Adriano Orrù/Paulo Chagas/Silvia Corda/Mauro Sambo – Palimpsest (Pan Y Rosas, 2014)

Un significato poco conosciuto della parola “palinsesto” (il Palimpsest del titolo) è quello di pagina manoscritta dalla quale  il testo originario è stato cancellato e sostituito con un altro. All’idea di scrittura sovrapposta si rifà Adriano Orrù, proponendo alcune sue linee di basso elettrico a tre colleghi, chiedendo di arricchirle o, viceversa, di spedirgli brani su cui sovrincidere il proprio strumento.
Ne esce un lavoro composto unicamente da duetti, col basso che si accompagna di volta in volta alle percussioni e all’elettronica di Mauro Sambo, al piano di Silvia Corda e agli strumenti a fiato di Paulo Chagas, conferendo al lavoro una certa varietà stilistica, unificata però da un mood sempre piuttosto pacato. Il disco funziona bene sia che si segua la scaletta, che alterna le tracce delle varie coppie, sia che si scelga di ascoltare di fila tutti i contributi di un determinato duo, visto che la varietà di cui si parlava è riscontrabile anche all’interno dei singoli duetti e raramente un ospite usa due volte lo stesso strumento. Nei tre pezzi in compagnia di Sambo, ad esempio, troviamo campane tibetane, gong, marimba e percussioni orientali, che caratterizzano ogni traccia e portano il basso a suonare in modo sempre diverso: Palimpsest è un blues ambientale intessuto di suoni spettrali, Life Of A Duet un brano più classicamente impro, fra brevi fughe e momenti d’intesa, mentre in Scrape Off Orrù duetta con il suo doppio campionato in un brano teso, impreziosito sul finale dalla marimba. Tre anche i pezzi con Silvia Corda che, portando in dote un piano preparato e uno giocattolo, per qualche strana alchimia fa ritrovare al basso una corposità quasi rock, evidente nella pulsante The Rain Tree Under The Rain, uno dei brani più riusciti dell’intero CD. Infine i quattro duetti coi fiati di Chagas – clarinetto basso, sax soprano e flauto – che ci portano in territori prossimi al jazz, dove il basso gioca con la melodia portante stiracchiandosi e contraendosi (Bortadie) o trova l’intesa su coordinate free, dopo aver seguito il flauto in atmosfere orientaleggianti (On Different Shores). Un album decisamente riuscito, che parte da un’idea originale e ben congegnata e la sviluppa in piena libertà, senza risentire dell’eterogeneità della formula con cui è assemblato, ma facendone anzi un punto di forza.
Il disco, oltre che acquistabile in formato fisico, è scaricabile gratuitamente dal sito dell’etichetta.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Like A Tree Growing Out Of…

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell'ultimo Bron Y Aur e del disco d'esordio dei Plasma…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Black Elk - Always A Six Never A Nine…

Esterefatto. Credo che lo stupore totale sia quanto di più vero riesca a manifestare di fronte ad un disco…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - The Uncanny Little Sparrows (Boring Machines,…

Simon Balestrazzi qui è di casa (mi sa che ha pure le chiavi) e stessa cosa potremmo dire per i…

07 Feb 2018 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Merzbow/Gustafsson/Pandi – Cuts (Rare Noise, 2012)

Masami Akita, nell'ambito del noise massimalista di cui è maestro, ha probabilmente e da tempo già detto tutto e per…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Hanam Quintet Featuring Tristan Honsinger - S/T (Aut, 2013)

In quel confine tra jazz e contemporanea c'è un altro mondo musicale e in questa settima pubblicazione della Aut rec,…

15 Jan 2014 Reviews

Read more

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Grand Drifter - Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger. Una risposta. Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo…

22 Dec 2021 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Adam McBride-Smith - Good And Gone (Autoprodotto, 2007)

La materia dell'Americana, più o meno rimaneggiato folk tradizionale degli States, mi ha sempre lasciato abbastanza interdetto. Mica ho mai…

07 Dec 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top