…And You Will Know Us By The Trail Of Dead – 13/09/12 Santeria (Milano)

A volte ritornano. A volte era meglio che non ritornassero, ma dico subito che non è questo il caso. Era dal 2005. Già loro convinta fan dai tempi di Madonna e positivamente perseguitata a lungo dall’ascolto di Source, Tags & Codes, otto anni fa – ovvero l’ultima volta che i …And You Will Know Us By The Trail Of Dead si erano fatti vivi qui in Italia – ero stata spettatrice della loro performance sempre in quel di Milano e ricordo che i texani avevano brillato. Si sa, il tempo ha il potere di cambiare le cose, non tutte, ma diverse e un minimo di incertezza sul live acustico per una band che si è fatta conoscere per ben altro era in agguato, ma siccome si parla, tutto sommato, di autori di pezzi assurdamente belli – ok, tutto è relativo, ma alcuni lo sono oggettivamente – ho deciso di dar loro una chance. Del tipo Lascia o Raddoppia, dove il bottino era la stima per Conrad Keely, uno dei miei chitarristi del cuore.
Bene. Al di là del fatto che adoro la Santeria, localino in zona Lambrate dove ci sono spessissimo cose carine e interessanti ad ampio spettro (leggisi proiezioni, reading, live nei weekend a ora brunch, varie ed eventuali) e dove ‘se magna e se beve bbene’, ho coinvolto un pò di malcapitati e siamo giunti in loco dieci minuti prima di inizio showcase. Tutto in una stanza non troppo grande, un eterno giovane Keely – con tanto di maglietta Van Halen scolorita q.b. (un amico suggerisce possa diventare il prossimo feticcio by H&M)- e un imbolsito Jason Reece che, smessi i panni di batterista, si è presentato munito di chitarra acustica ad accompagnare il frontman, hanno iniziato un sessione acustica morbida e ‘adulta’, evidenziando una presa di distanza da quell’indie a chitarre sguainate che li aveva resi celebri. Viene quasi da pensare a un nuovo lavoro – che uscirà, ci dicono, in pieno autunno – in chiave New Acoustic Movement, anche se non mancano perle da album precedenti, sopra a tutte Sight Your Children e, a richiesta del pubblico, Another Morning Stoner, splendidamente resa con Reece a fare la sezione ritmica battuta sul fianco della chitarra, mentre Keely, dopo qualche minuto di (finta?) incertezza a sottolineare il decennio passato, inanella l’intro con quell’arpeggio che solleva un applauso spontaneo e caldo. Mi sono guardata in giro e ho visto una cinquantina di persone più o meno coetanee che come me, negli anni, non hanno smesso di volere bene a questi tizi, continuando ad apprezzare la gentilezza e disponibilità dimostrata da sempre col pubblico nel pre e post live, hanno sorvolato su qualche uscita musicale non era proprio all’altezza delle aspettative e non hanno mai smesso di pensare che, in fondo, i Trail Of Dead sono sempre roba valida. L’impressione generale alla fine dell’oretta unplugged è che siamo cresciuti un pò tutti: loro che non sfasciano più roba in giro e si fanno più introspettivi dal punto di vista compositivo, il loro pubblico che, magari, cambia ascolti e segue volentieri le loro virate verso lidi più ‘tranquilli’. Mi rimane in gola al momento delle richieste un Mistakes & Regrets che non sarebbe fattibile in acustica e che, per me, rimane sempre il loro marchio di fabbrica, ma, come osservo con un altro intervenuto, i T.O.D. sono ‘invecchiati’ comunque bene. E’ proprio un finale antidiabetico che chiama il ‘…Vissero tutti felici e contenti’, me ne rendo conto, ma che ci devo fare? Mi invento una rissa finita male dal kebapparo dietro l’angolo? Accontentarsi.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - Play To BN Chora. Judgement (L.A.F. Org./Jeringas 5cc,…

Disco con racconto accluso, questo Play To BN Chora. Judgement è stato parte della colonna sonora per una mostra-installazione, e…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Olyvetty - Nothing To Eat 10” (A Dear Girl Called…

Quinta produzione e quinto tipo di supporto testato (dopo il 7", il CD-R, l'LP one side e la cassetta) per…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Gravetemplars + Marco Fusinato - 26/10/10 Toff In Town (Melbourne)

L'ultimo concerto australiano è di nuovo al Toff In Town, dove questa volta andiamo per vedere Gravetemplars, nella formazione con…

24 Sep 2010 Live

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Suffocation - S/T (Relapse, 2006)

Felice ritorno per i principi del death Suffocation. Virtuosi al parossismo, accartocciati su sé stessi, racchiusi all’interno di centinaia di…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Stefan Fraunberger - Quellgeister #1 (Chmafu Nocords, 2014)

Questo disco parte dall'idea di Stefan Fraunberger di andare a suonare un vecchio organo in una vecchia chiesa al centro…

27 May 2014 Reviews

Read more

Urbanightmare - Nightride Of An Italian Saxophone Player (Revenge/Fonoarte, 2015)

Ennesimo progetto per il decano Bruno Romani (Detonazione, No Guru) sempre alle prese con il suo strumento principe (accompagnato qui…

23 Nov 2016 Reviews

Read more

Moka - Hopi (Mokadelic Dream, 2006)

I romani Moka sono in giro dal 2000, dopo un EP, svariate compilation e un album, si fanno notare con…

12 May 2007 Reviews

Read more

Aidan Baker - Dog Fox Gone To Ground (Afe,…

Grande Aidan Baker! Per stare dietro alle sue uscite, ai progetti in cui è coinvolto ed alla sua produzione letteraria…

10 Sep 2006 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

Barr - Summary (5 Rue Christine, 2007)

Batteria, e solo ogni tanto il basso e la tastiera accompagnano Brendan Fowler nel suo parlare da solo: Barr infatti…

29 Jan 2007 Reviews

Read more

Salomè Lego Playset - So Much Was Lost In The…

La Spettro Rec. di Bologna è una giovane e attivissima net-label che nel giro di un anno ha già messo…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia,…

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi…

25 Oct 2017 Reviews

Read more

The Bowerbirds - Hymns For A Dark Horse (Dead Oceans,…

Che, da qualche parte, la quadratura del cerchio dovesse arrivare, era ovvio. Pacifico era che, per qualche folkster impazzito che…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Qui With Trevor Dunn – S/T (Macinadischi, 2018)

Bel colpo quello della Macina Dischi che fa uscire in CD l’album dei Qui in compagnia di Trevor Dunn (Mr.…

14 Aug 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top