Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata al rock mainstream, dando alle stampe testi che già all'estero hanno ricevuto giustamente attenzione. Fra tutte emerge la neonata Tsunami che rende disponibile Choosing Death, scritto dal direttore di Decibel Magazine Albert Mudrian; di cosa tratti lo spiega piuttosto bene il sottotitolo: L'Improbabile Storia Del Death Metal E Del Grindcore. Costruito a mo' d'inchiesta, montando frammenti di interviste sia d'epoca che realizzate di recente a musicisti, discografici e produttori, il libro affronta prima le varie scene (la Gran Bretagna, le due coste degli USA, la Florida, la Scandinavia e l'Europa continentale) dedicando a ciascuna un capitolo, poi, sempre attraverso le parole dei protagonisti, segue l'evolversi della situazione, dall'esplosione del grindcore nelle classifiche inglesi, allo sbarco della Earache in America, fino alla crisi del genere, alla nascita della Relapse e al death metal odierno. Ne risulta una storia assolutamente esaustiva, che affronta anche i lati più controversi delle vicende e che si legge con la facilità di un romanzo; la forma è in effetti piuttosto simile a quella di Rabbia di Chuck Palahniuk, con voci che si sovrappongo e spesso danno versioni diverse, se non discordanti, dello stesso fatto. È anche grazie a questa polifonia se si ha, dei protagonisti, un'immagine a tutto tondo, ben lontana dalle figurine bidimensionali che, al tempo, emergevano dalle pagine di Metal Hammer o H/M (il solo Glenn Benton dei Deicide si riconferma un minchione tale e quale). E se buona parte dello spazio è inevitabilmente monopolizzato dai vari Napalm Death, Morbid Angel, e Cannibal Corpse, non mancano pagine dedicate a band seminali come i Siege, i pre-Obituary Xecutioner o i Nihilist, che generarono gli Entombed. Si astenga chi non ha mai avuto a che fare coi generi trattati e ha sprecato la propria infanzia senza ascoltare una sola nota distorta; per tutti gli altri si tratterà di una lettura piacevole e istruttiva, condita da aneddoti divertenti e misconosciuti, come quel DJ della BBC che puniva i concorrenti di un gioco a premi facendo loro ascoltare i Napalm, o il futuro Carcass Jeff Walker letteralmente scaricato dagli Electro Hippies, di cui era il cantante, nel mezzo della campagna inglese, di ritorno da un concerto. L'unica riserva è sull'apparato fotografico, dove i collage sovrappongono foto su foto rendendole spesso illeggibili per via dello spartano bianco e nero e dei toni scuri, ma è un difetto ereditato dall'edizione americana. Di assoluto valore, comunque, l'immagine di Nick Bullen con la maglietta dei Wretched.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

Lento - Earthen (Supernaturalcat, 2007)

Giusto pochi giorni fa, notavo su una rivista specializzata che finalmente qualcuno si è deciso a raccogliere in un unico…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Shadow Line - I Giorni Dell'Idrogeno (Modern Life, 2011)

Rock Italiano a tutto tondo per questo quartetto ormai consumato da una pluriennale esperienza sul campo. In questa edizione la…

14 Mar 2012 Reviews

Read more

Lorenzo Abattoir's Noise Diary - West Coast 'N'More Tour 2014

Lorenzo Abattoir lo abbiamo conosciuto un paio di anni fa in un festival a Piacenza, nei panni di Nascitari (in…

12 Nov 2014 Articles

Read more

Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel…

03 Sep 2019 Reviews

Read more

Alchemist - Tripsis (Relapse, 2007)

Giunto ormai al ventennio di attività il quartetto australiano può decisamente considerarsi soddisfatto del proprio percorso e soprattutto del…

06 Jan 2008 Reviews

Read more

I Love UFO - Wish (Record Makers, 2006)

Francesi. Potenti. Assolutamente obliqui ed imprevedibili. Colmi di quel sound che Monster Magnet ed affini anticiparono (!) nei primi…

27 Apr 2007 Reviews

Read more

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Noise Trade Company - Crash Test One (N-Label, 2008)

Gianluca Becuzzi non è esattamente l'ultimo arrivato (rileggersi a questo proposito l'intervista pubblicata su Sodapop ormai più di un anno…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top