Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer – Conflict Resolution Seminar (Sabbatical, 2008)

Altro dischetto Sabbatical interessante, altro piatto per stomaci foderati di lamiera. In questo caso più che un eufemismo si tratta di un’avvertenza bella e buona, infatti per quanto si tratti di un lavoro noise/power-noise abbastanza fine, il primo referente che mi è venuto in mente fin da subito è stato Brighter Death Now, soprattutto mentre ascoltavo la voce distorta ed i pezzi ultraminimali in cui sulla banda della registrazione vedreste tutto in rosso per causa della saturazione. Immagino che sebbene per altri questo possa essere un complimento (e neanche piccolo visto che alcuni dischi del boss della Cold Meat non sono davvero niente male), forse per Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer  sarà un po’ fuori luogo, in fin dei conti non credo che la loro estrazione sia esattamente industrial, ma resta che ci si avvicinano molto di più e molto meglio di quanto lo faccia parecchia gente del giro, credo che sia utile ricordare che molti nord europei prima di dedicarsi a questa roba sono stati (e sono) freak, oppure anarco punk bohemien. Se il fruscio vi fa "scompisciare" come il cantante dei Gogol Bordello in Ogni Cosa E' Illuminata, allora qui troverete pane per i vostri denti visto che c’è poco da sospettare sul fatto che mentre registravano questo CD-r i nostri amici si siano fritti le cervella. Mediamente il suono è lineare, mai troppo in picco e mai troppo distorto, a suo modo costante o per lo meno ciclico (anche per questo il parallelo con Karmanik non è per nulla casuale), zero melodia e poche sbavature infatti si tratta di un lavoro molto preciso e che si sviluppa in modo molto uniforme. Molto più cupo degli altri lavori che abbiamo recensito sulla stessa etichetta, questo Conflict Resolution Seminar (gran titolo!) è ossessivo quel tanto che basta per radere al suolo ogni vostra forza residua a fine giornata: insomma sbobba con cui rilassarsi dopo le fatiche del lavoro. Fastidioso, ossessivo e monolitico, però resta che forse è uno dei migliori dischi sfornati dalla piccola etichetta dell’altro emisfero.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Things we lost in the fire-starter aka memorabilia di un…

Prima dello scoccare del nuovo anno, l'impavido Gusmerini offrì un'ardita lista che pose a riflessione de lo miglior materiale che…

14 Jan 2011 Articles

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 36 (02/07/15)

Puntata numero trentasei della terza stagione di The Sodapop Fizz, Alberto Boccardi ospite di Emiliano e Massimo con un po'…

05 Jul 2015 Podcasts

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Gianni Lenoci/Gianni Mimmo - Reciprocal Uncles (Amirani, 2010)

In contemporanea al duo che vede coinvolto Cristiano Calcagnile e Monica Demuru (Blastula) la Amirani spara quest'altra coppia che vede…

06 Apr 2010 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Hall Of Mirrors - Reflections On Black (Silentes, 2007)

Credo che sia la prima volta che su Sodapop venga recensito un lavoro di Andrea Marutti e/o di Giuseppe Verticchio,…

30 Aug 2007 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Tying Tiffany – Peoples Temple (Trisol, 2010)

Se esistono l'heavy metal e l'hard rock, perché non possono esserci anche l'heavy o l'hard plastic? Ecco, hard plastic mi…

15 May 2010 Reviews

Read more

Omosumo - Ep (Auprodotto, 2008)

Ancora Sicilia, ancora promesse, ancora cose da dire. Potremmo quasi definirla una seconda ondata, considerando come prima quello fiorita…

17 May 2009 Reviews

Read more

Daimon – S/T (Metzger Therapie, 2016)

Daimon è il nome che prende l’incontro fra la chitarra elettrica di Paolo Monti (The Star Pillow), le macchine elettroniche…

13 Feb 2017 Reviews

Read more

3eem - Echoes (White Label, 2011)

Di nuovo i 3eem, chi l’avrebbe mai detto? Onestamente disperavamo di ascoltare un seguito a Third Segment, vista l’assenza dalle…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Hibagon - Polyposmic (Taxi Driver, 2019)

Matematica impossibile, cosmica e con derive metalliche neanche troppo mascherate. Album totalmente strumentale per questo duo bergamasco interamente dedito ai…

04 Feb 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top