since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Øe – Transfer (Murmur, 2012)

Il disco di Fabio Perletta, ovvero Øe, esce per la giapponese Murmur records, non che la cosa attesti automaticamente la qualità del disco, ma già di per sè è una dimostrazione diretta che la bravura spesso paga. Come avrete intuito Transfer è un lavoro di livello che ribadisce per l’ennesima volta come sia la musica sperimentale sia quella elettronica nostrane godano di uno stato di grazia. …

Read more

Nicola Ratti: Ronin, ma anche Bellows con Ielasi ed una sorprendente carriera solista. L’elettronica che conta.

Come avrete intuito dal titolo Nicola Ratti è il chitarrista dei Ronin, questo lo dico per quelli che non sono a conoscenza delle sue sue cose meno pop, del suo passato con i Pin Pin Sugar e di un presente dedicata al live electronics. Ratti ormai è su dei livelli sorprendenti, potrei dire che insieme ad Andrea Belfi, Giuseppe Ielasi, Claudio Rocchetti, Luca Sigurtà e Alessandro Bosetti, sia uno dei nomi italiani più conosciuti all’estero. Una veloce ricognizione del suo sito (www.nicolaratti.com) potrà chiarire ogni dubbio sul fatto che nulla di ciò che ho scritto risulti esagerato. …

Read more

A Windy Season – Tidal (Amirani, 2012)

Se credessi nel senso e nell’utilità di fare una playlist di fine anno Tidal sarebbe senza dubbio nella top ten delle cose migliori che ho ascoltato. Per quel che mi riguarda si tratta di un lavoro splendido sotto diversi punti di vista, infatti oltre ad amalgamare in modo molto equilibrato alcune individualità decisamente forti, si muove attraverso le diverse influenze (esperienze) musicali del quartetto coniugandole in modo affascinante. A Windy Season sono Angelo Contini (trombone, didjeridoo, etc), Alessio Pisani (fagotto, controfagotto), Gianni Mimmo (sax soprano) e Mirio Cosottini (tromba, etc). …

Read more

Stumbleine – Spiderwebbed (Monotreme, 2012)

Questo gruppo su Monotreme riprende parecchie cose che in questo periodo vanno parecchio di moda, lo fa in modo ottimo, quindi potremmo tranquillamente dire che seppur non si tratti di una delle uscite più originali del mondo Stumbleine ha delle carte da giocare. Questo produttore di Bristol mette insieme il meglio del suono di gente come Holy Other, delle cose dubstep, puntate shoegaze e un gusto per l’elettronica molto inglese. …

Read more
Back to top