American Werewolf Academy – Everything Is Alright So Far (Damnably, 2011)

Non proprio giovanissimo, questo power pop trio da Dallas, dalla produzione abbastanza discontinua negli anni, fatta di 7” e autoproduzioni, ha trovato casa presso la label inglese Damnably. Uno dei pochi casi in cui in rete del gruppo si trova davvero pochissimo, se non con qualche articoletto di giornale locale (quello che legge il lattaio dell'Ohio). In cerca di aiuto mi sono chiesto, specie dopo un attacco come il singolo The Hop, il motivo per il quale non mi sia accorto (ascolto troppa poca roba ormai) di un gruppo così bello e ficcante (scriverebbe Marco Giorcelli), specie dopo quasi due lustri di attività sotterranea.
Sono pure arrivato all'ultima spiaggia Allmusic: dopo aver digitato American Werewolf Academy, la risposta fornita si avvicina ad un classico "… e chi cazzo sono?" compaiono infatti giusto un paio di foto: una in bianco e nero della band e un'altra dell'ultimo disco …So Far. Manco una riga di testo su provenienza o altro, e ciucciarsi le dita. Ed è un peccato perchè in pezzi come The Hop o Goodnight For Everything emerge prepotentemente dal libro dei ricordi la chitarra e l'eco dei Guided By Voices; stesso stile di scrittura, al limite del plagio. Nulla di nuovo sotto il sole, ma una decisa alzata di scudi a difesa di un suono college-garage freschissimo e senza pericolose virate/sbandate che la musica indipendente ha preso in questo lustro, svuotandosi spesso di contenuti a tutto vantaggio dell'estetica dell'occhiale vintage e di sempre più vistosi tatuaggi colorati. Grande attitudine e grande entusiamo: le canzoni così vengono da sole (facile Jack Wild? Provate a buttarlo giù un bel riff così!) , sostenute da una chitarra eccellente, sì, decisamente "guitar oriented". Rock Show Tonight è stata scelta come brano di apertura per un podcast curato dalla gente che sta dietro l'etichetta: da qui infatti era scaturita la collaborazione che ha dato il via, in seguito, all'uscita dell'album. Un disco dicevamo decisamente riuscito, un piccolo gioiellino da tenere a memoria, pure commerciale nella sua migliore accezione se volete e che strizza l'occhiolino ai Replacements senza particolari timori reverenziali.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Pixies - 05/06/10 Piazza Castello (Ferrara)

Io ci provo, ardentemente, a ricacciare i cattivi pensieri e l'evidente e incipiente vecchiaia, ma il mondo non mi aiuta.…

22 May 2010 Live

Read more

Gnaw Their Tongues - Eschatological Scatology (Autoprodotto, 2012)

Seguire tutte le uscite del prolifico Maurice De Jong non è facile: fra album, split e singoli siamo già oltre…

25 Sep 2012 Reviews

Read more

The Haarp Machine - Disclosure (Sumerian, 2012)

Una doverosa premessa: non sono assolutamente un esperto di technical death metal, o di progressive metal, quindi non ho masticato…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Freshkills - Creeps And Lovers (Arclight, 2005)

Che cazzo gli ha preso al mondo? Se in questa recensione riuscissi a rispondere a questa domanda sarei probabilmente in…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Mata – Archipel{o}gos (OFN, 2019)

Torrida industrial, ma di gran classe e tiro. Pezzi costantemente sotto tensione, ma al contempo ballabilissimi. Incursioni ebm interrotte da…

27 Jan 2020 Reviews

Read more

Zu – Axion/Chthonian Remix 7” (Public Guilt, 2011)

È questa l'ultima uscita della formazione classica degli Zu con Jacopo Battaglia dietro le pelli, un 7" in edizione…

28 Feb 2011 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli - Three Days Of Silence (Gruenrekorder, 2012)

I lavori di Pietro Riparbelli/K11 mi hanno sempre colpito anche per le forti capacità evocative degli ambienti in cui vengono…

21 Jun 2012 Reviews

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Graveyard - Lights Out (Nuclear Blast/Stranded, 2012)

Al culmine della ripresa delle sonorità tipiche degli anni settanta, la Svezia come sempre detta legge e i Graveyard hanno…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Olyvetty - Nothing To Eat 10” (A Dear Girl Called…

Quinta produzione e quinto tipo di supporto testato (dopo il 7", il CD-R, l'LP one side e la cassetta) per…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Marcus Fischer & Simon Scott - Shape Memory (12K, 2018)

Compagni di etichetta, l'americano Marcus Fischer e l'inglese Simon Scott si sono incontrati a Portland per registrare questo disco avendo…

17 Jun 2018 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos - L'Insostenibile Leggerezza Del Funk…

A conti fatti, dopo tutti questi anni, questo è il Bobby Soul che preferiamo. Un po' meno caciarone, un po'…

15 Apr 2015 Reviews

Read more

Kenta Kamiyama - Side Effects (Stochastic Resonance, 2018)

In genere non amo riportare stralci dei comunicati stampa, soprattutto quando pretendono di inquadrare, non di rado banalizzandolo, quanto ci…

04 May 2018 Reviews

Read more

Luca Formentini - Intra (Subcontinental, 2022)

È impossibile isolarci dal mondo che ci circonda. È però molto semplice immergerci, in un contesto, in una situazione, in…

01 May 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top