since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Turnstile – Nonstop Feeling (Reaper, 2015)

Per tutti voi che amate le sonorità più muscolari e il groove pesante potrebbe essere arrivato uno dei dischi dell’anno. Sono in cinque e vengono dalla zona di Baltimora: in meno di mezz’ora ci deliziano con dodici brani che senza perdere nulla del retroterra più urbano e violento del New York Hardcore si sposano a influenze e inflessioni eterogenee, cosa peraltro non nuova alle varie band che hanno messo la Grande Mela sulla mappa del rock più duro. …

Read more

Punch – They Don’t Have To Believe (Deathwish, 2014)

Spazzate via ogni tentazione di Summer of Love. Niente hippie, niente amore fraterno, niente sogni borghesi arcobaleno. La San Francisco dei Punch suona dura quanto l’hardcore più tagliente, martellante quanto i testi più militanti e feroci. Se cercate un suono diretto e sferragliante, proprio come il nome della band californiana, segnate sull’agenda questo They dont’ have to believe, uscito pochi mesi fa su Deathwish.

Read more

Tindersticks – Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di “pop orchestrale da cameretta”, alle prese con un lavoro musicale di sonorizzazione di una mostra museale permanente. Passati, tra i fasti di critica e pubblico, gli anni ruggenti dei Novanta ora il gruppo di Stuart Staples, un po’ ingolfato quando si tratta di forma canzone, rida fiato all’antico amore per i lavori che abbracciano la musica in senso lato.  …

Read more

At The Gates – At War With Reality (Century Media, 2014)

Non faccia storcere il naso il ritorno degli svedesi At The Gates, perché trai solchi del nuovissimo At War With Reality si nascondono dei momenti di ottimi livello e non certo il materiale raccogliticcio di una band che vuole monetizzare un passato così influente e riverito. L’essere riusciti a scrivere, a distanza di 19 anni dal canto del cigno (così si pensava allora), l’acclamato Slaughter Of The Soul, un disco abbastanza coeso e convincente depone a tutto favore di Thomas Lindberg e soci, capaci di far traspirare dai solchi del vinile appena uscito la chiara esigenza di avere ancora da dire qualcosa. …

Read more
Back to top