Adamennon – Ades (Shove, 2015)

Riprende la marcia Adamennon. Dopo lo spilt con Altaj, che avevamo segnalato come percorso un po’ laterale, Ades è un passo necessario su un tracciato vecchio e nuovo allo stesso tempo: riprende certe sonorità di MMXII ma le ibrida con altre, più ritmate e sintetiche, che sembrano mutuate dalla collaborazione con Alessandro Parisi, con anche qualche incursione nella dark-ambient degli esordi.
È un viaggio che fin da subito appare di sola andata quello di Ades – non c’è bisogno di leggere gli eloquenti titoli dei brani per capirlo – eppure non è un viaggio inutile: è un ritorno a casa attuato attraverso una meditazione che tocca sia lo spirito che la carne e dalle prime battute alterna momenti di puro lirismo (Bentornato Nell’Ade, fra organi dark-prog e sinteticità di stampo carpenteriano) ad altri tesi cinicamente ad infliggere sofferenza all’ascoltatore (Qui Il Tempo Non Esiste, frequenze industrial ambient da far sanguinare le orecchie). Pur mantenendo la forma del concept album Ades non ha l’unitarietà stilistica di MMXII ma si serve di più registri, sperimentando linguaggi e stili comunicativi all’interno di un contesto che rimane comunque estremamente coerente, decisamente più comunicativo e diretto rispetto al criptico esoterismo del predecessore (oscurità che, beninteso, contribuiva a farne un capolavoro). Ma dubitare è d’obbligo visto la materia trattata e il curriculum del nostro: il tripudio di tastiere e batteria di È Molto Che Ti Aspettavamo non è forse una festa di benvenuto, così come Bentornato Nell’Ombra, col suo organo quasi sognante, finisce per non concede nulla a certo romanticismo darkeggiante e muore in una taiga di battiti freddi  e minimali. Dal punto di vista della poetica di Adamennon Ades è un altro passo in direzione dell’abisso che sempre più ci appare senza fondo, stilisticamente è un campionario che ha i punti di maggior interesse nei pezzi che sembrano gettare semi verso un futuro inevitabilmente oscuro: la tecnologia minimale ed espressionista di Tutto È L’Eterno Presente Di Tutto, le commistioni fra horror-prog e minimalismo anni ’80 delle già citate  Bentornato Nell’Ade e È Molto Che Ti Aspettavamo (la seconda in particolare meriterebbe una coreografia ad hoc), l’ambient disturbato de Il Nulla È L’Unica Certezza. E invece, ancora una volta, di certezze non ce ne sono: cosa vi aspettavate?

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Toilet Door n.4 - One Shot 90

Chi ha detto che non si esce vivi dagli anni '80 non aveva ancora vissuto appieno la decade successiva. Cosí…

23 Oct 2010 Podcasts

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Pinarella Blues (Wallace/TB, 2014)

Per la riviera ci siamo passati in tanti, da piccoli con la famiglia o da adolescenti a dividersi fra spiagge…

15 Jul 2014 Reviews

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel…

29 Mar 2017 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Map 71 - Void Axis (Fourth Dimension Records/Foolproof Projects, 2018)

Lisa Jayne (parole e voce), scrittrice e performer attiva nella scena out e fetish di Essex, e Andy Pyne…

18 Sep 2018 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler - 24/10/10…

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul…

22 Sep 2010 Live

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top