Ascanio Borga – Xenomorphic (Afe, 2009)

È proprio quando do le cose per scontate che mi capita di venire smentito, ma ho finalmente capito che sono gli alieni che mi mandano messaggi come a Perry Farrel, se la qual cosa accade in occasione di un disco, beh, c’è sia da stupirsene che da esserne felici, forse non sono ancora inchiodato ai mie preconcetti (o almeno non del tutto). Ennesima riprova di quanto detto è il nuovo lavoro di Ascanio Borga su Afe, avevo delle buone aspettative dato che i primi due dischi erano molto ben fatti, ma direi che seguendo una progressione dal primo lavoro all’ultimo questo rappresenti un gran salto di qualità. Borga era partito facendo dark-ambient ed in un certo senso è rimasto coerente all'idea, ma l'estetica è cambiata parecchio, innanzitutto direi che ha finito per introdurre gradualmente sempre più suoni di chitarra riconoscibili e in questo caso ha assemblato un disco di fronte a cui ci si può togliere il cappello senza indugi. In un certo senso il musicista romano per cercare la propria identità si è guardato alle spalle e non di fianco, quindi niente drone-ambient di quart'ordine alla Sunn o))) o black metal dei poveri e cazzate del genere, a tratti ci si ritrovano scorie di Robert Rich, ambient e isolazionismo del periodo d'oro di etichette e di circuiti che partorivano Muslimegauze, Extreme, Amplexus, Fripp, Measure for Measure, Hic Sunt Leones, Alio Die, Amon, Murizio Bianchi e giù di lì. Verrebbe naturale pensare che questo quindi sia un disco "vecchio" ed invece no, ha semplicemente un gusto retrò, quello di sicuro, ma è un disco parecchio maturo tanto che basterebbero le prime due tracce per giustificarne l’acquisto. Percussioni tenute sul fondo, droni morbidi e micro melodie, tappeti cupi e ambientazioni semplicemente intime ma non necessariamente cupe. Un album molto ben prodotto e ricco di suoni che vanno dalle chitarre trattate ai bassi, ai sintetizzatori, carillon, campioni, oggetti e tutto nei termini in cui sia necessario per il disco. Un lavoro che per quel che mi riguarda ha tutto quello che si può ancora trovare di bello in un disco ambientale/ambientoso nonostante si tratti di un circuito tanto per cambiare saturo di mateirale (di cui molto scadente). Proprio di recente mi era capitato di sentire un gran bel lavoro di Markus Reuter insieme a Robert Rich e di pensare che per quanto certi suoni o certe melodie (o più che altro certi percorsi) siano stati molto battuti, la differenza di livello c'è e si sente ancora e anche nel caso di Borga direi che ci sia poco da commentare in merito visto la fattura del disco salta subito all’orecchio. Drone ambient a tratti cupa, a tratti depressa ma sempre profonda come la gola di Linda Lovelace "…una vita per il cinema".

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Benoit Martiny Band – S/T (Quinto Quarto, 2008)

Quintetto che ruota attorno alla figura del batterista lussemburghese Benoit Martiny, se vogliamo concettualmente paragonabile al nostro Francesco Cusa, quindi…

11 Oct 2010 Reviews

Read more

Peter Kernel - White Death Black Heart (On The Camper,…

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter…

26 Oct 2011 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Another View (Ticonzero, 2011)

Giusto per diversificare ulteriormente la discografia di Simon Balestrazzi, il musicista parmigiano ritorna con un progetto che avevamo già recensito…

08 Nov 2011 Reviews

Read more

Bug Jargal - S/T (Aut, 2014)

­ Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent'anni è sempre un'operazione un po' pericolosa, perché si rischia di…

24 Jul 2014 Reviews

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Pablo Montagne – Solo Immobile (Guitar Works) (Setola Di Maiale,…

Guitar Works di nome e di fatto e visto che Pablo Montagne utilizza sia chitarre acustiche che elettriche le variazioni…

28 Sep 2010 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – 05/07/12 Il Revisionario (Brescia)

Chiude la stagione il Re Visionario con un altro musicista della scuderia Fratto Nove, quell'Alberto Boccardi di cui avete letto…

13 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top