Antonello Cresti – Come To The Sabbat (Tsunami, 2011)

Continua l’esplorazione di Antonelli Cresti nella cultura britannica più nascosta; dopo Fairest Islands e Lucifer Over London, in questo nuovo lavoro, un corposo volume di quasi 400 pagine, vengono indagati i rapporti che le espressioni artistiche d’oltremanica intrattengono con l’esoterismo, i culti spirituali alternativi e le pratiche psichedeliche.
Sebbene l’autore si proponga di analizzare il peso che la fascinazione per l’occulto ha avuto nello sviluppo di certa musica underground (per una volta il termine non è usato a sproposito), essa appare solo come una delle manifestazioni che vengono analizzate, e anche se a partire dal capitolo relativo agli anni ’70 avrà ovviamente uno spazio preponderante trattando il libro di culture giovanili, non sarà la protagonista assoluta, ruolo questo riservato all’esoterismo: scelta rimarcata dall’apparato iconografico, che comprende unicamente immagini di luoghi significativi della Britannia esoterica. Partendo dalle nebbie dei culti pre-romani attraverso il rinascimento e l’età moderna, facciamo la conoscenza di affascinanti personaggi quali l’artista e occultista Austin Spare, l’immancabile Aleister Crowley o la coppia Alex e Maxine Sanders, fondatori della Wicca Alessandrina, le cui vicende si intrecciano con quelle dei protagonisti che hanno trasformato in arte i loro insegnamenti: limitandoci all’ambito musicale, partiamo dal Incredible String Band e Third Ear Band fino ai gotici Paradise Lost e Creadle Of Filth, passando per il prog e la scena industriale, con tutte le sue propaggini. Sono questi ovviamente solo i nomi più noti di una trattazione che ne elenca e analizza a decine, spesso molto significativi, e sconosciuti solo per il fatto di appartenere ad espressioni culturali poco visibili. Nonostante manchi una narratività in senso classico, la lettura è quasi sempre appassionante, conoscendo un momento di stanca solo verso la fine, probabilmente a causa degli argomenti trattati: il neopaganesimo e il metal gotico non hanno certo la forza culturale della Wicca o del primo industrial, giusto per citare due esempi. Originale e felice graficamente (anche se spezza un po’ troppo la continuità della lettura) l’idea di dividere alcune pagine in due colonne, con quella a fondo nero che ospita le interviste mentre il testo continua normalmente nell’altra, nero su bianco. E proprio le interviste (a musicisti, studiosi, uomini di cultura fra cui Alain De Benoist), insieme agli approfondimenti (su Death In June, Genesis P-Orridge e T.O.P.Y.) aggiungono ulteriore valore a questo lavoro. Come è tipico per volumi del genere il libro funziona come un ipertesto: nemmeno con un’enciclopedia sarebbe possibile esaurire un discorso così ampio o multidisciplinare, ma tutti i punti focali vengono messi in luce e tutti i nomi più importanti fatti, dando così al lettore la possibilità di andare ad approfondire i discorsi che più lo interessano, aiutato in questo da un ottimo apparato di note e bibliografico.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vibraphonic – Space Frogs (Floating Forest, 2014)

Ancora un disco Floating Forest, ancora Davide Merlino, ancora in duo, ma stavolta accompagnato da Pasquale Murra, anch’egli vibrafonista. Si…

18 Mar 2016 Reviews

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Corpoparassita/thisGrey Hates The Sun – Final Muzik CD Singles Club…

Ve li ricordate i singles club? Negli anni ’90 molte etichette importanti - dalla Rough Trade alla Kill Rock Stars…

06 Mar 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

Temple Of Deimos - Work To Be Done (Go Down,…

Praticamente una cover band dei migliori Queen Of The Stone Age. E potrei anche fermarmi qui. La band genovese dei…

05 Mar 2015 Reviews

Read more

Cernichov – S/T (Cathedral Transmission, 2020)

Cernichov nasce sull’asse Milano-Bruxelles dalla collaborazione fra Marco Mazzucchelli e l’americano, trapiantato nella capitale belga, David Gutman (Tropic of Coldness,…

03 Sep 2020 Reviews

Read more

Black Rainbows - Carmina Diabolo (Longfellow Deeds, 2010)

Ennesima clonazione della fuzzatissima formula, ormai nemmeno più tanto in voga, che a metà anni novanta ha portato Josh Homme…

01 Jul 2010 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

Vs. Rome - The End Is Important In All Things…

Chissà che età hanno i Vs. Rome...farà ridere, ma è la prima cosa che mi sono chiesta mentre ascoltavo il…

05 May 2011 Reviews

Read more

Peter Piek - Cut Out The Dying Stuff (Solaris Empire/…

Che personaggio interessante Peter Piek: dipinge fin da bambino - e ne ha fatto un lavoro -, suona da quando…

23 Jun 2014 Reviews

Read more

Fifteen Strange Seconds – S/T (Autoprodotto, 2020)

Magari non sono proprio una strana coppia Andrea Gastaldello, in arte Mingle, e Marco Machera (Echo Test), ma certo nemmeno…

19 Feb 2021 Reviews

Read more

The Go Find - Stars On The Wall (Morr Music,…

L'anno scorso c'erano gli Electric President, quest'anno ci pensa il belga Dieter Sermeus a confezionare il disco cioccolatino del…

16 Mar 2007 Reviews

Read more

Dunaewsky 69 - Xquisite.Xcerpt. (Kvitnu, 2007)

Che la nuova scena elettronica Ukraina e Russa stia sfoderando un buona serie di musicisti con i controcazzi non è…

29 Aug 2007 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Andy Ortmann/Luca Sigurtà – Split (Tulip, 2011)

Esce sulla Tulip di Claudio Rocchetti questa cassetta split tra Andy Ortmann e Luca Sigurtà: l'americano è noto sotto vari…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top