Aucan + Nexus – 07/08/09 Goose Festival (Zevio – VR)

Dopo che la brigata genovese, quasi unanime, aveva cantato le lodi della data lavagnese degli Aucan, non ho potuto esimermi dal calare sul veneto per assistere al live del gruppo bresciano al Goose festival di Zevio. Salgo in macchina, imbocco l’autostrada, mi perdo nei meandri della tangenziale di Verona e dopo aver proferito indicibili bestemmie all’indirizzo di Giulietta Capuleti, patrona locale, arrivo giusto in tempo per perdermi il concerto dei Nicker Hill Orchestra. Iniziamo bene.

Dunque, i primi che mi vedo, col castello come suggestivo sfondo, sono i quasi locali Nexus, stasera in formazione a tre per l’assenza del cantante. L’assetto ridotto fa emergere qualità che li accomunano al side project Poseidon: groove in evidenza, incedere quasi stoner, maggior ruvidezza. Si perde qualcosa nei brani più melodici, ma tutto sommato, sarà questione di gusti personali, nel complesso non mi dispiacciono affatto, in questa versione.
Gli Aucan, protagonisti della serata, si dispongono, con perfetta simmetria, batteria al centro e chitarristi/tastieristi ai lati: il tridente. Non usano la voce, ma davvero non se ne sente la mancanza, tutto il lavoro espressivo è svolto egregiamente dagli strumenti. Con una formazione così offensiva, è ovvio, non ci si può risparmiare e fin dal primo minuto i tre macinano riff, cambi di tempo, tapping a profusione, tastierine insinuanti. So che detto così appare orribile, ma questi elementi aucan______________zevio__________grandesono combinati in modo da dar vita a un concerto piacevole e coinvolgente: il funk che anima il CD lascia spazio a suoni più rock, le tastiere dettano le melodie e non disdegnano di giocare a ping pong con le chitarre e in alcuni casi, a disturbarle; i tecnicismi, sempre funzionali alle composizioni, non indispongono, grazie anche a un’atmosfera divertita e a un’ironia garbata che non scade mai nel nonsense. Insomma, per una volta il math-rock, se così vogliamo chiamarlo, riesce ad essere un linguaggio autonomo e sensato, non la solita versione indie del metal ipertecnico più deleterio. Addirittura, nei bis, appannaggio di pezzi nuovi, la batteria è triggherata e le chitarre passano in secondo piano, fino a sparire completamente nell’ultimo pezzo, lasciando campo aperto alle tastiere. Un buon diversivo, ma spero che il futuro del gruppo non sia nell’emarginazione delle sei corde, sarebbe un peccato.
Qualche giorno dopo incrocio uno dei due chitarristi al concerto degli Oneida e gli faccio i complimenti per l’esibizione. “A Genova avevamo suonato meglio”, mi dice. Mancherò di fantasia, ma davvero fatico a immaginarmelo.

Foto di Marta Guglielmi
http://www.flickr.com/photos/martamel/

 

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or – Anacalypsis (Boring Machines, 2016)

Grazie a Boring Machines trovano ospitalità fuori dalla Sardegna gli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or, fra gli esponenti di spicco della…

05 Dec 2016 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - The Fall Will Probably Kill You (Bearsuit, 2010)

Ennesima raccolta della Bearsuit, etichetta inglese della quale ci siamo già occupati sia nel caso di altre raccolte che in…

07 Jan 2011 Reviews

Read more

Shuteye Unison - Our Future Selves (Park And Records, 2010)

Lasciando perdere il brutto video del pezzo di punta Be Kimball (se proprio lo volete vedere ecco qui), la…

31 Jan 2011 Reviews

Read more

the Dining Rooms - Turn to see me (LP Schema,…

Qualche stolto avrà sicuramente provato a dirvi che, considerando che l’abito non fa il monaco, la copertina non fa il…

02 Jun 2022 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon - Trullo Improvisations (Muzakrec, 2009)

Da quel che sento dopo tre dischi che vedono impegnato in prima persona Marcello Magliocchi, un retrogusto da improvvisazione "d'atmosfera"…

09 Sep 2010 Reviews

Read more

Oneida + Lucertulas - 10/08/09 Malafly (Verona)

Era molto atteso il ritorno degli Oneida, dopo la pazzesca esibizione al No Silenz festival di due anni fa.…

22 Sep 2009 Live

Read more

Dead Elephant - Lowest Shared Descent (Donna Bavosa/Robotradio, 2008)

Nuovo disco per i Dead Elephant (solo di recente ho scoperto che devono aver fatto degli EP autoprodotti) e come…

16 Jan 2008 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Ocean - Pantheon Of The Lesser (Important, 2008)

Secondo album sull'eclettica etichetta Important per i doomster di Portland (da non confondere con gli Ocean tedeschi) e sempre meno…

15 Dec 2009 Reviews

Read more

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Stefano Isidoro Bianchi - Prewar Folk, "The Old Weird America":1900-1940…

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro…

18 Jun 2009 Reviews

Read more

dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E' una grande sorpresa l'ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall'impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima…

13 Apr 2012 Reviews

Read more

Comaneci - You A Lie (Madcap Collective/Fooltribe/Here I Stay, 2009)

I Comaneci riducono l'organico, sono ora solo Francesca Amati e Glauco Salvo ed escono dalla cura dimagrante più in forma…

30 Oct 2009 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top