Alessandro Ludovico – 25 Minus Habens eXperYenZ (Minus Habens/Edizioni Pool/Puglia Sounds, 2013)

Venticinque anni sono un bel traguardo per una label indipendente delle nostre parti, sebbene l’etichetta di italianità sia certamente restrittiva per una realtà come la Minus Habens, radicata in quel di Bari ma con la mente da sempre sintonizzata con le tendenze più attuali del panorama internazionale. A dirla tutta è restrittiva anche la definizione di label discografica, visti gli ambiti frequentati dalla creatura di Ivan Iusco, ambiti che vengono tutti affrontati in questo libro di ben 224 pagine curato da Alessandro Ludovico, direttore della rivista Neural.
Si tratta, è inevitabile, di un’opera celebrativa, ma per una volta la cosa non suoni come una critica: celebrare un’impresa come Minus Habens è cosa dovuta, soprattutto se lo si fa attraverso un volume utile a fornire una lettura del suo complesso percorso creativo con una formula nient’affatto scontata. Quello che l’etichetta (la chiamo così per comodità) rappresenta e produce viene presentato attraverso brevi interventi di persone che, a vario titolo, hanno incrociato il percorso di Ivan Iusco, starà poi al lettore ricostruire tessera dopo tessera il mosaico, per ottenere il quadro generale. Non tutti gli scritti sono ugualmente interessanti, alcuni si perdono in un’aneddotica che lascia un po’ il tempo che trova, ma altri, i migliori, si servono dell’esperienza della Minus Habens per dare una lettura dei fenomeni artistici degli ultimi anni, ricostruendo un percorso culturale all’interno del quale Iusco si è mosso, non di rado da protagonista. Citiamo come esempio la disamina sul rapporto fra realtà e virtualità di Adi Newton degli indimenticati Clock DVA e l’analisi storica, da parte dello stesso Alessandro Ludovico, sull’utilizzo della rete in ambito underground. Alcuni di questi scritti sfoggiano un certa complessità di linguaggio –dovuta agli argomenti che rasentano la filosofia- e a qualcuno potrebbe risultare indigesta, ma anche questo fa parte dello spirito di un’etichetta che, pur non avendo mai temuto di confrontarsi con le grosse produzioni (cinematografiche in primis), non è nemmeno mai scesa a compromessi. A completare il tutto sono una carrellata su alcuni artisti dell’etichetta, un’appendice dedicata alla grafica e l’intervista del nostro Marco Giorcelli che avete letto alcuni mesi fa su queste pagine. Rivelatore di uno spirito attento alle innovazioni è anche il fatto che nelle pagine, caratterizzate da una grafica curatissima, com’è tradizione di tutte le uscite Minus Habens (non a caso una sezione del libro è dedicata ai fotografi con cui ha collaborato), si trovino molti codici Quick Read che consentono l’accesso a musiche e filmati, integrando utilmente (e in alcuni casi indispensabilmente) il testo.
Quella che emerge alla fine è l’immagine di un’etichetta che non ha mai avuto paura di confrontarsi con l’altro, sia esso un diverso genere musicale (il catalogo accoglie progetti che vanno dall’avanguardia alla techno), ambito espressivo (musiche per colonne sonore, per istallazioni artistiche, progetti editoriali) o una nuova tecnologia, senza mai farsi trovare impreparata davanti ai cambiamenti, anzi, spesso e volentieri precorrendo i tempi. Forse è questo il segreto di un tale stato di forma anche dopo cinque lustri d’attività.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

She Said What?! - S/T (Marsiglia, 2009)

La genovese Marsiglia del "nostro" Matteo Casari continua nella missione di portare alla luce nuove band locali: una volta pubblicato…

30 Aug 2009 Reviews

Read more

The Star Pillow – 12/11/2016 Olandese Volante (Gazzuolo – MN)

È davvero un caso più unico che raro che qualcosa di veramente interessante passi dalla provincia mantovana, specie per la…

18 Nov 2016 Live

Read more

The Tapes - News From Nowhere (Luce Sia, 2019)

Ancora un insapettato blast from the past per Luce Sia che questa volta fa riemergere dal passato remoto la creatura…

18 Jun 2019 Reviews

Read more

Wolfnuke – Nightwar (Crucial Blaze, 2010)

Il metal-core che piace a noi. Eh, sarà che siamo vecchi, ma le porcherie alla Hatebreed e compagnia, chuggachugga da…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Black Rainbows - Holy Moon (Heavy Psych Sounds, 2013)

Ancora una volta musica circolare: tanti infiniti vortici che rimpiccioliscono progressivamente senza mai riuscire ad annullarsi. Con i Black Rainbows…

18 Jun 2014 Reviews

Read more

Deison - Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene,…

24 Mar 2022 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Burial - Untrue (Hyperdub, 2007)

Riverberi, voci ovattate, ritmi sincopati, linee di basso, Untrue è un disco in cui ogni cosa sembra…

14 Jan 2008 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Adam's Castle - Vices (Tripel Down, 2012)

C'è di buono che la mia curiosità spesso mi porta a conoscere cose un pò strane, difficilmente mi serviranno nella…

06 Sep 2012 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana – Cristalli Sonori (Setola Di Maiale, 2011)

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi…

10 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top