Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C’erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l’album Nero, che pur avevamo identificato come punto di arrivo di un percorso di fusione fra prog-gotico e atmosfere dark-ambient. La vera posta in gioco era in realtà la spoliazione da ogni residuo di rumore e oggi il risultato è una musica che potremmo dire purificata, sebbene al suo interno lo spirito oscuro continui a scorrere.
Più che “oscuro” sarebbe tuttavia più esatto dire “esoterico”: MMXII è un viaggio su sentieri nascosti, che ci appaiono tetri solo per il fatto di essere poco battuti. Tutto il disco richiede invece un’attenzione particolare, volta a svelarne la vera natura. Gli stessi titoli, che di primo acchito ci paiono pervasi da un senso disperato di morte, potrebbero essere letti come allusione a un percorso iniziatico di rinascita, che transita per luoghi e momenti simbolici, evocati nei titoli (La Grotta, La Metamorfosi, Visione,…) e ben resi dalla musica. E parlando di musica, è impossibile non notare come MMXII sia un album stilisticamente più omogeneo dei precedenti, ma con una quantità di soluzioni melodiche che lo rendono vario e, prese le misure a un genere comunque ostico, piuttosto fruibile. È il canto possente dell’organo, in assenza di quello umano, a farci da guida, a spingerci e a cullarci, sfruttando tutte le soluzioni timbriche a sua disposizione. Ad accompagnarlo c’è un basso che fa la voce grossa alla maniera di una creatura lovecraftiana, più raramente altri strumenti elettronici, ormai ridotti al ruolo di comprimari. A conti fatti, MMXII non è un album privo di luce, è semplicemente illuminato da una luce diversa: se così non fosse non avremmo le sorprendenti aperture melodiche di Al Cospetto Del Male e La Grotta, né il lirismo addirittura romantico di Visione, solo per citare alcuni esempi. La costanza e la dedizione con cui Adamennon porta avanti da anni il proprio discorso rendere superfluo ogni accostamento: dal punto di vista dell’ispirazione le influenze dei padrini del prog-occulto sono chiare, ma ormai tutto è metabolizzato e reso in forma affatto personale. Lontano tanto dalle atmosfere da soundtrack quanto dall’horror fumettistico, più che di terrore, ormai sublimato, nelle tracce si respira un senso di malinconia e abbandono, dati dalla consapevolezza che questo percorso, si intenda per esso l’ascolto o l’esperienza iniziatica a cui accennavamo, va affrontato nella più completa solitudine.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring…

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri…

29 Jun 2012 Reviews

Read more

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Garaliya – Reforged (Morte, 2014)

Garaliya è un duo in cui uniscono le forze Lin dei Morkobot e il misterioso (e impronunciabile) Mzky. Generalmente dediti…

14 Oct 2014 Reviews

Read more

Andrew Quitter/Nick Hoffman - Nu Grotesque (Diazepam, 2013)

Collaborazione tra Andrew Quitter e Nick Hoffman sulla nostrana Diazepam di Mauro Sciaccaluga. Quitter aveva già inciso una bella cassetta…

10 Mar 2014 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Kern/Batia Hasan – The Commercial Tape (Kaczynski, 2020)

Il secondo volume della serie Tape Session della Kaczynski conferma la felice idea di associare artisti in qualche modo complementari…

09 Jun 2020 Reviews

Read more

Yonatan Gat - Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con…

30 Apr 2018 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Lol Coxhill - Fine Tuning (Amirani, 2010)

Dopo Braxton e Russell la Amirani si spara un altro monumento vivente dell'avant-impro-jazz anglofono, Lol Coxhill. Per chi non lo…

12 Jul 2010 Reviews

Read more

Oscenità Sulla Luna – 21/07/12 Spazio 4 (Piacenza)

Incubo di una notte di mezza estate. L'ultima cosa che ci saremmo aspettati di vedere e sentire è una carrellata…

27 Jul 2012 Live

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

Spite Extreme Wing - Vltra (Avantgarde/Masterpiece, 2008)

Ritorna per quello che sembra un epitaffio l"'ultima ala dello sdegno". Un album nero, innovativo, con un suono privo di…

07 Jul 2009 Reviews

Read more

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

M.B. - I.B.M. (Final Muzik, 2012)

Continuano le ristampe della serie Final Muzik Eighties e per la terza uscita arriva in catalogo addirittura Maurizio Bianchi con…

03 Apr 2013 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top