Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini – Consulting The Oracle (Brunch, 2014)

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti o i responsi, ma forse vale l’adagio secondo cui una domanda ben posta contiene in sé già la risposta. D’altra parte non sarebbe così strano, considerato che l’approccio alla materia improvvisata di Andrea Bolzoni (chitarra), Luca Pissavini (contrabbasso) e Daniele Frati (batteria), fa coincidere pensiero e azione.
Il campo è sempre quello sul quale i tre musicisti sono apprezzati interpreti, quello della libera improvvisazione rock con spirito jazz, ma Consulting The Oracle sembra mettere in luce anche altre caratteristiche, meno ovvie e ricche di possibili sviluppi. Ad ogni strumento sembra essere assegnato un ruolo ben definito:  il contrabbasso dà ordine, la batteria guida i passaggi di stato, la chitarra crea e…disturba, ma grazie all’assenza di gerarchie il risultato delle varie combinazioni non è mai scontato. In genere l’approccio è parecchio rock ( si ascoltino i ritmi serrati di Consulting 1 e Consulting 4), stemperato di tanto in tanto da momenti più riflessivi; l’album procede così sia per graduale accumulo che per improvvisi cambi di ambientazione, trovando la quadratura nei brani più lunghi, dove il terzetto mette in mostra un notevole ventaglio di soluzioni. Fino a qua, tuttavia, rimaniamo in ambiti conosciuti e senza particolari sorprese. A rendere il disco qualcosa di davvero intrigante sono un pugno di pezzi di grande profondità e caratterizzati da una vena che mi verrebbe da dire narrativa: mi riferisco in particolare a Consulting 3, un riuscitissimo numero di noise-impro-jazz con la chitarra che evoca scenari cupissimi con la sezione ritmica a duettare in primo piano e la drammatica Consulting 7, che coi suoi stridori quasi industriali sconfina verso lidi inattesi, sui quali lascia un’impronta decisamente personale. Fossi io l’oracolo, suggerirei di continuare in questa direzione.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giardini Di Mirò - Good Luck (Santeria, 2012)

I Giardini Di Mirò - come, sono convinta, per moltissima gente più o meno della mia età - sono stati…

17 Apr 2012 Reviews

Read more

Petrolio / Mademoiselle Bistouri - Playing With Aliens / Ass…

L'instancabie etichetta svizzera continua a produrre e a contaminare il mercato indipendente con elettronica alquanto trasversale e alcuni tra gli…

08 Jan 2019 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Secret Shame - Dark Synthetics (Taxi Driver, 2020)

Ottimo goth revival per questi giovani statunitensi della North Carolina. Sembra di aprire le polverose pagine di un Rockerilla del…

24 Nov 2020 Reviews

Read more

The Lodger + Je Suis Animal + Esiotrot + Mexican…

Colgo l'occasione di una recente visita nella capitale dell'impero, quello del bene, e cerco di orientarmi rispetto alle nuove coordinate…

07 Mar 2009 Live

Read more

Balmorhea - All Is Wild, All Is Silent Remixes (Western…

É la seconda volta che mi trovo a recensire un disco di questo gruppo americano per Sodapop, nel primo caso…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

The Star Pillow/Larkian – Split Tape (Dead Vox, 2016)

Due uomini armati di chitarra si dividono i lati di questo nastro della svizzera Dead Vox e danno un saggio…

27 Feb 2017 Reviews

Read more

Cleisure - Hidrogen Box (Overdub, 2019)

Sempre dal calderone Overdub sbucano anche questi Cleisure, giovane trio innamorato delle chitarrine di Jay Reatard seppure senza essere di…

21 Oct 2019 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Wounded Breath (Ancourant, 2009)

Altro gradito ritorno, infatti come qualcuno di voi si ricorderà avevamo recensito questo compositore turco in occasione del suo lavoro…

06 Sep 2009 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

DD Owen - S/T (12XU, 2016)

Nella sezione "miglior rumenta del 2016" ecco che mi sento di caldeggiare Il 19enne Drew Owen, trasferitosi a New Orleans…

02 Aug 2017 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - The Calendar (Grey Sparkle/Under My Bed/Old…

Arrivo con una stagione di ritardo a parlare del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey che pubblicano un disco a…

06 Nov 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top