since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Quantum Hierarchy – Neutron Breed (Everlasting Spew, 2018)

Continuando sull filone death metal senza compromessi e di vecchia scuola ecco i Quantum Hierachy, (nome difficile da ricordare in stampatello figuriamoci con i font death metal). Velocità quasi sempre da crociera, doppia cassa come grandine sull’ondulina e voce graziosamente grufolante. Disco ben curato, prodotto e arrangiato ma quante volte ne avremo ascoltati così nella…

Read more

Valgrind – Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation. Non tragga in inganno il nome, la band infatti sguazza nel death più macilento e sferragliante (Obituary) e benché il progetto sia decisamente dogmatico ed ortoddosso nei postulati di genere, gli aficionados  non rimarranno delusi…

Read more

Construct Of Lethe – Exiler (Everlasting Spew, 2018)

i Construct Of Lethe sono una bollente ed inesorabile colata di death metal senza compromessi. Suoni cupi, ribassati, abbondanza di mid-tempo e tonnellate di ferocia sono l’estrema sintesi del prdodotto. Allo stesso tempo break e bridge non sono affatto scontati, ma alla continua ricerca di trame più vicine al post BM illuminato rispetto alla furia…

Read more

Gerda – Black Queer (Wallace/Shove, 2018)

Come sempre imprevedibili i Gerda ci arrivano sotto la faccia con l’ennesimo lavoro slabbrato, zoppicante ma anche potente e disperato come il calcio di un mulo. Il sound suscita sempre lo stesso bizzarro impatto: infatti, seppur urticanti ed epilettici, i pezzi sembrano pregni di una sorprendente melodia appena nascosta  sotto il pelo dell’ acqua.  Se…

Read more
Back to top