Action Beat + Nurse! Nurse! Nurse! – 06/11/09 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Un paese di campagna  che si chiama Campagna con una locanda che si chiama Locanda: stasera il suono dei tamburi ci conduce qui. In un posto così… lapalissiano, i gruppi non potevano che distinguersi per contrasto. Così i Nurse! sono in due, al di sotto del numero legale che consentirebbe di definirli "gruppo", mentre gli inglesi Action Beat, in formazione tra l'altro rimaneggiata, sono praticamente un'orchestrina: sei. Sotto al portico dell'antica dimora (e se ve lo chiedete, ebbene sì, a inizio novembre fa un po' freddo assistere a un concerto sotto a un portico) i Nurse! da Trento iniziano e finiscono la loro esibizione col batterista in piedi sulla grancassa declamando al megafono. Nel mezzo, quasi mezz'ora di drum'n'bass nella vena dei Lightning Bolt, ma con delle squadrature alla Nomeansno, quindi giri non troppo nurse___________________nurse__________locandacontorti e abbondantemente effettati, grazie anche a una pedaliera del basso simile a una portaerei. Inevitabilmente si è indotti all'headbanging  e anche le più insospettabili signorine vengono sorprese a battere il piede; per non parlare di quella, vestita come una versione indie dark della regina Elisabetta, che si agita in maniera davvero poco regale. Poi, come detto, il batterista risale sulla cassa, ringrazia e tutto è finito, pronti a cadere nel gorgo degli Action Beat. Il gruppo inglese, dicevamo, è in formazione ridotta: dotati solitamente di almeno (almeno!) tre batterie, in seguito alla rottura del tourbus che il scarrozzava in giro per l'Europa e alla sua sostituzione con due utilitarie (!), si sono visti costretti a rimandare a casa uno dei tre batteristi. Stasera scendono in campo solo con due, affiancati da un basso e tre chitarre; e si va ad incominciare. Loro sono un vortice, innanzitutto musicale, che frulla le cadenze dei Black Sabbath e le chitarre dei Sonic Youth, per raggiungere, alla fine, un risultato che è simile agli Ex più selvaggi. Ma è anche un vortice umano e in un action_beat___________action_beat____locandacontesto del genere, senza il palco e col pubblico addossato ai musicisti, gli abbonati col posto in prima fila dovranno più volte impegnarsi in schivate alla Matrix per evitare le rasoiate del basso e si troveranno, come niente fosse, il manico delle chitarre infilato fra il braccio e il tronco. Potrà sembrare strano per un gruppo strumentale, ma per tutto il concerto si passa da momenti mosh a fingerpoint alla maniera dei bei tempi, in un continuo salire e scendere della tensione e della velocità, fra attimi di pausa e big bang strumentali. E restado su metafore cosmiche, come ogni buco nero che si rispetti, anche in questo il tempo viene fagocitato e non so dire se abbiano suonato mezz'ora o un'ora, certo avrebbero potuto proseguire anche tutta notte, a esaurimento del pubblico e forse anche dei musicisti. Anzi, sicuramente dei musicisti, se un secondo dopo all'ultima nota, un chitarrista e uno dei batteristi si ritrovano a scambiar opinioni sul concerto a furia di "fuck" e gestacci. Un gruppo pericoloso, per sé e per gli altri: avercene…

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Tetuan - Tela (Brigadisco/I Dischi Del Minollo/Onlyfuckingnoise et al. 2011)

Tela è il disco d'esordio del trio marchigiano Tetuan, ripescato dal cesto a inzio 2013. In realtà l'album era…

14 Mar 2013 Reviews

Read more

Eugenoise/The Lay Llamas - Tape Crash #6 (Old Bycicle, 2013)

La serie dei Tape Crash di Old Bycicle continua a farci scoprire entità musicali "altre": a questo giro la ricerca…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Deadburger - La Fisica Delle Nuvole (Goodfellas/Snowdonia, 2013)

A sei anni da C'è Ancora Vita Su Marte tornano i Deadburger e di musica ne suonano ancora e parecchia:…

17 Jan 2014 Reviews

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Fanciulli Goom - #1 (51Beats, 2014)

L'etichetta 51Beats produce da qualche anno dischi elettronici di diversi sottogeneri: c'è il disco più giocoso/scanzonato, quello danzereccio e quello…

09 Apr 2014 Reviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Lunar Dump - Lipo (XO La Factory/Soviet, 2021)

Duo veronese dinamico e sognante che, come tutti i fratelli di sangue (al secolo Paolo e Zeno Camponogara) che suonano…

18 Jan 2022 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-or - Ethnographies Vol. III – Musèe…

Arriva al terzo capitolo, quello conclusivo, la ricerca sull’uomo ermetico dei sardi Hermetic Brotherhood Of Lux-or, un lavoro poderoso in…

13 Sep 2017 Reviews

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Massimo De Mattia / Giorgio Pacorig / Giovanni Maier /…

Registrazione di un concerto tenuto nel 2016 a Bologna nell'ambito di Angelica, questo Desidero Vedere, Sento è improvvisato fin dal…

16 Apr 2018 Reviews

Read more

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Rise Of The Stateless Wolf – Born Dead/Year Of The…

Può sembrare strano che una band che si pone sul crinale fra hardcore e thrash metal, due generi eminentemente materialisti,…

23 Apr 2020 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Robanera - Meco Discordia (Shove, 2013)

Pezzi avviluppanti quanto le spire di un pitone che ti si cementifica intorno alla gola fino a diventar pietra. E…

11 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top