since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Apologia del quotidiano. Il progetto fotografico per il nuovo disco dei Tanake in uscita a Gennaio.

Queste sono alcune delle immagini del progetto fotografico in divenire per il nuovo disco dei Tanake in uscita a gennaio. 4tet sarà stampato in un’edizione limitata di 100 copie e ognuna di queste sarà accompagnata da una diversa copertina a cura del fotografo Gianluca Vassallo. Potete seguire giornalmente il progetto Apologia del quotidiano sul sito ufficiale tanake.net e sui loro social, facebook e instagram. Un racconto fotografico intimo e influenzato dall’ascolto del disco partito il primo ottobre 2018, 100 foto per 100 giorni, ogni giorno una diversa. Al termine della campagna fotografica seguirà la mostra delle 100 copertine con un evento musicale di presentazione dell’album, da allora partirà l’invio delle copie prenotate.

Ecco le parole con cui lo stesso Vassallo introduce questa sua collaborazione con l’ensemble free jazz toscano:

Perché dovrei parlare con te? Dimmi.
Non sapevo neppure esistessi fino ad un attimo fa ed è mezzo minuto che ti dico di andare.
E, sai, mi prude il naso. Proprio adesso. E devo scegliere se grattarmi o parlare. Se stare in me o non stare affatto.
E poi è morta Mary Ann, li dove è nata, a Macungie, Pennsylvania.
L’ho conosciuta un anno fa che aveva già 93 anni, e l’ho fotografata mentre le visitavano gli occhi.
Aveva una pelliccia di plastica tigrata, le mani profumate di qualcosa. Ha riso con me, tutto il tempo e poi è andata via. Proprio come ieri, quando la figlia mi ha scritto che il giorno prima le ha chiesto di cercarmi, che voleva ringraziarmi di averla fatta ridere tanto, per dirmi che quel giorno e i giorni che sono venuti era stata
felice.
Hai capito? Sai di cosa parlo?
Hai ragione, nulla che ti riguardi, cose che prudono il naso.
Che domanda è? Ho pregato fino ai sette anni. Poi silenzio, ché il tempo vale.
Ah questo è il punto.
Non guarderò le tue foto. Cosa vuoi che ne sappia io, di fotografia, della tua, se non conosco l’odore della tua infanzia, se non so il suono che ti fa il mondo, se non ho amato il tuo primo amore, visto la tua prima luce.
È solo che nulla vale e vale tutto. Soprattutto l’invisibile.
No, no, vai a fanculo tu, i maestri, la condivisione, la pace interiore.
Mary Ann? Lei non ha chiesto, ha parlato.
Tanake? Apologia del Quotidiano.
Cosa vuoi che ne sappia di fotografia, fuori dalla mia.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top