Adriano Zanni – Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l’uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7″ Falling Apart e ora inatteso arriva questo nastro che si colloca temporalmente fra il singolo e l’annunciata uscita autunnale dell’album. Soundtrack For Falling Trees, stampato in edizione limitatissima di sole 72 copie, segna un percorso laterale rispetto a quanto ascoltato sul singolo e – si presume – ascolteremo sull’LP , un protoambient – come lo definisce il musicista – che riduce al minimo gli elementi costitutivi della sua musica: abolite le voci e quasi completamente i ritmi rimangono pochi suoni analogici e digitali e qualche campionamento. Verrebbe naturale associare brani del genere alle foto scattate da Zanni, far corrispondere le distese di synth agli spazi vuoti, il pulsare dei droni al ritmo delle onde, gli stridori dei campioni alle scheletriche strutture abbandonate e così via, ma sarebbe ingeneroso nei confronti di un lavoro che sa benissimo esprimersi senza bisogno di alcun aiuto o supporto. Quella che dai titoli sembra essere una decadente quadrilogia degli alberi apre il primo lato con una combinazione dai toni piuttosto crudi di frequenze trapanatimpani e cadenze meccaniche (Fake Trees) e lo chiude con delle misurate variazioni di suoni in un ambiente poetico e arioso (Lonely Trees). Specularmente il secondo lato inizia con un brano caratterizzato da morbidi saliscendi sonori (Fallen Trees) e ci saluta con la veemenza quasi punk di Dead Trees, 3’40” di crescendo massimalista che rifiuta tuttavia di degenerare in rumore. Ambient ma non solo quindi, o se preferite, ambient interpretato nei suoi più vari aspetti e con un’attitudine minimalista – verrebbe da dire davvero primitiva – che lo distingue da un disco solo apparentemente affine come Piallassa, che il nostro pubblicò anni fa a nome Punck. Lungi dal distrarci dalle aspettative per il nuovo disco Soundtrack For Falling Trees rimescola le carte (sentiremo qualcosa di simile anche lì?) e soprattutto apre nuove strade che potrebbero essere sviluppate in futuro, aggiungendo all’attesa nuova curiosità.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Resurrecturis - Non Voglio Morire (Copro, 2009)

Speriamo che dopo una ventennale gavetta, con questo elegante digipack i Resurrecturis riescano ad rendersi visibili ai livelli che…

11 Mar 2010 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

Eugenoise/The Lay Llamas - Tape Crash #6 (Old Bycicle, 2013)

La serie dei Tape Crash di Old Bycicle continua a farci scoprire entità musicali "altre": a questo giro la ricerca…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Vincenzo Ramaglia - Formaldeide (Autoprodotto, 2007)

A volte mi stupisco del potere del caos mediatico, della scarsa attenzione che viene prestata a certi generi e della…

29 Apr 2008 Reviews

Read more

Heliogabale - Blood (Les Disques Du Hangar, 2010)

Un gruppo particolare gli Heliogabale, di cui avevo del vecchio materiale ma che era un po' che non sentivo nominare:…

09 Oct 2010 Reviews

Read more

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

Merzbow + Sshe Retina Stimulants + Der Weze - 12/04/12…

Sono davvero pochi i nomi della scena industriale che non abbiano calcato i palchi nostrani negli ultimi tempi (ultimo annunciato…

20 Apr 2012 Live

Read more

Me Raabenstein - R (Nonine, 2012)

L'eterno ritorno di Me Raabenstein, ma non in senso ebraico e neppure in termini di tematiche, è semplicemente che questo…

04 May 2012 Reviews

Read more

Harshcore & Der Einzige – Live Bujùn Dokument (Old Bicycle,…

Harshcore, il progetto di Luca Sigurtà e Tommaso Clerico, è per vocazione propenso all'interagire e al mischiarsi con altre realtà:…

28 Jun 2013 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Riprendiamo e concludiamo il racconto delle vicende di Gentry Densley e delle sue creature, ripartendo dall'ultimo periodo degli Iceburn, quello…

06 Mar 2012 Articles

Read more

Arbdesastr - S/T (Marsiglia, 2007)

Segnali di gelo assoluto (C3), atmosfere placide, punteggiate da glockenspiel (Sky And Space You) aprono il nuovo mini album degli…

05 Jan 2008 Reviews

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - Concentric (A Silent Place, 2010)

Ritorna uno dei gruppi italiani che è riuscito ad imporsi all'attenzione dell'etichetta che divenne famosa per il grunge, la Sub…

11 May 2010 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Clara Clara - AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e…

14 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top