Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè, 2012)

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul luogo del delitto, riscoprendo e assemblando suoni che riportano agli albori della cultura industrial. Nulla di sorprendente, Ballard ne è certamente uno dei padrini e l’influenza delle sue opere e del suo immaginario è evidente in molti dei dischi prodotti al tempo. Tornare con la mente a quegli anni è quindi normale e per certi versi salutare.
In Memoriam Of J.G. Ballard parte dal suono successivo ai Throbbing Gristle, quando ormai ogni strumento in comune col rock era finito in soffitta a favore di macchinari elettronici, che non avrei problemi a definire post-idustrial, se ciò non rischiasse di generare confusione con l’accozzaglia di rumori informi che oggi va per la maggiore. Qui invece troviamo nove brani che richiamano i suoni e le cadenze meccaniche di un macchinario, in cui i drone e le pulsazioni non hanno nulla di umano, e sfregiati da stridori e suoni campionati, sembrano rivelare quella che è il volto della realtà oltre il velo di rispettabilità, pulizia e buonsenso. Quasi ogni brano porta il titolo di un’opera di Ballard e ne traduce in musica le ambientazioni morbose, talvolta eccedendo in una ripetitività angosciante, al limite dell’autismo. Insomma, l’album è pesante, in tutti i sensi, similmente a molti dei racconti dello scrittore: prendere o lasciare. Il suo valore è tuttavia anche, se non prevalentemente, extramusicale e sta nel sapersi distinguere in un ambito in cui la ricerca dell’estremismo sonoro ha già da tempo raggiunto il punto di non ritorno e tende ormai a una stanca ripetizione. Forse è eccessivo definire In Memoriam… un’opera polemica, c’è il rischio di andare oltre a quelle che sono le reali intenzioni degli autori, ma di certo, coi suoi riferimenti letterari, si pone in contrapposizione con l’industrial autoreferenziale di oggi. L’industrial old school che ascoltiamo va quindi letto come scelta stilistica, che permette di riannodare quei lacci che facevano di questa musica un’avanguardia con delle idee, un retroterra culturale, una politica (per quanto confusa), lontana dal facile nichilismo che oggi sembra essere l’unico orizzonte possibile. Nota di merito per la grafica, che riproduce alcune opere dell’artista sardo Vins Grosso, perfettamente in tono sia con le atmosfere del disco, sia coi temi dell’uomo che lo ha ispirato.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi AKA Kinetix: Out Of The Limbo

Anche Gianluca Becuzzi/Kinetix, come altri di cui abbiamo parlato in precedenza, muovendosi spesso senza il supporto delle riviste specializzate (soprattutto…

13 Aug 2007 Interviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

The Great Saunites – Green (Hypershape/Toten Schwan, 2016)

Il duo The Great Saunites è simile a un elettrone che orbita intorno al nucleo che rappresenta la loro idea…

09 Jan 2017 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Armstrong? - Collateral (70 Horses, 2009)

Con il mio solito ritardo mi accingo alla recensione di un disco che nonostante il genere ha attirato la mia…

06 May 2010 Reviews

Read more

Lucio Capece & Marc Baron - My Trust In You…

Le collaborazioni a volte sono un'occasione per provare approcci differenti rispetto al proprio percorso individuale e questo succede in My…

27 Nov 2018 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Pre - Epic Fits (Skin Graft, 2007)

Quello che mi chiedo ora è se ci sia una qualche connessione tra ritardo mentale, animali dall'espressione poco sveglia,…

29 Jan 2008 Reviews

Read more

The Points - S/T (Mud Memory, 2008)

Roba da far sembrare gli Zeke progressive con l'ukulele e i Ramones troppo concettuali per essere punk-rock, The Points, trio/duo(?)…

23 Dec 2008 Reviews

Read more

Tiziano Milani, Luca Rota - The City Of Simulation (Setola…

Un progetto molto interessante quello che mi trovo fra le mani, infatti a dispetto delle molte baggianate che cercano di…

30 Apr 2010 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top