosi in metamorfosi rinuncio a cercar di indovinare dove i Bachi siano diretti, capisco però chiaramente dove sono arrivati: questo è il loro disco metal senza se e senza ma. Certo, metal alla loro maniera, ma pur sempre incontestabilmente metal. Vi viene in mente qualcosa di più inopportuno, oltretutto a quarant’anni suonati, oltretutto affrontando il genere con una chitarra solitaria e una batteria senza cassa? Eppure, proprio per questo suo essere “sbagliato”, Necroide si impone e ci costringe a vedere le cose da un punto di vista diverso. Non si scherza, lo si capisce subito da quella Black Metal Il Mio Folk figlia liricamente di Noi Amiamo La Guerra e musicalmente di Habemus Baco (entrambi dal precedente EP): suoni che sono un’assalto all’arma bianca e testo da combattimento che suggerisce l’idea che lo spirito del rock’n’roll sia qualcosa da difendere da questa crisi di valori e dalla marea dei tagliatori di teste -propri e figurati- che sta montando. Potete essere d’accordo o no, ma dovete ammettere che solo col metal potete veicolare un tale messaggio, non c’è punk o hardcore che tenga. Se ancora vi servono conferme di quanto questo linguaggio abbia una propria valenza e peculiarità cercatele nella cavalcata di Voodooviking, in una Feccia Rozza che puzza di Brujeria, nello spiazzante e beffardo techno-metal di Apocalinsect, nel doom indemoniato e sbronzo di Cofani Funebri, in una Danza Macabra che è più un pogo selvaggio. tutti pezzi che non lasciano possibilità di replica ed emarginano quelli musicalmente meno muscolosi, come Slayer And The Family Stone, troppo annacquato dagli influssi soul o l’hard rock di Virus Del Male, che in Quintale avrebbe fatto un figurone, ma che qui fa la fine del vaso di coccio. Succi e Dorella non si servono del metal per un’operazione intellettuale (come potrebbe essere per certi lavori di Laibach o Boris) né per farne una parodia ad uso e consumo di hipster spocchiosi, tantomeno cercano di distaccarsi ironicamente dal genere: giocano, si immergono nel flusso della sua epica, pagano tributo ai caduti (Jeff Hanneman degli Slayer evocato in Fascite Necroide), resuscitano gli antichi dei e fanno esplodere in superficie quel vitalismo irrazionale che nella poetica dei Bachi è sempre corso sottotraccia e che in Necroide si esalta nel confronto con la morte, presente in quasi tutti i testi. È davvero tutto un gioco, alla fine. Ma come scriveva Montherlant “il gioco è l’unica forma d’azione che deve essere presa sul serio”, riecheggiando forse Schiller che pensava che “l’uomo non è pienamente uomo che quando gioca”. Col metal come con la vita.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dona Ferentes & Rag Mother - S/T (Nighthawks Tapes, 2008)

Primo split per la Nighthawks Tapes in cui apre le danze (si fa per dire) Dona Ferentes & Rag Mother che…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Movie Star Junkies - Son Of The Dust (Outside Inside,…

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato…

18 Apr 2012 Reviews

Read more

Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è…

20 Dec 2017 Reviews

Read more

Papier Tigre - S/T (Collectif Effervescence, 2007)

Disco che gronda Chicago, Washington e indie / math rock metà '90 da tutti i pori. Potremmo indicare,…

06 Nov 2007 Reviews

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Connect_icut - Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo,…

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte…

14 Mar 2014 Reviews

Read more

Picore - Assyrian Vertigo (Jarring Effects, 2012)

Concettuale e ostico, il sestetto francese Picore si immerge con l'album Assyrian Vertigo in una sorta di delirio in…

03 May 2012 Reviews

Read more

A Dog To A Rabbit - S/T (Lady Lovely, 2010)

Interessante peculiarità quella della Lady Lovely che come per Betzy anche con A Dog To A Rabbit  sforna una band…

16 Feb 2010 Reviews

Read more

PAQ – Block Notes (Neguse Group, 2010)

Nel continuo rimando di riferimenti che scatta nella mia testa quando mi metto ad ascoltare un disco, c’è la solita…

20 Oct 2010 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - Good Luck (Santeria, 2012)

I Giardini Di Mirò - come, sono convinta, per moltissima gente più o meno della mia età - sono stati…

17 Apr 2012 Reviews

Read more

The Star Pillow - Fattore Ambientale (Autoprodotto, 2012)

The Star Pillow è il duo formato da Paolo Monti e Federico Gerini a base di suggestioni cinematiche e sognanti…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Deeper (CD Luce Sia, 2022)

Deeper è la terza parte di una trilogia iniziata nel 2017 e comprendente i lavori RedruM e TheenD, in questo…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Viarosa - Where The Killers Run (Tarnished, 2007)

Scribacchiare di musica è come registrare gruppi. Ti dà la possibilità di provare quello che le scelte che hai fatto…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Luigi Turra - Enso (Smallvoices, 2007)

Se non si chiamasse Luigi Turra e se non sapessi che è italiano, ascoltando il disco avrei pensato che si…

16 Nov 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top