since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Fabio Fazzi – Shattered Worlds / Nunavut – Diurnal Course (Asbestos Digit, 2020)

Due interessanti pubblicazioni targate 2020 dalla prolifica Asbestos Digit. La prima è quella di Fabio Fazzi, musicista di area elettronica sperimentale, che già si era fatto notare con l’album Harsh Communication del 2019, lavoro con il quale imbastiva un personale connubio di trame sintetiche, manipolazioni rumoriste e armonie inconsuete, mostrando qualità stilista ed eleganza di…

Read more

Lean Left – Medemer (PNL, 2020)

Medemer è il nuovo lavoro dei Lean Left, quartetto di improvvisazione radicale formato dal jazz rebel norvegese Paal Nilssen-Love (batteria), dal compositore e improvvisatore americano Ken Vandermark (sassofono tenore e clarinetto), e da Terrie Ex e Andy Moor (chitarre) dell’anarco avant punk band olandese EX. Un ensemble che non ha certo bisogno di presentazioni e…

Read more

Tatsuya Nakatani & Shane Parish – Interactivity (Cuneiform, 2020)

Secondo disco collaborativo tra il percussionista avant Tatsuya Nakatani e il chitarrista Shane Parish degli Ahleuchatistas. Un lavoro che si basa sulla pura istintualità e un genuino approccio face to face che riesce a esprimere una carica poetica piuttosto interessante. Interactivity si compone di tre lunghe tracce improvvisate che sovrappongono efficacemente piani apparentemente incongruenti, via…

Read more

Buckminster – Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel sampler dell’etichetta dello scorso anno, ispirato ai luoghi che hanno avuto un ruolo nell’esistenza del nostro. Bisogna notare però come l’ambiente sia agito in maniera differente dalle intuizioni di Brian Eno. Perché gli spazi ritratti…

Read more
Back to top