Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in quel di Trento, a due passi dalla stazione. Età media bassa, bar affollato con i Queen di sottofondo (è la seconda volta a fila che mi tocca citare il gruppo di Mercury in una recensione. Dove sta andando il mondo?) e sala concerti ampia e non affollatissima. Ci siamo spinti fin qui (è presente anche il Ferri, perfettamente a suo agio nel teutonico ordine della città) per il concerto dell'Old Time Relijun Arrington De Dionyso in versione solo-solista, si supponeva spalleggiato dagli slovacco-americani Sabot. In realtà è proprio l'olympionico (nel senso di originario di Olympia) Arrington a presentarsi per primo e ad invitare, in ottimo italiano, il pubblico ad avvicinarsi e prestare attenzione, esortando chi avesse voluto continuare a parlare a spostarsi verso il bar; l'appello cade nel vuoto e durante il concerto tornerà sull'argomento, senza grandi risultati. Comunque sia, siede sotto la pioggia di lampadine rosse parte con un rauco mantra vocale, accompagnato da un tenue drone e dalla vibrazione di un rullante con la cordiera allentata; reminescenze orientali, forse tibetane e una circolarità quasi subliminale che coinvolge i presenti, almeno quelli venuti per la musica. Riacquistata la posizione eretta è la volta di un'improvvisazione al clarone che inizialmente, con effetto abbastanza arringotn_dd_02straniante, ricalca gli stessi toni della voce, per poi evolvere in un assolo più canonicamente free. Nel numero successivo Arrington gioca con la campana dello strumento e un megafono, sbizzarrendosi ad urlare nell'una e nell'altro, soffiando con la campana nel microfono del megafono, cantando in una lingua oscura che, ammesso sia un idioma esistente, è probabilmente indonesiano, recente passione del nostro. Si tratta di un'esibizione che combina in parti uguali qualità musicale (in certi momenti evoca il Demetrio Stratos più ipnotico) e gusto per la stranezza, come nel caso del clarone avvolto nella carta stagnola e suonato; nulla di che in realtà, solo qualche sfrigolio che si ritaglia spazio fra una svisata e l'altra. Gran finale, summa di tutto ciò che è stato proposto finora, con un pezzo ritmato e dal sapore orchestrale suonato con… un elastico. Tendendolo davanti alla bocca usata come cassa di risonanza (alla maniera dello scacciapensieri, che avrà il suo spazio alla fine della performance) estrae dei suoni che se non l'avessi visto, mai sarei riuscito a capire da dove provenissero. Finisce così, con mezz'ora di musica che pare il lato meno animalesco degli Old Time Relijun, una brevità forse dovuta anche al brusio piuttosto fastidioso della sala; ci penseranno i Sabot a fare sabotgiustizia dei disturbatori. Il duo bass'n'drum, non propriamente di ragazzini, sfodera una performance dritta e senza fronzoli: se prima la testa era servita per seguire con attenzione un concerto decisamente cerebrale, ora ha la sola utilità, peraltro nobilissima, di venire scossa seguendo l'onda sonora. Il volume spaventoso non permette alcuna conversazione, così anche i chiacchieroni sono sistemati, mentre qualcuno trova la musica adatta a pogare. Trattasi di brani strumentali che alternano riff AC/DCiani a rallentamenti sludge, il tutto filtrato e armonizzato dallo stile del duo, improntato a una lucidità tipicamente hardcore: grande convinzione (i 22 anni di esistenza parlano da sé) e pochi tecnicismi, pur in presenza di una tecnica sopraffina. Anche se meno intrigante della performance precedente è, per certi versi, musica facile e che trascina, se solo si è un poco avvezzi a certe sonorità. Altri tre quarti d'ora che passano bene, solo verso la fine affiora forse un po' di noia, che si supera con una breve sosta al bar (niente più Queen stavolta). Si finisce che è da poco passata la mezzanotte, ottimo orario, contando l'ora e mezza di macchina che ci separa da casa. Peccato aver parcheggiato inavvertitamente in un posteggio che chiude alle 24, così che ci tocca chiamare ed aspettare mezz'ora la vigilanza che venga a liberarci, non senza sguardi inquisitori e richiesta di documenti. Ma non è abbastanza per rovinarci la serata.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Paolo Petralia Aka SOA Records

Chi è Paolo Petralia? Per chi non lo conosce un po' per età, un po' per fortuna, un po' perché…

21 Dec 2007 Interviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei…

26 Mar 2018 Reviews

Read more

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

Wojaz - Hengienmaa (Future Lunch, 2017)

Hengienmaa di Wojaz, one man band finlandese qui alla terza prova, ci è arrivato per tramite di Paolo Monti/The Star…

24 Jul 2017 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Oggetti Smarriti (Setola Di Maiale, 2011)

Un solo pezzo, di 28 minuti e 20 secondi, ma che scorre veloce, dinamico, ricco e vario, anche se scritto…

18 Jun 2013 Reviews

Read more

...un quadro di Giacomo Spazio

...il titolo di quest'intervista si riferisce a inventario dei La Crus e la menzione non è per nulla casuale: Giacomo…

08 Oct 2010 Interviews

Read more

Iztok Koren - Lonely Hymns and Pillars of Emptiness (Torto…

Il polistrumentista sloveno (già membro degli avantfolk Sirom) ci proprone questo lavoro rarefatto e malinconico interamente concepito e suonato in…

05 Jul 2021 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - The Earth Cries Blood…

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal…

12 Jun 2013 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

Rollerball - Two Feathers (Wallace, 2009)

Ecco qui il "solito" disco dei Rollerball che è come dire il solito disco dei Portishead o dei Tortoise, infatti…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top