Amen Ra – Mass V (Neurot, 2012)

La paura è quella di accendere una luce, di veder filtrare un raggio di sole, di imbattersi in un’incandescenza che possa, malauguratamente, spezzare l’oscurità. Non ci sarebbe nulla di peggiore che risvegliarsi dal torpore oscuro, ma intrigante, che il disco dei belgi Amen Ra ha proiettato dentro noi ascoltatori. Un tortuoso e sfiancante viaggio mentale che incomincia dall’artwork di questo quarto album, Mass V, si dipana lento dal bianco e nero ferale della copertina fino ai reconditi antri color pece del disco e, soprattutto, della sostanza musicale prediletta dal gruppo. Ci troviamo di fronte a un vero e proprio monolite, tanto oscuro quanto appagante, che ribadisce ancora una volta come, cambiati anche solo di poco gli elementi in ballo, si riesca ad arrivare a un suono convincente grazie a una personale e intima declinazione di musiche già note e diffuse quando non abusate. 40 minuti per quattro tracce che non si rivelano affatto un mattone indigesto quanto uno sfiancante incedere musicale che parte da basi ben precise (Neurosis e quanto correlabile musicalmente, post-hardcore, sludge, doom, ambient…) ma mostra incoraggianti segni di vita: un carattere incisivo che riesce al salvarci dal mero revival. Il dazio nei confronti dello storico gruppo californiano è subito saldato: il disco esce su Neurot e il reverendo Steve Von Till officia la cerimonia nel quarto e ultimo brano del disco. Detto questo mi sento di sottrarre gli Amen Ra dalla pletora di gruppi che, più o meno pedissequamente, hanno succhiato fino al midollo quanto possibile dalla scia dei Neurosis. Complice un’ottima produzione, un suono cupo ed evocativo, gli Amen Ra plasmano un disco post-metallico con un totale controllo sulla materia musicale. Il suono è sfiancante ma ben addomesticato musicalmente: le bordate di matrice hardcore e gli elementi più atmosferici e ambientali sono inglobati in una struttura controllata compatta su cui svetta una voce fuori controllo. Corde vocali abrase e sanguinanti che battezzano ogni canzone senza però eccedere. Una struttura meno orchestrale e tribale rispetto alla band di Oakland con qualche rintocco freddo e glaciale che rimanda a certo postcore fine 90 (Will Haven meno aggressivi e saturi) e a una certa marzialità atmosferica e attitudinale di post-folk apocalittico.  Il gioco dell’alternanza pieni/vuoti, l’arpeggio che sfocia nella bordata sludge o nel riff sinistro e catacombale dimostra una certa predisposizione e un certo agio con il meglio di quanto, dagli anni ’90 la scena post-core ha portato avanti. Potenza, fascino evocativo, equilibrio. Non scadere nel pacchiano o nel mero esercizio calligrafico è una grande prova, ai nostri giorni. Disco godibile, da ascoltare. Amen (Ra).

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Rollerball - 4 Corners (Wallace, 2014)

Caso strano i Rollerball: seppure in giro da molti anni, con una discografia importante a cui è difficile stare…

12 Mar 2014 Reviews

Read more

Above The Tree – Into The Nature EP (Musica Per…

Ho già incontrato Above The Tree, nome dietro il quale si nasconde Marco Bernacchia, un paio di volte in passato,…

19 Sep 2011 Reviews

Read more

Nymphea Mate - Endio (Hertz Brigade, 2011)

"Cambio rotta, cambio stile, scopro l'anno bisestile". Anno nuovo, vita nuova. A questo giro ho deciso di impegnarmi per sconfiggere…

06 Feb 2012 Reviews

Read more

COG - Course Over Ground (Moonlee, 2007)

Urticante e spigoloso "blues‘n'crawl" croato di ispirazione palesemente Shellac/Jesus Lizard. Forse un filo troppo simile alle fonti ispirative per non…

11 Oct 2007 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti -Volume Quattro (Escape From Today, 2019)

Ormai le suite di Paolo sono classic rock nel senso più alto del termine: Spaccamonti è uguale solo a sé…

21 Jan 2020 Reviews

Read more

Sneers - For Our Soul, Uplifting Lights To Shine As…

Non sappiamo se Maria Greta Pizza e Leonardo Oreste Stefanelli, che compongono questo duo formatosi, come spesso capita, a Berlino,…

18 Dec 2013 Reviews

Read more

Amen Ra - Mass V (Neurot, 2012)

La paura è quella di accendere una luce, di veder filtrare un raggio di sole, di imbattersi in un'incandescenza che…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Claudio Parodi - The Mother Of All Feedback (Extreme, 2009)

Terzo giro di boa per il ligure Claudio Parodi e terzo disco che mette in luce quanto si tratti del…

29 Sep 2009 Reviews

Read more

Perseo Miranda - Light And Darkness (Autoprodotto, 2007)

Ancora una volta la Superba Genova riserva il meglio. Il mago Perseo Miranda sforna con questo nuovo lavoro un fresco e frizzante…

30 Jun 2007 Reviews

Read more

Satanismo Calibro 9 – 20/01/2017 Circolo Colony (Brescia)

È giusto precisare subito una cosa: la serata a cui ho assistito e che ha visto la partecipazione dei Satanismo…

25 Jan 2017 Live

Read more

Neptune + Panther - 20/03/09 Arci Kroen (Villafranca - VR)

Si incrociano nella campagna veronese il tour italiano dei Neptune, terzetto che sta portando in giro l'incensatissimo…

25 Mar 2009 Live

Read more

Boslide - Nazisti Da Operetta (Death First!, 2019)

Spiace dover registrare il primo passo falso nella carriera del diabolico ed ambiguo gruppo romano: dopo due uscite in due…

24 Feb 2020 Reviews

Read more

Heike Has The Giggles - Sh! (Goodfellas, 2010)

Ecco gli Heike Has The Giggles, la rivelazione power punk italiana dell'anno! Voce femminile languida ma graffiante, chitarra da motocross…

09 Jun 2010 Reviews

Read more

Tronco - Primo Annuale E Mezzo Resoconto (Sincope, 2011)

I Tronco escono con Sincope che ha in catalogo pacchi di roba harsh, noise, hardcore ed experimental e va detto…

06 Mar 2011 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top