Attilio Novellino/Collin McKelvey – Hyperhunt (Random Numbers, 2017)

La Split Series della Random Numbers nasce con l’intento di documentare su nastro la scena italiana più sperimentale. Questo quinto volume, quello di chiusura, ci saluta infrangendo le regole e aprendosi al futuro: non si tratta infatti di uno split bensì di una collaborazione che chiama oltretutto in causa un ospite straniero, l’americano Collin McKelvey, che con Attilio Novellino ha già collaborato in due occasioni. Hyperhunt ha la forma di una lunga sinfonia (spartita fra le due facciate) che, combinando con cura strumenti acustici, elettronica analogica e digitale  e suoni trovati, fa perdere loro ogni connotazione originaria, ponendoli come puro suono.  Conseguenza ovvia è la dissoluzione dell’idea di genere nel rapido e continuo mutare di riferimenti e atmosfere: dopo le cupezze sintetiche che aprono il lavoro, è tutto un rincorrersi di ritmi serrati e discontinui intessuti da concretismi ad alto coefficiente di realtà (come una rilettura critica del suono Warp dei ‘90), synth impegnati in ripetizioni dal sapore minimalista, crescendo ambientali, battiti techno sparati come laser,  voci spettrali e sintetizzatori non meno eterei, solo per citare i momenti che maggiormente mi hanno colpito. Eppure, in questo vagare apparentemente eccessivo, non ci si perde mai: i musicisti hanno saldamente il controllo della materia sonora, amministrata in particolare attraverso gli elementi ritmici – beat e cadenze – che ordinano e rendono misurabile la composizione. L’emotività è bandita a favore di una lucidità che quasi cinicamente evoca, rielabora e lascia alla deriva, una volta utilizzate, le varie parti, all’insegna di una bulimia che  sembra testimoniare l’urgenza di sperimentare tutto prima che la fine arrivi, così da poter ripartire senza fardelli. Hyperhunt non dà soluzioni, pone invece molte domande: sulla natura dei suoni, sulla convivenza fra i generi e sul loro valore (anche nel campo della musica di ricerca), sull’evoluzione sonora in rapporto al tempo e allo spazio. Davvero non poteva esserci miglior finale di serie.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Tomahawk - Oddfellows (Ipecac, 2013)

Tornano i ragazzi terribili. Se ancora non vi siete stancati dell'inesauribile trasformismo di Mike Patton certamente anche stavolta non sarete…

09 Apr 2013 Reviews

Read more

Om + Lichens – 30/01/10 Interzona (Verona)

E venne il giorno degli Om. La notte anzi, umida e fredda, ma almeno non nevosa, cosa rara di questi…

02 Feb 2010 Live

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Daughter – 10/07/13 Teatro Arena Conchiglia (Sestri Levante – GE)

Bella sorpresa il cartellone del Mojotic quest'estate, con una programmazione che punta a nomi di richiamo, come una cittadina turistica…

19 Jul 2013 Live

Read more

Torche + Pelican - 04/10/08 Latte Più (Brescia)

Sperimentiamo oggi un nuovo genere di recensione: la recensione-Memento (se avete visto il film, capirete). Trattando di uno di quei…

02 Oct 2008 Live

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 10 (11/12/14)

Decima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano approfittano del penultimo appuntamento dell'anno per proporre tre…

15 Dec 2014 Podcasts

Read more

Paolo Angeli – Sale Quanto Basta (ReR/Off Set/Arti Malandrine, 2013)

Anche se dal giorno dell'uscita è passato qualche tempo non è troppo tardi per parlare del nuovo lavoro di Paolo…

24 Jun 2013 Reviews

Read more

Marco Massa - Nelle Migliori Famiglie (Tranquilo, 2007)

Premetto che in un qualsiasi megastore questo cd finirebbe nella categoria della "musica italiana" e quindi non è proprio un…

08 Aug 2007 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Frontiera - 24/04/10 C.S. 28 Maggio (Rovato - BS)

A volte ritornano, o forse non se ne sono mai andati. Frontiera da Aosta, 2/3 dei gloriosi Kina, 1/3 dei…

03 May 2010 Live

Read more

Il Wedding Kollektiv - Brodo (Neontoaster, 2021)

Bizzarro progetto nato sull'asse Berlino-Roma a metà strada tra il collettivo estemporaneo e certo art pop elettronico (Subsonica, Matia Bazar…

12 Sep 2021 Reviews

Read more

Twenty Miles To Mother - S/T One Sided 7" (Hanged…

Con colpevole ritardo ci occupiamo dei Twenty Miles To Mother gruppo che, nato dalle ceneri dei salentini  Suburban Noise e…

22 Mar 2011 Reviews

Read more

Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all'etichetta VON all'interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci…

15 Jun 2012 Live

Read more

Radar Bros - Auditorium (Merge, 2008)

Dopo la mezza delusione di The Fallen Leaf Pages (che era tutt'altro che un disco brutto) torna un invecchiato Jim…

19 Jan 2008 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top