Alessandro Fiori – Mi sono perso nel bosco ( 42, 2022 )

Perdersi nel bosco può essere una cosa tremenda oppure bellissima. Scatenare il panico oppure aprire porte inaspettate. Alessandro Fiori mi ha sempre dato l’idea di essere persona che, in 25 anni di carriera, abbia rappresentato soltanto una una minima parte di sé. Bene perdersi quindi, come occasione per poi uscirne, presentarsi di nuovo ai suoi ascoltatori e scuoterli. “…prendimi la mano, che tu, trovi sempre la strada, quella è la casa dove stiamo”. Non viaggia da solo Alessandro, che insieme a lui c’è un parterre d’artisti. Da Giovanni Ferrario ed Alessandro Stefana (produttori artistici del lavoro), a Dario Brunori e Claudia Lagona, da Giuseppe Peveri a Jacopo Incani, da Massimo Martellotti a Lorenzo Urciullo, da Emanuele Maniscalco a Lea Mencaroni, da Luca Caserta a Niccolò Fornabaio, da Stefano Amerigo Fantoni a Marco Parente.

Accompagnatori che guidano Alessandro a rientrare entro i confini della canzone d’autore dopo il meraviglioso Plancton. Il bosco e la natura rientrano come un contorno che fa parte ormai della vita di Alessandro, che con famiglia vive a discreta quota e gode della vicinanza di civette, corsi d’acqua e rumori furtivi. Sapori onesti ed agresti, che spingono spighe in bocca come in Io e Te o richiamano addirittura un Cristiano Bugatti in Amami Meglio. La verve e la poetica di Fiori sono inimitabili e riportano sempre di più a lui soltanto. Con un suono che si fa a tratti pastoso ed a tratti aereo, si cade su relazioni zoppicanti e terminali, affrontate con disillusione lirica, suoni desueti e giocattoli claudicanti. Molti brani di questo parlano ( e di che si dovrebbe parlare del resto?) ma non hanno né soluzioni né ipotesi, soltanto rese, gradi alcolici in leggera salita e tentativi che ovviamente non funzionano. Fermo accanto a te ha una batteria talmente bella e casereccia da sembrare un giocattolo dentro quel gran carillon di campagna che è mi sono perso nel bosco.

Poi, beh, c’è Una Sera. Onestà straziante, il racconto di un rapporto, di una vita, del protagonismo, dell’ineluttabilità e dell’amore. Piano, chitarre, violini ed oboe. Un brano ENORME. Da qui in avanti il campo sembra allargarsi, per tematiche e suono.

Pigi Pigi appoggia un testo di Luca Caserta (patron del Godot Art Bistrot di Avellino) su tocchi di piano, portando ai travagli delle traversate e dei morti in mare un momento di emozione misurata ed aperta. Facendo scorrere il disco si ha l’impressione di come non sia necessariamente il 2022 ma potrebbe tranquillamente essere il 1982: in L’Appuntamento addirittura si potrebbe abbozzare l’entrata in una discotechina, ricordando una perdita in maniera controllata e calda. Che dire? Siamo al finale, con Troppo Silenzio, ennesimo lavoro di cesello che riassume tutto il lavoro “ ..la vita è solo un sogno dimenticato da un altro sogno che si è svegliato di soprassalto perché ha sognato troppo silenzio e si è spaventato”. Il silenzio fa paura, basta riempirlo, se si vuole, con i suoni di questo disco prezioso.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Primal Scream - Beautiful Future (B-Unique , 2008)

Arrivarci, a vedere il futuro rosa! E forse qualcuno la personale quadratura del presente l'ha trovata, tanto da cantarla a…

25 Sep 2008 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Slowcream - Wax On Wool (Nonine, 2009)

La Nonine è stata una delle migliori sorprese dello scorso anno in ambito elettronico e per di più si tratta…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Indigents - Bottomless Sinking (Sincope, 2012)

Indigents è un duo formato dal catalano Héctor O. aka Mindload e dal francese Stephane Kerandel aka Terrortank, attivo con…

30 Jul 2012 Reviews

Read more

Connect_icut - Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo,…

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte…

14 Mar 2014 Reviews

Read more

Natural Assembly - Army Of Departure (Avant!, 2012)

Duo londinese completamente immerso nella tradizione della dark wave ottanta questi Natural Assembly, in pieno stile Avant! direi. L'etichetta bolognese…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Sebastiano Meloni/Adriano Orrù/Tony Oxley - Improvised Pieces For Trio (Big…

Nella mole di cd che riceviamo e che escono, purtroppo ho accumulato un po' di ritardo nel recensire questo lavoro…

30 Sep 2010 Reviews

Read more

Two Dollar Guitar + Chris Brokaw - 01/12/06 Milk Club…

Invecchiare non è il male. Galline, vischi maschio col fischio e senza raschio*, vino, amicizie e tutto quello in cui…

06 Jan 2007 Live

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Gopota – Knots Of Fear (Torga Amun, 2016)

Gopota (delinquente di basso livello in russo) è uno di quei progetti che non fa sconti e apparentemente con poca…

26 Aug 2016 Reviews

Read more

M.B. - I.B.M. (Final Muzik, 2012)

Continuano le ristampe della serie Final Muzik Eighties e per la terza uscita arriva in catalogo addirittura Maurizio Bianchi con…

03 Apr 2013 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top