Attilio Novellino – Strängar (Forwind, 2020)

Sicuramente per un musicista come Attilio Novellino l’aggettivo “poliedrico” non è usato a sproposito: da lui non si sa mai cosa aspettarsi; è sufficiente, per rendersene conto, dare un’occhiata in quali vesti e con quanti progetti lo abbiamo recensito su queste pagine nel corso degli anni.  Detto questo, anche se di Strängar avessimo saputo tutto in anticipo l’impatto non sarebbe stato minore. Registrato sull’asse Stoccolma – Catanzaro usando come fonte principale il pianoforte (sono sue le strängar/corde del titolo), ma anche organo, sintetizzatori, harmonium, percussioni ed elettronica, è un disco al quale il termine “elettroacustica” va decisamente stretto perché, se dal punto di vista analitico descrive correttamente la tipologia degli strumenti coinvolti, è incapace di rendere a livello emozionale quanto si ascolta in queste quattro tracce. Fatta piazza pulita dell’eccessiva concettualità che, non di rado, appesantisce l’ascolto di lavori simili, Novellino si concentra sulla costruzione di una musica capace di creare profonde suggestioni e indicare percorsi lungo cui avventurarsi: il piano, suonato spesso in maniera “impropria”, si trasfigura dando voce a profondi paesaggi interiori mentre gli altri strumenti sembrano raccogliere e armonizzare il suono e il rumore del mondo circostante. La malinconia squarciata da attimi di estasi di Strängar I, una Strängar II prima febbrile e poi trasognante e le ultime due composizioni, più ombrose, drammatiche e rumorose, splendide nel far trasparire la poesia fra le coltri scure, gettano il germe di un moderno folk strumentale, lontanissimo dalla forma canzone ma vicino all’anima di chi ascolta. È musica intensa e di grande varietà espressiva che, anche quando sembra stratificarsi in rarefatte coltri ambientali, non assume mai quel senso indefinito e vacuo a cui spesso il genere tende. Strängar è un lavoro lucido e ispirato che convivere un’idea musicale forte con l’esigenza di utilizzare un linguaggio contemporaneo e nello stesso tempo comunicativo: merce rara.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Marco Scarassatti/Marcelo Bomfin/Nelson Pinton - Sonax (Creative Sources, 2009)

Altro lavoro elettroacustico, che questa volta introduce degli elementi molto interessanti, quanto meno per chi sta scrivendo, infatti Marco Scarassatti…

24 Oct 2010 Reviews

Read more

Lleroy - Soma (Blinde Proteus/Bloody Sound Fucktory et al., …

Beh. Per farla breve: uno degli Io Monade Stanca mi contatta per sapere se si può parlare dell'ultimo disco dei…

17 Jun 2013 Reviews

Read more

I Treni all'Alba - Folk Destroyers (I Dischi Dell'Amico Immaginario/Smartz,…

Elegante progetto maturato negli ultimi sei anni tra elementi del circuito alternativo valdostano e torinese: I Treni All'Alba sinuosi e…

30 Mar 2008 Reviews

Read more

Robert Lowe: la natura psichica dei licheni

Robert Lowe è recentemente assurto a una pur relativa notorietà grazie alla vicinanza con le doom star Om. In realtà…

27 Oct 2012 Interviews

Read more

Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in…

20 Mar 2010 Live

Read more

Robair/Ezramo/Fenech/Buchler/Ulva - Popewaffen (Corvo, 2011)

Combo in cui si trovano Gino Robair (che oltre ad una carriera come insegnante, improvvisatore ed altro ha collaborato "solo"…

26 Jul 2011 Reviews

Read more

Stinking Lizaveta - Sacrifice And Bliss (Monotreme, 2009)

Non che sia una novità assoluta il fatto che la 5 Roses curi la promozione per un gruppo "non strictly"…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò + Mimes Of Wine - 7/12/12 Circolone…

Con un valido lavoro uscito la scorsa primavera e la ristampa del glorioso primo album Rise And Fall Of Academic…

14 Dec 2012 Live

Read more

Joe Lally: Fugazi, Roma, more human than human

Strana congiunzione astrale quella che fa sì che nell'ultimo periodo siano tornati alla ribalta musicisti o gruppi che ruotano attorno…

01 Oct 2011 Interviews

Read more

Sil Muir - S/T (Diophantine Discs, 2009)

Sil Muir è progetto iper-concettuale ad ancoraggio prettamente ambient (se questa parola ha ancora un significato oggi) dove Andrea…

20 Dec 2009 Reviews

Read more

Prague - The Great Dark Nothingness (Under My Bed, Eaten…

La pluridecennale carriera di Alessandro Viccaro giunge con questo album sul bagniasciuga deserto di Jesus & Mary Chain abbandonandosi ad…

15 Feb 2016 Reviews

Read more

The True Endless – Blacklight Inferno (Asgard Hass, 2017)

Avendo ricevuto il nuovo capitolo della saga di The True Endless a un po’ di tempo dall’uscita ed essendo cronicamente…

29 Nov 2017 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - Three Angles (Canalese*Noise et al., 2013)

Piemontesi, classe 1987, visionari, favolosi. Potrei fermarmi qui linkando il video di Momra Rusia, primo singolo tratto da quello che…

27 Sep 2013 Reviews

Read more

Nufenen - Lamo La Stiabe (Eisfabrik, 2009)

Strani davvero questi svizzeri. Benchè strutturalmente semplici, il loro rifuggire esplicitamente da etichette formali prestabilite li rende intriganti e…

16 Dec 2009 Reviews

Read more

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top