Alessandro Stefana – Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che recentemente è approdato all’americana Important (Xiu Xiu, Merzbow, Noam Chomsky, Piano Magic tanto per fare dei nomi). Immagino già un bella fascia di rosiconi a domandarsi se sia un raccomandato, se sia un protetto dalla Madonna di Guadalupe o sia un affiliato della mafia del Brenta, ma la realtà è molto più semplice amici rosiconi: è bravo. Se vedendo alcuni folli su Important verrebbe da ipotizzare che ci si trovi di fronte ad un altro matto, si potrebbe rimanere spiazzati di fronte ad indie-rock-blues che cercheremo di inquadrare meglio nel proseguo di questa recensione. Il suono di Alessandro Stefana, a dispetto del titolo che evoca la croce e delizia di chiunque abbia fatto degli acquisti on line, è così americano che "C’era una volta il West, c’è ancora e forse in pellicola ci sarà sempre". Western Soda quindi, più che il titolo d’apertura del disco, è il tema portante di tutto il disco di questo torinese che non è altri che collaboratore di Marco Parente e Capossela, quindi ben distante da nebbia, Fiat e cassaintegrazione, semmai: caldo, Ford e cassaintegrazione (l'unica costante è sempre questa). Un'apertura ed un'idea di disco vicina ad alcune cose degli Yo La Tengo (il cui And Then… è stato dimenticato troppo presto) che però in fin dei conti, a tratti hanno anche tanto di Neil Young ed anche Stefana volente o nolente deve affrontare l'ombra del "grande vecchio". Anche la partecipazione di Marc Ribot (probabilmente conosciuto nella collaborazione con Capossela) non penso sia casuale, lo spettro del chitarrista di Waits e di Zorn nello stile c'è ed anche un bene, ma tranquilli amici melodici si parla di Ribot versione "slow hand" e non della sua versione radical "jewish culture" o "vedi Zorn e poi muori". Gusto ed arrangiamenti maturi che oltre agli Yo La Tengo, fanno pensare ad alcune delle cose meno messicane di Calexico, i Brockeback (che sono un super side-project tortoisiano e non la tribute band del film "laccato" sull’essere cowboy gay), Gelb ma soprattutto Badalamenti della colonna sonora di Una Storia Vera (il che per me gli vale già la coccarda del buon gusto). Anni fa ho sentito Alberto Campo pontificare su come "il cricket sia uno sport inglese e gli inglesi giochino bene a cricket… il rugby sia uno sport inglese e quindi gli inglesi giochino bene a rugby", come a dire che certe cose sono così per dinamiche storiche e tradizioni. Non è completamente una cazzata, ma il disco di Stefana, come quelli di altri dimostra che il "il calcio è uno sport inglese e i brasiliani hanno vinto più mondiali di tutti… il golf è uno sport da bianchi e Tiger Wood e più "negro" della pubblicità del Tartufon… etc.". Stefana è un buon esempio di come "think globally and act locally" possa ancora essere un buon motto.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Selfimperfectionist - Making A False Move (OTCR, 2017)

Selfimperfectionist è l'alter ego musicale del torinese Giorgio Pilon, attivo già da parecchi anni con questo moniker: negli anni il…

07 May 2018 Reviews

Read more

Chapter 24 & Philippe Petit - The Red Giant Meets…

Continua, evidentemente con reciproca soddisfazione, il sodalizio fra il musicista francese e l'etichetta italiana, dopo il disco che Philippe Petit…

17 Mar 2011 Reviews

Read more

Sic Alps + Movie Star Junkies – 28/04/12 – Interzona…

Ci volevano proprio i Sic Alps per decidermi ad uscire di casa, stasera. Il fatto che fossero spalleggiati dai Movie…

18 May 2012 Live

Read more

Inkarakua - S/T (Uk Division, 2007)

 Gli Inkarakua sono un quintetto sardo dedito ad un metal talmente ignorante e vuoto da far sembrare i Soulfly pari…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Nicola Ratti: Ronin, ma anche Bellows con Ielasi ed una…

Come avrete intuito dal titolo Nicola Ratti è il chitarrista dei Ronin, questo lo dico per quelli che non sono…

16 Feb 2013 Interviews

Read more

Arrington De Dionyso – Malaikat Dan Singa Tak Terbatas (Autoprodotto,…

A cosa serve una recensione? Dal punto di vista del lettore, intendo. Può essere un consiglio (o uno... sconsiglio) per…

14 Mar 2010 Reviews

Read more

Centauri - S/T (Lepers, 2014)

In un periodo in cui persino i beniamini Woods non danno le stesse identiche sensazioni di una volta, in zona,…

16 Jul 2014 Reviews

Read more

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

Sabo - 8 Saisons à L'Ombre (RuminanCe, 2007)

Potrebbe tranquillamente, questo disco, essere la colonna sonora di un affascinante viaggio nella penombra di un milieu fantastico, la…

22 Sep 2008 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top