since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

American Werewolf Academy – Everything Is Alright So Far (Damnably, 2011)

Non proprio giovanissimo, questo power pop trio da Dallas, dalla produzione abbastanza discontinua negli anni, fatta di 7” e autoproduzioni, ha trovato casa presso la label inglese Damnably. Uno dei pochi casi in cui in rete del gruppo si trova davvero pochissimo, se non con qualche articoletto di giornale locale (quello che legge il lattaio dell'Ohio). In cerca di aiuto mi sono chiesto, specie dopo un attacco come il singolo The Hop, il motivo per il quale non mi sia accorto (ascolto troppa poca roba ormai) di un gruppo così bello e ficcante (scriverebbe Marco Giorcelli), specie dopo quasi due lustri di attività sotterranea.
Sono pure arrivato all'ultima spiaggia Allmusic: dopo aver digitato American Werewolf Academy, la risposta fornita si avvicina ad un classico "… e chi cazzo sono?" compaiono infatti giusto un paio di foto: una in bianco e nero della band e un'altra dell'ultimo disco …So Far. Manco una riga di testo su provenienza o altro, e ciucciarsi le dita. Ed è un peccato perchè in pezzi come The Hop o Goodnight For Everything emerge prepotentemente dal libro dei ricordi la chitarra e l'eco dei Guided By Voices; stesso stile di scrittura, al limite del plagio. Nulla di nuovo sotto il sole, ma una decisa alzata di scudi a difesa di un suono college-garage freschissimo e senza pericolose virate/sbandate che la musica indipendente ha preso in questo lustro, svuotandosi spesso di contenuti a tutto vantaggio dell'estetica dell'occhiale vintage e di sempre più vistosi tatuaggi colorati. Grande attitudine e grande entusiamo: le canzoni così vengono da sole (facile Jack Wild? Provate a buttarlo giù un bel riff così!) , sostenute da una chitarra eccellente, sì, decisamente "guitar oriented". Rock Show Tonight è stata scelta come brano di apertura per un podcast curato dalla gente che sta dietro l'etichetta: da qui infatti era scaturita la collaborazione che ha dato il via, in seguito, all'uscita dell'album. Un disco dicevamo decisamente riuscito, un piccolo gioiellino da tenere a memoria, pure commerciale nella sua migliore accezione se volete e che strizza l'occhiolino ai Replacements senza particolari timori reverenziali.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

Back to top