Airchamber 3 – Crumble (Amirani, 2008)

L’approccio non è dei più semplici, i rumorismi e le frequenze gelide e austere di In A Foreign Land, il brano di apertura di Crumble, chiariscono fin da subito quale sarà l’andazzo del cd. Sax tenore, violoncello, chitarra elettrica, microfoni a contatto, theremin, filtrati attraverso effetti a pedale, kaoss pad e laptop, questi gli strumenti manovrati da Airchamber 3, formano un flusso sonoro ostico e incompromissorio, per dare origine ad una miscela di influenze che vanno dall’elettronica nelle sue forme più glitch, all’ambient, ad una sorta di free jazz aritmico. L’idea del trio sembra essere quella di portare l’esperienza dell’ascolto alle sue conseguenze estreme: inquietudine e tensione sono le caratteristiche costanti di tutti i brani e i punti di riferimento, gli appigli lasciati all’ascoltatore, sono davvero pochi. Se da una parte risultano immediati il ritmo meccanico di The Jaw e i liberatori fraseggi del sax, le eteree note del violoncello che fanno da ossatura a Standing By The Shell Sea Mit Giacinto chiedono il loro tempo prima di farsi forma compiuta: un crescendo rallentato e privo di ogni fisicità ed epicità che per brevi istanti, dopo undici minuti, trova la via di una melodia (che chissà per quale motivo mi ricorda il motivo iniziale di War Pigs dei Black Sabbath!) prima di sfaldarsi in feedback e rumori. C’è un continuo ribollire di suoni nelle tracce di questo cd, un gorgogliare di materia organica e palpitante (ma sempre caratterizzata da un’estrema freddezza), un’emissione senza sosta di eventi sonori irripetibili: Silente Makes A Dangerous Sound in cui pare massiccio l’uso del laptop, la lunga An Unsafe Round To Walk Upon, basata sulla ripetizione di un loop di basso sul quale la chitarra e il sax improvvisano brevi fraseggi, fino alla disgregazione drone ambient degli ultimi minuti, The Hheart Is Flat And At The Edges You Fall All Of A Sudden, con una chitarra dalle liquide forme jazz, sono aspetti diversi dello stesso approccio rigoroso e privo di compromessi di cui si diceva all’inizio. Crumble è sicuramente un disco impegnativo, nella stessa misura in cui possono esserlo gli ultimi Anatrofobia, in cui il lato emotivo della musica, così come è comunemente inteso, è sacrificato ad una ricerca sul suono nelle sue forme più gelide e pure.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Montauk - S/T (Autoprodotto, 2013)

Con un nome che richiama l'oltreoceano (vi basterà cercarlo su google per scoprire come ho fatto io le tante cose…

14 Jun 2013 Reviews

Read more

Aedi - Ha Ta Ka Pa (Gusstaff, 2013)

Secondo lavoro fresco di stampa per i connazionali Aedi (forse plurale di Aedo? sapete...i cantanti-compositori greci...). Maceratesi di origine, con…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Altered Realities (New Albion, 2006)

Anche se temo che molti su questa webzine non conoscano la New Albion, non è per nulla sconosciuta anzi, trattasi…

08 Jun 2007 Reviews

Read more

Bogong In Action - And That If Piggod! (HysM/Lemmings, 2011)

Questo EP di otto minuti, seconda prova dei Bogong In Action dopo un limitatissimo split tape, inizia con una chitarra…

10 Jan 2012 Reviews

Read more

Johnny Grieco - Affanno D’Artista (Snaps, 2009)

Il leader e indiscusso frontman dei Dirty Action torna con un lavoro che fin dalla cover è una dichiarazione…

15 Mar 2010 Reviews

Read more

Zu - Terminalia Amazonia (House Of Mythology/Archaeological, 2019)

Ricordo, in una delle primissime versioni del sito zuism.com, forse ai tempi di Igneo, una sezione con link riguardanti lo…

14 Jan 2020 Reviews

Read more

Zerogroove /Alessandro Bocci -The Urban Tape (Kaczynski, 2019)

Uno split, per essere davvero buono, dovrebbe mettere insieme due metà non troppo simili da rendere monotono l’ascolto, ma nemmeno…

07 Jan 2020 Reviews

Read more

Alessandro Fiori - Mi sono perso nel bosco ( 42,…

Perdersi nel bosco può essere una cosa tremenda oppure bellissima. Scatenare il panico oppure aprire porte inaspettate. Alessandro Fiori mi…

12 May 2022 Reviews

Read more

Father Murphy – Croce (Fenser, 2015)

Secondo René Guénon la croce simboleggia, nella maggior parte delle dottrine tradizionali, la realizzazione dell’Uomo Universale: l’asse orizzontale rappresenta un…

14 May 2015 Reviews

Read more

Laghima (Gian Luigi Diana, Frederika Krier) – S/T (Setola Di…

Laghima, in antico sanscrito, significa "levitazione", il diventare più leggeri di una piuma, andare oltre il proprio corpo. A tale…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Smallgang - San (Damnably, 2014)

Alla seconda prova il trio londinese Smallgang, formato dai fratelli Kobayashi e dal batterista Matt Atkins, colpisce per semplicità nel…

10 Jul 2014 Reviews

Read more

Toilet Door n.5 - Black Music For White People

Se non riconoscete più le vostre radici, se non riuscite più a far germogliare le piantine sul terrazzo, se…

16 Apr 2011 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top