Adamennon – Ades (Shove, 2015)

Riprende la marcia Adamennon. Dopo lo spilt con Altaj, che avevamo segnalato come percorso un po’ laterale, Ades è un passo necessario su un tracciato vecchio e nuovo allo stesso tempo: riprende certe sonorità di MMXII ma le ibrida con altre, più ritmate e sintetiche, che sembrano mutuate dalla collaborazione con Alessandro Parisi, con anche qualche incursione nella dark-ambient degli esordi.
È un viaggio che fin da subito appare di sola andata quello di Ades – non c’è bisogno di leggere gli eloquenti titoli dei brani per capirlo – eppure non è un viaggio inutile: è un ritorno a casa attuato attraverso una meditazione che tocca sia lo spirito che la carne e dalle prime battute alterna momenti di puro lirismo (Bentornato Nell’Ade, fra organi dark-prog e sinteticità di stampo carpenteriano) ad altri tesi cinicamente ad infliggere sofferenza all’ascoltatore (Qui Il Tempo Non Esiste, frequenze industrial ambient da far sanguinare le orecchie). Pur mantenendo la forma del concept album Ades non ha l’unitarietà stilistica di MMXII ma si serve di più registri, sperimentando linguaggi e stili comunicativi all’interno di un contesto che rimane comunque estremamente coerente, decisamente più comunicativo e diretto rispetto al criptico esoterismo del predecessore (oscurità che, beninteso, contribuiva a farne un capolavoro). Ma dubitare è d’obbligo visto la materia trattata e il curriculum del nostro: il tripudio di tastiere e batteria di È Molto Che Ti Aspettavamo non è forse una festa di benvenuto, così come Bentornato Nell’Ombra, col suo organo quasi sognante, finisce per non concede nulla a certo romanticismo darkeggiante e muore in una taiga di battiti freddi  e minimali. Dal punto di vista della poetica di Adamennon Ades è un altro passo in direzione dell’abisso che sempre più ci appare senza fondo, stilisticamente è un campionario che ha i punti di maggior interesse nei pezzi che sembrano gettare semi verso un futuro inevitabilmente oscuro: la tecnologia minimale ed espressionista di Tutto È L’Eterno Presente Di Tutto, le commistioni fra horror-prog e minimalismo anni ’80 delle già citate  Bentornato Nell’Ade e È Molto Che Ti Aspettavamo (la seconda in particolare meriterebbe una coreografia ad hoc), l’ambient disturbato de Il Nulla È L’Unica Certezza. E invece, ancora una volta, di certezze non ce ne sono: cosa vi aspettavate?

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nembrot - S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Israel Martinez – The Minutes (Aagoo, 2013)

Israel Martinez è al suo settimo lavoro e si è sempre interessato al mondo della musica ambient/elettronica e sperimentale anche…

23 May 2013 Reviews

Read more

Mastodon - Blood Mountain (Warner Bros, 2006)

L’allontanamento dalla Relapse in virtù di una major non sembra aver intaccato particolarmente la creatività e la furia dell’eclettico quartetto…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

Earth + Mount Eerie + Ô Paon – 24/03/12 Auditorium…

Al quarto tentativo, dopo vari spostamenti di sede dovuti al terremoto di febbraio, finalmente la rassegna Sound Canvas riesce ad…

06 Apr 2012 Live

Read more

Meteor - Magic Pandemonio (Wallace/Villainferno, 2017)

Era un disco cruciale questo per il duo chitarra/batteria dei Meteor: dopo un 7” e un 12” entrambi one side…

23 Oct 2017 Reviews

Read more

Blogroll

Ho sempre avuto la mania di prendere appunti dai forum in rete: se un disco lo si mitizzava me lo…

10 Aug 2006 Articles

Read more

Marco Massa - Nelle Migliori Famiglie (Tranquilo, 2007)

Premetto che in un qualsiasi megastore questo cd finirebbe nella categoria della "musica italiana" e quindi non è proprio un…

08 Aug 2007 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Sala B: Rupture (Chew-Z, 2009)

Lo so, è stupido, ma da quando la Chew-Z oltre ad avere le netrelease in download gratuito sul sito rende…

18 Nov 2009 Reviews

Read more

Levi - Synthesis (MC, Black Marmalade, 2022)

Levi è Damiano Simoncini. Diverse esperienze alle spalle (Damien e Versailles soprattuto, ma anche Melampus e Cristallo), ormai alle porte…

20 Jun 2022 Reviews

Read more

Things we lost in the fire-starter aka memorabilia di un…

Prima dello scoccare del nuovo anno, l'impavido Gusmerini offrì un'ardita lista che pose a riflessione de lo miglior materiale che…

14 Jan 2011 Articles

Read more

God Fires Man - Life Like (Arctic Rodeo, 2009)

Con il passare del tempo e degli ascolti, a forza di sottopormi alle peggiori nefandezze sperimentali, rumoristiche ed a-melodiche, a…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

K11 + Raskol'Nikov + Rotorvator - 29/10/11 Superfluo (Padova)

Un nuovo luogo di ritrovo, nella Padova da quest'anno orfana dell'ottimo Unwound. In realtà Superfluo non è propriamente un locale,…

18 Nov 2011 Live

Read more

Mob - Polygon (Quatermain, 2007)

Quando mi capita di immergermi in ben due dischi provenienti dallo stesso sottobosco, mi viene da domandarmi subito quale sia…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Red Sector A – Transients (Silentes, 2014)

La metà dei ’90 passati a riempire le piste da ballo alternative di mezza Europa, nascosto sotto vari pseudonimi, poi…

17 Jun 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top