since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

VipCancro – Su Se Stesso (Lisca, 2019)

Partire dalla trasparenza e dalla volatilità dell’espressione, questa la primaria evocazione del nuovo Su Se Stesso dei VipCancro: copertina ultra minimalista argentea e riflettente e cd senza nessun indizio grafico che possa lasciar intendere il verso con cui inserirlo nel lettore – tanto che bisogna stare attenti se si vuole ascoltare qualcosa. Artwork che rispecchia…

Read more

Dans Les Arbres – Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp self-release, 2019)

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland (chitarra) e Ingar Zach (percussioni); attivi dal 2006, tre album sulle pregiate Ecm e Hubro, esplorano un concetto molto interessante di composizione spontanea in bilico tra aleatorietà e concretezza. Una delle migliori occasioni per saggiare…

Read more

Daniel Menche – Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno stile riconoscibile costruito in anni di studio e pubblicazioni con una sua voce peculiare molto efficace. Un disco che segna un ulteriore scarto concettuale che non può essere apprezzato con un colpo d’occhio rapido, ma…

Read more

Konstrukt + Ken Vandermark – Kozmik Bazaar (Karlrecords, 2019)

I Konstrukt continuano nella loro marcia forzata delle collaborazioni, e dopo aver incrociato gli strumenti con artisti come Thurston Moore, Peter Brotzmann, Merzbow, Joe McPhee e Evan Parker, tra gli altri, trovano ancora un’occasione per registrare con un altro nome di spessore dell’avant jazz internazionale, il sassofonista chicagoano Ken Vandermark. La visione dell’ensemble turco è…

Read more
Back to top